Viaggio di nozze negli States

Alla scoperta dei grandi parchi e delle città: San Francisco, Grand Canyon, Monument Valley, Antelope Canyon, Las Vegas e New York

  • di kikka505
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Siamo qua a scrivere il nostro primo diario di viaggio. Ci siamo sposati a luglio e per motivi di lavoro siamo riusciti a partire solamente ad agosto. Tutti i voli, alberghi, macchine e assicurazione sono state prenotate a gennaio, e ciò ci ha permesso di spendere complessivamente 5.000€.

Partenza da Bologna a Francoforte con ryanair, scalo di tre ore e imbarco con lufthansa direzione Los Angeles.Non siamo più nella pelle, finalmente il nostro sogno americano diventa realtà.Voli in perfetto orario e senza nessun problema. Arriviamo a Los Angeles alle 17 ora locale e in circa un’ora sbrighiamo le procedure doganali e finalmente eccoci…siamo in AMERICA!

Usciti dall’aeroporto prendiamo lo shuttle che ci porta da Alamo per noleggiare la macchina. E qui abbiamo il primo “intoppo”. Non ci volevano consegnare la macchina in quanto la prenotazione era stata fatta a nome di mio marito mentre la carta di credito era intestata a me! Dopo l’angoscia iniziale l’impiegata gentilmente ha annullato la prenotazione e ne ha fatta una nuova con il nome giusto. Ci dirigiamo a prendere la macchina e ci viene detto di prendere quella che vogliamo! Stupore! Decidiamo per una dodge challenger, con grande gioia di mio marito! Caricate le valigie, capito come funziona il cambio automatico, impostato il gps (l’abbiamo portato da casa) viaaaaa…direzione santa monica, verso il nostro b&b. Il primo impatto con l’America è stupefacente! Qui tutto è grande; l’autostrada ha 6 corsie per parte, le macchine sono enormi, tutto è enorme! Riusciamo a goderci il tramonto e finalmente siamo in albergo! Abbiamo prenotato il Channel Road Inn - A Four Sisters Inn! Una graziosa casetta azzurra di tre piani con personale gentile e disponibile!Doccia e andiamo di corsa verso il nostro primo pasto americano. Sarà la stanchezza, sarà che in aereo abbiamo mangiato tanto, ma non esco soddisfatta! Crolliamo sfiniti e congelati grazie all’aria condizionata a palla!

Il giorno dopo ci svegliamo di buon’ora e fatta colazione ci dirigiamo verso Beverly Hills; visitiamo Rodeo Drive, i quartieri con le mega ville e poi Hollywood con la walk of fame, il teatro cinese e da lontano vediamo la meravigliosa scritta! Nel pomeriggio ci dirigiamo verso Venice Beach, parcheggiamo e ci catapultiamo in spiaggia per vedere i Baywatch! C’è tutto quello che avevamo sempre immaginato! Palme, spiagge infinite, mezzi di soccorso, torri di controllo… percorriamo tutta la spiaggia e arriviamo al famoso molo di Santa Monica! Da qui ritorniamo indietro passeggiando per il lungomare dove ci sono tantissime persone che fanno fitness, con palestre all’aperto! Venice Beach è caratteristica, con i mercatini dei tantissimi homeless… odore di salsedine si mischia a quello di marjuana, ma è bella anche per questo! Facciamo cena in un pub lungomare con un meraviglioso tramonto alle nostre spalle e poi andiamo in albergo, domani mattina la sveglia suonerà prestissimo!

Il giorno successivo ci dirigiamo in aeroporto, lasciamo la macchina, e ci imbarchiamo per Phoenix, dove ci attenderà un caldo allucinante! Procedure per ritiro auto e andiamo a Flagstaff, dove trovato l’albergo e lasciate le valigie, andiamo verso il Grand Canyon per vedere il tramonto! Si può parlare all’infinito del Grand Canyon, vedere milioni di foto e immaginarlo quanto si vuole, ma trovarlo lì, al tuo fianco, in tutto il suo splendore, toglie il fiato! E’qualcosa di inimmaginabile che vale la pena visitare! Appena siamo arrivati era molto nuvoloso ma in cinque minuti abbiamo visto il tramonto più bello della nostra vita! Purtroppo le distanze in America sono elevate e per tornare a Flagstaff abbiamo impiegato tre ore!Siamo però tornati la mattina dopo, prima di partire per Page!Rimasti bloccati per un’ora circa nel deserto americano, con 40°, causa lavori (!), finalmente arriviamo a Page dove si trova il Lake Powell! Mangiamo al volo da Mc Donald e andiamo a vedere la Monument Valley. Abbiamo impiegato tre ore e siamo riusciti a vederla prima che tramontasse il sole, senza però fare il giro! Unico rammarico che avremo!

