I viaggi dei Barto: autumn in Venice

Inizio di autunno tra i sestieri di Venezia

  • di pabarto
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

I GIORNO 08/10/2016

Non è la prima volta che andiamo a Venezia, ma essendo passati venti anni dall’ultima visita e non avendola, i nostri figli, ancora vista decidiamo di concederci un week end lungo durante questo primo scorcio di autunno.

I giorno: 8/10/2016

Partiamo Sabato 8 Ottobre subito dopo pranzo in direzione Favaro Veneto dove alloggeremo per tre notti presso l’Hotel Ducale approfittando anche di una notte gratuita accumulata con Hotel.com. L’albergo è pulito e silenzioso, ottima la colazione, lo staff gentile e la posizione strategica per chi non vuol soggiornare proprio a Venezia, a pochi metri di distanza infatti vi è sia la fermata del pullman che della tranvia che in circa 20 minuti raggiungono P.le Roma. Capitolo biglietti, una corsa su terra costa euro 1,5 per 75 minuti ed è possibile fare una tessera di 10 ticket al costo di euro 14 utilizzabile da tutta la famiglia, una corsa del vaporetto euro 7,50! Esiste inoltre un biglietto della durata di 24h (costo euro 20) utilizzabile su tutti i mezzi (consigliabile nel caso si voglia fare il giro delle isolette della laguna). Purtroppo non sono molto chiare le istruzioni per la timbratura del biglietto da 10 corse, quindi prego annotarvi quanto sotto frutto della nostra esperienza. Se ad esempio siete in 4 persone e avete un biglietto da 10 corse, dovete poggiare il biglietto sotto il display della macchinetta timbratrice e senza toglierlo digitare il tasto “+” tante volte quante sono le persone che vi accompagnano (ad esempio se siete in tre, poggiate il biglietto e senza toglierlo premete due volte il tasto “+” ed avrete una timbratura per voi più altre due per gli accompagnatori).

Detto questo torniamo a noi, tra una cosa e l’altra arriviamo a P.le Roma intorno alle 18 e facciamo un primo assaggio della città lagunare raggiungendo a piedi prima la Chiesa dei Frari (il coro ligneo è stupefacente) il Ponte di Rialto (purtroppo in fase di ristrutturazione) e successivamente Piazza San Marco. Cominciamo a sentire un po’ di fame e su suggerimento dei ragazzi stasera la scelta cade su Mc Donald’s in zona Strada Nuova. Mentre ceniamo comincia a scendere una fastidiosa pioggerellina che vista anche l’ora ci convince a prendere la via del ritorno.

II GIORNO: 09/10/2016

La giornata è freddina ma soleggiata, quindi colazione pullman e via in direzione Ponte dell’Accademia per raggiungere la Chiesa della Salute e Punta della Dogana da dove si gode secondo noi una delle migliori vedute di Venezia in particolare di Piazza San Marco e dei suoi gioielli. A poca distanza è possibile visitare il Peggy Guggenehim Museum, una splendida collezione di opere d’arte comprendente opere di Picasso, Pollock, Kandinsky, Ernst (marito di Peggy), De Chirico, Dalì Mirò e altri ancora nello splendido scenario del Palazzo Venier dei Leoni affacciato sul Canal Grande un tempo abitazione della espositrice. Questa stupenda collezione poteva andare distrutta completamente a causa dell’alluvione del 1966 ma fortunatamente il caso volle, che tutte le opere fossero già state impacchettate e spedite a Stoccolma per un’esposizione in terra scandinava. Finita la visita ci dirigiamo verso il Ponte dell’ Accademia dal quale è impossibile non scattare foto a non finire visto gli scorci meravigliosi che regala sul Canal Grande. Decidiamo di dirigerci verso Piazza San Marco godendo e assaporando ogni calle e ogni Campo che incontriamo perché questo secondo noi è il modo più bello per visitare questa città magari tralasciando qualche via sicuramente più turistica ma meno affascinante. Campo Santo Stefano, Campo Sant’Anzolo, Campo San Moisè e infine Piazza San Marco enorme, luminosa perfetta. Facciamo una ventina di minuti di fila prima di raggiungere l’ascensore che ci porterà sulla cima del campanile da dove, inutile dirlo si gode tutta la bellezza della città dei Dogi e delle isole che la circondano. Una volta lasciato il campanile, visto che manca un’ora alla chiusura visitiamo la Basilica di San Marco che con la fusione dello stile gotico romanico e bizantino non ci lascia certo indifferenti. Da non perdere la visita alla Pala D’oro (ingresso 2 euro), un paliotto conservato nel presbiterio della Basilica, composto da oro argento e innumerevoli pietre preziose, narrante vicende evangeliche e altre scene religiose. Lasciamo la Basilica e dopo un meritato momento di relax ci dirigiamo nuovamente verso la zona del Ponte di Rialto soffermandoci in particolare ad ammirare le bellissime maschere che sembrano osservarci dalle vetrine dei negozi. Un laboratorio però attira in particolare la nostra attenzione “La Bottega dei Mascareri”, è molto piccola, poco illuminata ma sprizza autenticità e tradizione da tutti gli angoli. Entriamo e ci accoglie, nell’angusto negozietto, l’autore (il Sig

  • 2330 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social