I colori del Vesuvio

Di lui hanno scritto Goethe e Leopardi: con precedenti tali, raccontare il Vesuvio sarà in salita, come la visita. La combinazione di reminescenze letterarie, grado zero della natura, storia quasi divenuta mito avrebbe dovuto spingermi a scalare il vulcano molto ...

  • di Lorena Di Nola
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Di lui hanno scritto Goethe e Leopardi: con precedenti tali, raccontare il Vesuvio sarà in salita, come la visita. La combinazione di reminescenze letterarie, grado zero della natura, storia quasi divenuta mito avrebbe dovuto spingermi a scalare il vulcano molto prima. Ci sono passata davanti migliaia di volte; ha sempre marcato l’orizzonte per me, casertana. Le pendici del monte sono verdi e ospitano un museo di arte contemporanea all’aperto: perfetto intrattenimento quando si è in coda. L’idea dovrebbe essere copiata in parecchi tratti della nostra rete autostradale. Gli autisti incolonnati si improvvisano parcheggiatori, agitano le mani fuori dai finestrini e danno consigli di guida; c’è chi, temerario, scende dall’auto per dirigere il traffico: manca solo il fischietto. La scalata in macchina si rivelerà più stancante di quella a piedi. All’inizio del percorso una coppia di anziani distribuisce bastoni di legno agli scalatori improvvisati. In salita i bastoni sembrano un simpatico orpello: c’è chi li usa a mo’ di spada in una foto ispirata ai tre moschettieri, chi ne fa un’arma per catturare una lucertola. E’ nella discesa - abbastanza ripida da lasciare a molti un livido come indesiderato souvenir - che se ne scopre l’utilità. La salita si snoda su un percorso racchiuso da staccionate in legno: da alcune angolature il tracciato ricorda la muraglia cinese. La terra è nera, bruciata, o rossa, carica di ferro: sembra quasi un paesaggio marziano, privo di acqua, finché non ti giri e alla tua destra compare la distesa blu interminabile del Mediterraneo. Un cartello solitario troneggia sulla fiancata del monte; coperto di polvere e circondato da sassi e lapilli di ogni forma, ricorda il pericolo caduta massi. Per l’altro pericolo, quello dell’eruzione, non si sprecano cartelli.

A Leopardi hanno ispirato riflessioni sul ruolo dell’uomo nell’universo, a me un più profano ‘Ma dove sono’? Di ginestre non c’è abbondanza sul Vesuvio: il giallo non si aggiunge alle tinte del monte. La vista da qui abbraccia tutto il golfo e, come se non bastasse, la costiera amalfitana e ben tre isole: una sfida per il grandangolo di qualsiasi macchina fotografica. E’ l’immagine da cartolina, conosciuta pure a Tokyo, incorniciata però dai ramoscelli spelacchiati di un albero tenace, anziché dal pino o dal limone. Che contrasto fra questo marrone e il blu del mare, fra l’assenza di vita del vulcano e la densità abitativa del napoletano. Finalmente siamo in cima. I flash scattano come ad una sfilata di moda; tutti in posa davanti al cratere: la bestia è stata domata. Certo la foto ricordo verrebbe molto meglio se sullo sfondo ci fosse una colata lavica: il turista deve accontentarsi di un paio di fumarole. Prima di fare ritorno, gli scalatori si godono il successo: una coppia improvvisa un picnic sul bordo del cratere, un’altra si stende su un telo a prendere il sole, un ragazzino scrive frasi romantiche col bastone sulla sabbia - un ‘ti amo’ infuocato davvero. L’aria festosa viene interrotta da uno scoppio improvviso: il cielo si riempie di fumo, i volti si turbano e scappa qualche grido di paura. Servono alcuni secondi per capire: non stiamo per saltare in aria, era solo un fuoco d’artificio.

La discesa è ripida e al pericolo caduta sassi si aggiunge il pericolo caduta persone. Raggiungiamo incolumi l’ingresso, restituiamo i bastoni all’anziana coppia e ci rimettiamo in auto. C’è chi durante la scalata ha proposto ironicamente di raccogliere spazzatura nel cratere del vulcano: un inceneritore naturale, più funzionante di certi termovalorizzatori. La discesa dal monte mitico segna il ritorno alla realtà: non è solo la natura ad essere estrema in questi luoghi Lorena Di Nola

  • 893 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social