Il giorno dopo ci siamo diretti ad Antelope Canyon per fare l’escursione ma la prima ora disponibile era alle 14.00! Sballata la tabella di marcia, non abbiamo potuto fare altro che aspettare; ne abbiamo approfittato per vedere Lake Powell, meraviglioso lago di un azzurro immenso! Era pieno di barche e di gente che arrivava con ogni ben di Dio per passare la giornata! Finalmente arrivano le 14 e aspettiamo il nostro turno; veniamo caricati in furgoni con altre 2 coppie di italiani e 2 americane e inizia l’avventura! Antelope Canyon è qualcosa di magico, trovarsi lì sotto e vedere il lavoro che ha fatto la natura è qualcosa di unico! Purtroppo se ne approfittano tanto, abbiamo pagato 8 dollari per il parcheggio piu 25 dollari a testa per entrare, più le mance! Però ne vale veramente la pena! La nostra guida era preparata e ci ha spiegato tutto e fatto foto bellissime! Finita l’escursione abbiamo proseguito per Bryce Canyon dove siamo riusciti a vedere il rodeo! Cena nel ristorante dell’hotel (non ci sono tanti hotel e ristoranti a Bryce) e ci addormentiamo sfiniti!

La mattina dopo partiamo presto per andare a vedere qualche point view e goderci della tranquillità mattutina! Bryce Canyon è un parco meraviglioso e come tutti vale la pena avere qualche giorno a disposizione per visitarlo! Sembra di tornare indietro nel tempo e di vedere arrivare da un momento all’altro i cavalli con sopra gli indiani! Abbiamo poco tempo a disposizione, dobbiamo andare a Las Vegas! Partiamo da Bryce che sono 20 gradi, arriviamo che sono 40°! Un caldo afoso infernale; alloggeremo al New York New York! Un bell’hotel lungo la strip! Abbiamo la splendida idea di uscire e visitare la strip alle due di pomeriggio!! Vi lascio immaginare il caldo che abbiamo patito! Las Vegas ci è piaciuta, vale la pena vederla almeno una volta nella vita, ma non è un posto dove vorrei ritornare!E’ la città stravagante per eccellenza, si trova di tutto e tutti! Abbiamo visto l’mgm, il Paris, il Bellagio con il suo spettacolo di fontane , il Venetian con il suo lusso sfrenato, il Caesar palace dove hanno girato una notte da leoni,l’Excalibur,il Luxor,il Planet Hollywood! La sera abbiamo cenato con un hot dog lungo la strip e abbiamo fatto anche una puntatina alle slot vincendo due dollari! :-D Meglio di niente!

La mattina dopo abbiamo chiamato un taxi e siamo andati a fare shopping al South Premium Outlets! Mezza giornata è bastata per tornare in hotel stracarichi di sacchetti! Nel pomeriggio altro giro lungo la strip e la sera abbiamo cenato nel ristorante messicano del nostro hotel! Sveglia presto, recuperata la macchina e direzione Yosemite National Park!Abbiamo fatto una piccola deviazione alla Death Valley e devo dire che ne è valsa la pena. Siamo potuti arrivare solamente a Furnace Creek ma quello che abbiamo visto rimarrà per sempre nei nostri ricordi! Sembrava veramente di stare dentro ad un film, il caldo era pazzesco, il cielo azzurro terso e tutt’intorno solamente deserto e terre bruciata! Un paesaggio lunare! Mancava solamente un teschio affianco alla strada!Usciti dall’inferno continuiamo per lo Yosemite; finalmente dopo otto ore di guida arriviamo al nostro hotel!Panico iniziale quando ci dicono, anzi deduciamo noi dalle loro facce, che la nostra prenotazione non c’è! Fortunatamente ci trovano una stanza e andiamo a mangiare nell’unico ristorante della zona! Dopo cena mentre parliamo abbiamo il piacere di avere la compagnia di due graziosissimi procioni!

