In giro per l'Europa

In viaggio verso est tra Budapest, Cracovia, Bratislava, Vienna e Salisburgo

  • di inviaggioconimiei
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 5
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Chi mi segue e ha già letto qualche mio diario di viaggio sa che inviaggioconimiei si macinano spesso tanti chilometri! Anche quest'anno non ci siamo fatti mancare i nostri 3.000 km in giro per l'Europa, dirigendoci per la prima volta verso est e scoprendo dei paesi bellissimi.

Il mercoledì dopo il lavoro ci siamo spostati da Genova a Udine, in modo da spezzare il viaggio alla volta di Budapest, prima tappa del tour. A Udine siamo stati dalla zia e quindi la vacanza è iniziata nel migliore dei modi!

Il giovedì mattina siamo quindi partiti verso Budapest, affrontando un viaggio di circa 600 chilometri, attraverso la Slovenia e con sosta sul lago Balaton, il mare degli ungheresi: a dire il vero è piuttosto lontano dal nostro concetto di mare, noi non avremmo mai fatto il bagno nel Balaton, ma è molto suggestivo e una pausa pranzo la merita tutta!

Arrivati a Budapest nel tardo pomeriggio e sistemati presso Holiday Inn Budaors, dieci minuti d'auto del centro. Doccia, cambio e via verso il centro. L'impatto con Budapest al tramonto è stupendo: il Ponte delle Catene, il parlamento affacciato sul Danubio, la cattedrale di Santo Stefano, la collina del castello. Capiamo subito che abbiamo indovinato la destinazione della vacanza e che saranno tre giorni molto intensi e interessanti!

La mattina successiva, dopo una bella colazione, partiamo alla scoperta della città: come sempre iniziamo con il City tour in pullman, che ci permette di scoprire la città, la storia e individuare i monumenti e le attrazioni da visitare in maniera più approfondita. Partiamo dalla sinagoga, poi andiamo al parlamento e in centro, decidendo di tenere per il giorno successivo il castello di Buda e la chiesa di Mattia. Ci godiamo il tramonto dalla crociera sul Danubio, inclusa nel giro città e dopo una rinfrescata ci regaliamo una cena strepitosa da Kacsa, un ristorante unico, leggermente defilato dai soliti percorsi turistici, ma a pochi minuti a piedi dal ponte delle catene, nostro riferimento per il parcheggio: la cucina e l'atmosfera sono ungheresi al 100%, gulasch e anatra su tutto, accompagnati da violinista e pianista.

Dedichiamo il sabato mattina alla visita dell'area del castello, del Bastione dei pescatori e della chiesa di Mattia, vedendo la città da un'altra prospettiva, altrettanto affascinante. Al pomeriggio decidiamo di visitare il museo del terrore, individuato grazie al giro città, interessante nella sua crudezza e la piazza degli Eroi.

La cena del sabato sera non è facile da organizzare, molti ristoranti sono completi e piove! La fortuna ci assiste e ci imbattiamo in Pork and Prezli, gestito da simpaticissimi e disponibilissimi ragazzi, che ci consigliano piatti deliziosi e ottime birre.

Domenica ci spostiamo da Budapest a Cracovia, attraversando il Narodni Park, suggestivo e vagamente somigliante alla foresta nera. Per pranzo, in un piccolo ristorante nel cuore del parco, assaggiamo per la prima volta i pierogi, una specie di ravioli davvero spettacolari!

Anche a Cracovia arriviamo in serata, ma il nostro albergo Holiday Inn Krakow City stavolta è centralissimo. La prima sera rimediamo una cena discreta, da queste parti occorre prenotare perché i ristoranti sono sempre piuttosto affollati, e individuiamo quelli dove andare nelle serate successive.

Lunedì visitiamo Cracovia cominciando dalla collina del castello e della cattedrale, visitando solo la parte gratuita e proseguendo poi con il giro città in minibus: in questo modo oltre al quartiere ebraico, al bellissimo mercato dei tessuti e al cento possiamo visitare ciò che rimane del ghetto, la fabbrica di Oskar Schindler e conoscere meglio la travagliata storia della città

  • 375 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social