Vienna, un tuffo nel passato

Esplorando la città seguendo un immaginario fil rouge che lega tutte le principali attrazioni

  • di hummin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Visitare più volte la stessa città può voler dire cose molto diverse, o che ci si ritorna perché le esperienze precedenti non sono state soddisfacenti o perché ci ha colpito talmente tanto da non poterne fare a meno.

Con Vienna mi sono capitate entrambe le cose, il primo contatto con la città fu in un caotico Capodanno di qualche anno fa, un paio di giorni che mi permisero di intuirne il potenziale ma nello stesso tempo la confusione tipica di quel periodo non mi ha permesso di apprezzarla ed esplorarla come avrei voluto. Nel tempo ho sviluppato la convinzione che visitare una città sotto Natale ne dia un'impressione falsata, certo l'atmosfera è magica e questo è innegabile, ma non si riesce a percepirne il vero spirito.

A differenza della prima volta in questa occasione andiamo in aereo sfruttando una nuova tratta dall'aeroporto di Pisa con Laudamotion, troviamo dei biglietti molto convenienti per una permanenza totale di quattro giorni. Per visitare la città sono sufficienti. Va tenuto presente che a Vienna c'è molto da vedere e ci sono cose interessanti anche nei dintorni, giusto per fare una gita fuori porta. Non dico nulla di nuovo se sottolineo che è una città cara, ma come in tutte le cose sapendo cercare si riesce anche a limitare le spese.

Noi troviamo un hotel molto centrale, il Trend Hotel Anatol Wien, che si trova in una traversa di Mariahilferstrasse, meglio conosciuta come la via dei negozi, frequentatissima da viennesi e turisti. Struttura nuova, organizzata e pulita si trova a 200 mt. dalla fermata della metro di Zieglergasse, cosa non da poco se si considera che per esplorare Vienna la metro è fondamentale.

Come ho già anticipato Vienna è oggettivamente costosa, non solo in termini di hotel o ristoranti ma anche l'accesso alle varie attrazioni non è a buon mercato, se si vuol vedere qualcosa bisogna essere disposti a metter mano al portafoglio. Lo si può fare però in maniera intelligente, se partite con l'idea di vedere il più possibile allora consiglio di acquistare il Vienna Pass. Noi lo abbiamo acquistato online sul sito www.viennapass.it con qualche giorno di anticipo per arrivare già attrezzati. La spedizione è veloce, basta fare attenzione se lo si ordina nel periodo natalizio o in piena bagarre estiva e muoversi con un minimo di anticipo, il pass permette di accedere a più di 60 attrazioni senza dover fare sul posto il biglietto e saltando le code, senza contare la possibilità di usare gli hop-on hop-off per spostarsi in città. Non è economico nel senso che per per 72 ore come lo abbiamo fatto noi vi costerà almeno un centinaio di euro, ma calcolatrice alla mano la somma degli sconti che permette di avere su ogni singolo biglietto è notevole.

Personalmente consiglio di abbinarlo anche al biglietto per i mezzi pubblici (metro, bus, tram), la scelta logica è di farli della stessa durata, la differenza di prezzo è minima nel senso che aggiungendo quest ultimo si spendono circa 17 euro in più, ma il ritorno in termini di comodità nell'accesso ai mezzi è impagabile.

Devo confessare di aver avuto dei dubbi visto il costo, ma c'è di buono che in caso di mancato utilizzo il Vienna Pass viene rimborsato a patto che se ne faccia richiesta entro 30 giorni dall'acquisto, non male davvero.

17 GIUGNO

Si parte di domenica dall'aeroporto di Pisa nel tardo pomeriggio, il volo dura circa un'ora quindi si arriva relativamente presto. Ci sono vari modi per arrivare in centro città dall'aeroporto, taxi, bus o anche in metro, da tenere presente che la distanza da coprire è di quasi 30 km, per comodità noi abbiamo organizzato per tempo un trasferimento online, dal sito www.ats-vie.com si può inviare una richiesta specificando orario di arrivo, numero di passeggeri e destinazione, in poco tempo si riceve una e-mail con una quotazione, un prezzo fisso che differenzia questo servizio dai soliti taxi, basta rispondere alla mail per confermare il tutto e il gioco è fatto. Noi spendiamo 35 euro in due, sicuramente è meno economico di un bus o di una metro e più di un taxi, secondo me può essere valido se si arriva in orari particolari e non si ha voglia di impazzire per capire come spostarsi, c'è da sottolineare la puntualità e la professionalità del servizio, lo abbiamo utilizzato anche al ritorno per il percorso inverso

  • 11056 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social