La mattina dopo andiamo a vedere le sequoie, immense! Poi proseguiamo con l’Half Dome e le Yosemite Falls, secche! Ceniamo presto, qui alle 21 chiudono!!Nanna e partenza per San Francisco, finalmenteeeeeeeeee! A San Francisco abbiamo qualche problema a guidare e a trovare l’Alamo; una volta capito dove si trova lasciamo le valigie in albergo e ci dirigiamo per lasciare l’auto!Alloggiamo all’hotel Fusion, in ottima posizione dato che si trova ad Ellis street, una via dietro a Market Street! Non ne siamo rimasti particolarmente soddisfatti, la camera dava in un cortile interno e quando gli ospiti della camera sopra di noi rientravano, praticamente sembrava che il soffitto crollasse! Per fare colazione bisognava prendere l’ascensore e arrivare in una stanza, prendere quello che si voleva e tornare in camera perché li non c’era spazio!

Il primo giorno abbiamo percorso tutta market st arrivando all'embarcadero con tutti i suoi negozietti! Abbiamo proseguito e siamo arrivati al pier 39 dove abbiamo mangiato da Bubba Gump e fatto foto con i leoni marini mentre si crogiolavano al sole! Continuando ecco il Fisherman's wharf, piazza ghirardelli e foto veloce mentre salgo sul cable car! Non siamo saliti perchè la fila era troppo lunga.Siamo arrivati a Lombard Street, la strada più tortuosa al Mondo! Via carinissima piena di fiori e con una visuale meravigliosa... vicino si trova il quartiere Russian Hill, con le casette tipiche tutte colorate! Proseguiamo per chinatown, quartiere che ci è piaciuto tantissimo, colorato e pieno di gente! Ci siamo fermati a cena in un pub dove ho gustato una meravigliosa zuppa che mi ha decisamente scaldato, considerato che fuori c’era nebbia, pioggierellina e 15°! Tipica serata nostra autunnale!

Il giorno dopo abbiamo percorso migliaia di kilometri (poveri piedi); visto il municipio da fuori abbiamo attraversato Alamo Square, e finalmente siamo arrivati al Golden Gate Park! Qui siamo entrati al Japanese Garden, un giardino giapponese curato meravigliosamente, con carpe, aperitivi giapponesi e una tranquillità fuori dal mondo! Visitato il Golden Gate Park ci siamo diretti a Castro, quartiere conosciuto per essere il cuore della comunità gay! Molto particolare e carino, vale sicuramente una visita!Ci siamo incamminati verso market street dove abbiamo preso un taxi per arrivare a Japantown; ne siamo rimasti delusi, pensavamo fosse un bel quartiere invece non ci ha entusiasmati! Ritornati verso l’albergo abbiamo fatto cena in un delizioso locale jazz dove ho mangiato una semplice ma squisita insalatona!

Il giorno successivo abbiamo noleggiato due biciclette e ci siamo diretti verso il Golden Gate Bridge; percorso tutto il ponte siamo arrivati a Sausalito ma abbiamo preferito non prendere il traghetto e ritornare indietro con le bici! La visuale che si ha prima di arrivare al Golden Gate Bridge è bellissima… un mare azzurro contrastato dal verde dei prati dove ci sono persone che corrono, fanno la grigliata, giocano! Tornati indietro abbiamo lasciato le bici, e ci siamo diretti in albergo dove ci aspetta lo shuttle per l’aeroporto dove un volo ci avrebbe portato a New York! Lasciamo una città che è rimasta nei nostri cuori, nonostante gli sbalzi di temperatura e le mega salite, ma piena di cani, di vita, di giovani e vivibilissima!

