Venezuela senza pregiudizi

Ciao a tutti, mi chiamo Antonella e volevo raccontare il mio viaggio in Venezuela anche se, visto che ci sono stata nell’agosto del 2007 le informazioni non sono più così attuali. Il Venezuela mi è piaciuto moltissimo, come del resto ...

  • di txakoli
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ciao a tutti, mi chiamo Antonella e volevo raccontare il mio viaggio in Venezuela anche se, visto che ci sono stata nell’agosto del 2007 le informazioni non sono più così attuali. Il Venezuela mi è piaciuto moltissimo, come del resto mi hanno affascinato i numerosi paesi sudamericani che ho già visitato, per cui ho pensato che forse valeva la pena condividere i miei ricordi. Eravamo in due e siamo partiti da Bologna con un volo Air France prenotato su expedia.

Notizie utili: Vaccinazioni: Noi non ne abbiamo fatta nessuna. A mio avviso bisogna solo fare attenzione un po’ nella Gran Sabana dove, peraltro, sono più fastidiosi i puri-puri (che però sono innocui) che le zanzare. Se però volete “sconfinare” in Brasile ci vuole la vaccinazione per la febbre gialla. Le condizioni igieniche ci sono sembrate dignitose ovunque (naturalmente nei posti che abbiamo visitato) Denaro: Ci sono due cambi quello ufficiale e quello nero e c’è anche una discreta differenza. E’ meglio avere dollari che euro dal momento che tendono a considerarti l’euro dello stesso valore del dollaro. I bancomat sono presenti un po’ ovunque ma non tutti hanno disponibili i soldi. Inoltre cosa che abbiamo notato è che bisogna essere molto veloci nell’esecuzione delle operazioni. La maggior parte delle agenzie che organizzano escursioni non accetta carte di credito per cui considerate di avere con voi un po’ di contante e comunque è più favorevole pagare in dollari.

Pericolosità: Noi non abbiamo avuto disavventure per cui ci viene facile dire che il Venezuela non è un paese particolarmente pericoloso. O meglio non più pericoloso di altre città latinoamericane. Ciò significa comunque che sono posti dove bisogna avere un certo livello di attenzione e, consiglio che va bene sempre ovunque, non ostentare nulla dal denaro agli abiti ai gioielli ecc.

Telefono: Consiglio di usare le tessere telefoniche che si trovano ovunque e di telefonare da telefoni pubblici: chiamare sia l’Italia che il Venezuela costa pochissimo. Chiamare con il cellulare invece è molto più dispendioso.

Ricettività: Una cosa che abbiamo riscontrato è che in agosto in Venezuela c’è molto turismo soprattutto venezuelano per cui può essere un po’ difficile trovare subito da dormire Trasporti: La benzina non costa nulla di conseguenza noleggiare un’auto – cosa che noi non abbiamo fatto- può essere comodo. Però anche tutti i mezzi di trasporto sono molto economici e comodi, anche “affittare” un taxi per l’intera giornata può essere meno dispendioso che noleggiare un’auto.

Gli autobus soprattutto i bus cama per le lunghe tratte sono nuovi e comodi. L’unico inconveniente è l’aria condizionata molto alta sia di giorno che e soprattutto di notte.

Ovviamente gli autobus non sono mai in orario. L’orario serve solo ad indicare che prima di quell’ora non passa. Politica: Non voglio dilungarmi sulla politica attuale del Venezuela anche perché in effetti un mese è troppo poco per potere capire veramente ma l’impressione che ho avuto è stata comunque positiva. La popolazione è abbastanza divisa, l’oligarchia ricca e benestante e la media borghesia (prevalentemente di origini italiane) è antichavistia il popolo invece è massicciamente con Chavez. La stampa e la televisione sono, prevalentemente, dell’opposizione e sinceramente parlare di dittatura mi sembra proprio fuori luogo. Comunque ciascuno andando senza preconcetti e senza paura magari approfondendo con le numerosissime e valide letture che si trovano si farà la propria idea

  • 8100 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social