Los Roques. Che meraviglia!!!

Los Roques Venezuela dal 26-2-05 al 7-3-05 Si parte finalmente. Destinazione: Los Roques. Un mondo fantastico ed incantato. Uno dei posti di mare più belli che abbiamo mai visto e, per immensa fortuna, siamo dei viaggiatori!!! Qualche consiglio pratico: -protezione ...

  • di Bb
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Los Roques Venezuela dal 26-2-05 al 7-3-05 Si parte finalmente. Destinazione: Los Roques. Un mondo fantastico ed incantato. Uno dei posti di mare più belli che abbiamo mai visto e, per immensa fortuna, siamo dei viaggiatori!!! Qualche consiglio pratico: -protezione solare totale o comunque molto alta (sabbia bianca, mare trasparente e poca ombra la fanno da padrone); -k-way perché nelle imbarcazioni si prende acqua a go-go e c’è vento; -dollari perché hanno un cambio sui bolivares più vantaggioso rispetto all’euro (sia in banca che al nero...); -costume, pareo, cappellino, occhiali da sole, maglietta per ripararsi dal sole, maglietta a maniche lunghe per la sera, cremina post-puntere di insetto sono le uniche cose che vi servono davvero...; -portare poco perché sull’aereo Caracas-Los Roques si può imbarcare massimo 10kg. Ogni kg in più si paga 1 dollaro (anche se solo all’andata). E’ sconsigliato il bagaglio rigido. Meglio portare il bagaglio a mano così si evita il rischio di averlo in consegna dopo 2-3 giorni. Tra l’altro se si è fortunati, si riesce a prendere l’ultimo aereo per Los Roques; -Posada Albacora: categoria de luxe. L’abbiamo trovata su internet ed eravamo curiosi. Gestita da Paolo italiano e Shyla ispano-portoghese. Sono molto simpatici e cordiali. E’ stata rinnovata da pochissimo ed è arredata con molto gusto. L’accoglienza è ottima, si mangia divinamente, ha una bella terrazza, c’è acqua calda e aria condizionata (non tutte le posadas ce l’hanno...); è previsto il trattamento all-inclusive (diffidate delle posadas che costano poco perché gli extra sono tanti e costano molto). Buono il rapporto qualità-prezzo; -Si mangia dell’ottimo pesce e dei succhi di frutta strepitosi. Buono il vino cileno; -Francisky, Madrisky, Rasky, Cayo de Agua sono meravigliose; -È possibile affittare dei bellissimi catamarani (meglio prenotare in anticipo dall’Italia).

Una breve descrizione del nostro soggiorno: 26.2 Abbiamo bisogno di uno stacco dal freddo e siamo un po’ stanchi del tran-tran quotidiano. Un po’ di ansia per come sarà la vacanza e come staremo. Viaggiamo con Alitalia. Non facciamo a tempo a prendere il volo per Los Roques. Anche altri viaggiatori giunti con altre compagnie dormono nei pressi dell’aeroporto di Caracas. Poiché è una città, al momento, pericolosa decidiamo di non uscire dall’albergo...Peccato sarà per la prossima volta!!!.

27.2 Prendiamo un aereo da 15 posti della Transaven e dopo poco meno di 1 ora atterriamo dopo un ottimo volo a Gran Roque. L’isola è l’unica ad ospitare le posadas e gli abitanti dell’arcipelago. Il posto è magnifico e sembra fuori dal mondo. Le strade sono di sabbia e passa solo il camion dell’acqua. Accoglienza nella posada Albacora con focaccia calda ripiena e partenza immediata per Francisky. Prendiamo una barca veloce e arriviamo dopo pochi minuti di navigazione. Sbarchiamo con ombrellone e sedie e la ghiacciaia fornita da Albacora. Il mare è da sogno e per me è bello almeno quanto quello delle Maldive se non di più. I fondali non sono eccezionali per chi vuole fare snorkelling ma i colori sono incantevoli. Sembra di nuotare in un’enorme piscina.

28.2 Rasky. C’è una lingua di sabbia nel mare che sembra irreale. Facciamo amicizia con Roberto e Lorenza che sono in posada con noi. Si reiveleranno degli ottimi compagni di viaggio per tutta la settimana.

1.3 Madrisky e Cayo Pirata. Sono collegate da un braccio di mare attraversabile a piedi. A Cayo Pirata ci sono le casette dei pescatori e si può girare a piedi facendo una magnifica passeggiata 2.3 Noronky. Bella, selvaggia, spiaggia piccola. La sera aperitivo cocoloco molto buono da Bora de mar 3.3. Francisky di nuovo. Ma nella spiaggia piccola dopo la mangrovia. Con due bracciate arriviamo su un’altra isoletta e facciamo un giro a piedi. La sera aperitivo molto buono da Acquarena 4.3 Cayo de Agua: spendida lingua di sabbia tra due bracci di mare. Dos Mosquises dove si vedono le tartarughe in vasca (noi abbiamo preferito fare un giro a piedi). Espenky bella e selvaggia.

5.3 Madrisky di nuovo. Le isole vicino a Gran Roque sono splendide. Inizialmente pensavamo di andare a Carenero ma per quel giorno non siamo riusciti a trovare una barca che ci portasse (a volte a causa del mare o della richiesta più bassa non vanno alle isole più lontane).

6.3 si riparte portandosi dietro i colori del mare...

  • 638 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social