Viaggio a Los Roques

Racconto di un viaggio a Los Roques. Venezuela. Siamo partiti il 30 gennaio 2005, io, mia moglie e una coppia di amici, dall'aeroporto Marco Polo di Venezia, volo della Tap per Caracas con sosta di una notte a Lisbona. Era ...

  • di Fausto
    pubblicato il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Racconto di un viaggio a Los Roques. Venezuela.

Siamo partiti il 30 gennaio 2005, io, mia moglie e una coppia di amici, dall'aeroporto Marco Polo di Venezia, volo della Tap per Caracas con sosta di una notte a Lisbona.

Era una mattinata con un freddo cane (6° sotto zero) ma al solo pensiero di essere diretti ai tropici quasi non si sentiva.

La partenza era prevista per le 12:30 ma abbiamo spiccato il volo con un ritardo di 30 minuti.

L'aereo era semi vuoto, hostess cordiali, servizio a bordo buono.

Siamo arrivati a Lisbona verso le 15:30 ora locale, e dopo aver ritirato il voucher presso il desk della TAP abbiamo effettuato il trasferimento verso l'albergo potendo così dare un rapido sguardo alla città per la prima volta, apprezzando il suo fascino e la sua bellezza. Per la cena abbiamo optato per uno dei tanti ristoranti del Barrio Alto.

Il mattino dopo alle 12:30 siamo partiti alla volta del Venezuela e dopo nove ore circa di volo siamo atterrati a Caracas.

All'aeroporto ci stava aspettando Hector, l'uomo di fiducia della posada Lagunita a Los Roques, il luogo di tutto il nostro soggiorno, prenotato via internet. Hector ci ha portato in città (35 km dall'aeropoto), all'hotel e poi a cena. Caracas è una metropoli di sette milioni di abitanti divisa in due parti, favelas e quartieri alti, comunque caotica, inquinatissima, (a confronto, l'aria di casa nostra nei giorni più inquinati ha un profumo di rose), pericolosa e non ha nulla di veramente interessante da vedere.

Il mattino dopo sveglia alle sei e partenza per l'aeroporto Ausiliar, disbrigo delle solite formalità e partenza per Los Roques con un bimotore della Blue Star piuttosto vecchiotto. Il volo è stato emozionante sia per la splendida giornata sia per il panorama dell'arcipelago visto da 5000 piedi (1500 metri) di quota. Dopo 40 minuti di volo siamo atterrati a Gran Roque, l'isola principale dell'arcipelago, su una pista di terra battuta con la torre di controllo collocata su un cassone sopraelevato di un autocarro. Al nostro arrivo ci attendeva Andrea il patron della posada che ci ha aiutati per la nostra sistemazione (finalmente siamo arrivati). Descrivere Los Roques è molto impegnativo, la bellezza del luogo, i colori cangianti del mare di incomparabile bellezza, la natura che ti circonda e la vita sottomarina ti lasciano senza fiato.

Los Roques è un arcipelago, dichiarato parco naturale dal 1979, con una trentina, circa, di isole grandi e piccole, disposte a semicerchio con molta vegetazione e una grande laguna interna; non ci sono alberghi, residence, villaggi turistici o quant'altro si possa trovare nelle grandi mete turistiche quindi a chi cercasse queste sistemazioni sconsiglio senz'altro di venir qui.

A Los Roques come sistemazioni ci sono solo delle “posadas” che non sono altro che delle vecchie case di pescatori restaurate e ristrutturate per ospitare delle persone come in una normale pensione, quindi ci vuole un po' di spirito di adattamento.

La posada Lagunita (www.Posadalagunita.Com) ha tutto il necessario per un normale soggiorno(escluso l'acqua calda che nell'isola, chissà perché, non c'è) in compenso ha la grande cordialità, la gentilezza, di tutto lo staff di Andrea che si è fatto in quattro per soddisfare le nostre esigenze. Un'altra caratteristica positiva della posada è il cenare tutti assieme con una tavolata nella grande sala da pranzo, creando così un clima cordiale che a fatto nascere tante belle amicizie. Le cene, vi assicuro, sono state gustose ed abbondanti con pesce e ottimo vino a volontà

  • 1719 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social