Arriviamo a New York alle 7 di mattino; il viaggio è stato tranquillo e appena usciti dall’aeroporto troviamo la fila di taxi! Arriviamo cosi a Time Square, da veri e propri turisti! Il primo impatto con la città non è bellissimo! Sarà che è un giorno che non dormiamo e dobbiamo nuovamente fare i conti con il fuso orario, sarà che non c’è nessuno per strada, ma ecco…non è come pensavamo! Invece ci sbagliamo di grosso! Tempo due ore e iniziamo a vedere la vera New York! Hot dog ai lati della strada, polizia e ambulanze a tutto spiano, valanga di turisti.. finalmente eccolo… Central Park. Visto tantissime volte al cinema, nemmeno ci sembra vero di trovarci qui! Il polmone verde della città, enorme, dove ci sono famiglie che fanno pic nic, mamme a passeggio con i figli, con i cani, impiegati con asciugamano e pranzo! Noi ci godiamo un po questo relax, proseguiamo per la fifth avenue e ci rifacciamo gli occhi con tutti quei negozi! Finalmente possiamo avere la nostra camera; abbiamo scelto il Paramount Hotel situato a due passi da Time Square, quindi in posizione strategica. Ci riposiamo un po, doccia e poi alle 19 abbiamo il biglietto già prenotato per il Top of The rock! E qui…è un’esplosione di emozioni! New York è sotto ai nostri piedi, riusciamo a vedere tutto, la Statua Della Liberta, l’Empire, Central Park, il Ponte di Brooklyn! Finalmente siamo al centro del Mondo! Ceniamo all’hard rock caffè e dopo un’attesa di mezz’ora finalmente abbiamo il nostro tavolo! Mangiamo divinamente! Il giorno dopo facciamo colazione nel bar dell’hotel e con la metropolitana arriviamo al Meatpacking District e visitamo Chelsea Market, dove troviamo ristoranti e locali in voga a New York! Proseguiamo con l’high line, ex ferrovia dove è stata creata una passeggiata! Ah l’ingegno dei newyorkesi!! Continuiamo per la Brodway, attraversiamo il Greenwich Village, Soho, Washington Square, Tribeca, e arrivaimo al Ponte di Brooklyn! Lo attraversiamo e arrivati a Brooklyn prendiamo un taxi water che ci riporta al molo! Da qui attraversiamo Wall Street, cerchiamo fortuna toccando il famoso toro, vediamo Trinity Church e arriviamo nel grande vuoto lasciato dalle torri gemelle! Visitiamo la St Paul’s Chapel e usciamo con le lacrime agli occhi! Troviamo biglietti, ringraziamenti, elmetti dei vigili del fuoco, foto, tutto quanto parla e ricorda l’11 settembre! Con la metropolitana ritorniamo in hotel, e andiamo a cena in un ristorante cubano! Giro a Time Square e poi finalmente letto! Di buon’ora partiamo e con la metropolitana arriviamo al traghetto per la Statua della Libertà dove fortunatamente non dobbiamo fare la fila in quanto avevamo già i biglietti! Scendiamo alla Statua senza salire, facciamo un giro e poi ci rimbarchiamo per Ellis Island! Vale la pena vederla perché l’audioguida è efficiente, e spiega tutto benissimo! Abbiamo impiegato circa due ore, e una volta ritornati a Manhattan facciamo il biglietto per visitare il museo dell’11 settembre! Non ci rendiamo conto, ma saremo lì sotto per ben 5 ore! Usciamo senza parole! Fuori parleremo anche con un volontario che ci racconta quel giorno; quello che sorprende è la forza che hanno di andare avanti e rispondere a tutte le nostre domande! Le torri hanno lasciato un buco enorme, e ora al loro posto ci sono le fontane, che troviamo questa volta illuminate! Ritorniamo in hotel e ceniamo con un’insalata veloce!

L’ultimo giorno lo dedichiamo a comprare qualche ricordino e ultimo giro a Central Park, poi abbiamo il volo e purtroppo il nostro sogno finisce! E’stato un viaggio meraviglioso; abbiamo conosciuto e parlato con gente del posto, sono stati tutti carinissimi nell’aiutarci, abbiamo visto paesaggi e posti spettacolari, imparato culture nuove, vissuto in mezzo a loro e tornati a casa con un gran macigno nel cuore, con la speranza di tornare presto!

  • 4790 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social