Valencia

Borgo, cittadina o centro storico

Descrizione

Il nostro viaggio a Valencia (dal 23 al 27 aprile 2014) è stato molto bello.

Eravamo due famiglie (quattro adulti e tre bambini da 7 ad un anno di età) Siamo partiti dall’aeroporto di Bergamo alle 6.25, dormendo la sera prima ad Azzano s.Paolo presso il “bed&breakfast Barbara”, una struttura molto accogliente ad un km e mezzo dall’aeroporto. La proprietaria (che abita al piano di sopra con tutta la famiglia), molto disponibile e cordiale, ci ha messo a disposizione un ampia tavernetta dove siamo stati comodamente tutti, compreso nel prezzo (molto interessante) c’è anche la colazione, il parcheggio per le auto per tutta la durata della vacanza e il trasporto verso e dall’aeroporto.

All’arrivo a Valencia potete acquistare i biglietti per la metro direttamente presso l’ufficio presente in aeroporto. Il consiglio è di acquistare solo i biglietti che vi permettono di arrivare in città (attenzione che l’aeroporto è in zona D e la città è considerata zona A, dovete pagare quindi la tratta intera), perché Valencia è visitabile comodamente a piedi se la vostra residenza è nella zona centrale della città, altrimenti consiglio l’abbonamento di 10 corse che permette l’utilizzo nella zona A (la più interessante) ad 11 Euro.

L’appartamento al primo piano che abbiamo affittato (Reina apartments, in via maestro Gonzalbo 31, a 800 metri dalla stazione della metro Colon, linea 3) era composto da 3 camere, cucina, salotto, doppi servizi, veranda con sedie ed ombrellone TV 40 pollici con decoder e molti canali italiani, cucina attrezzata con frigo, lavatrice, lavastoviglie, piastre elettriche; sotto casa c’è un piccolo supermercato e un bar. Le nostre due famiglie erano perfettamente indipendenti nell’appartamento. Il tutto a 405 Euro per quattro giorni tutto compreso (facendo due conti, 50 Euro per ogni famiglia al giorno).

Valencia è molto bella da visitare a piedi, sconsiglio l’acquisto della Valencia Tourist Card perché le agevolazioni proposte e la gratuità dell’utilizzo dei mezzi pubblici non la rendono così conveniente per un soggiorno prettamente turistico. I luoghi principali da visitare sono il museo della scienza e il museo oceanografico (se acquistate su internet il pacchetto si risparmia il 20% del costo totale ed evitate la coda alla cassa), il parco ricavato in quello che era anni fa il letto del fiume Turia, ora trasformato in un parco verde di quasi 9 km che divide in due la città, ci sono campi da gioco per molti sport, laghetti, panchine, aree attrezzate per i bambini, un magnifico parco giochi che riproduce la sagoma di Gulliver ma che in realtà sono tutti scivoli per i bambini, attrezzature per la ginnastica.

Il cibo è buono (attenti all’aglio, lo trovate dappertutto), da evitare secondo me i ristoranti del centro, meglio quelli sul lungomare. Per esperienza siamo andati a cenare al ristorante Azahar (quasi al fondo del porto della coppa America), dove ci hanno portato due padelle di paella valenciana e di mare, antipasti, dolce, bevande, caffè, il tutto ad una cifra ragionevole; per lo stesso menu la sera dopo, in un ristorante del centro città (dove davanti ad ogni locale c’è un “buttadentro” che vi illustra le qualità del ristorante, praticamente un assalto continuo) abbiamo speso di più e mangiato peggio. Occhio alle bevande, rischiate di pagare una bottiglia di vino al prezzo di un menu turistico completo. L’ultima sera abbiamo trovato vicino a casa nostra una taperia che ci ha servito una serie di tapas con dolce, bevande e caffè anche qui ad un prezzo ragionevole.

  Messenger
Indirizzo
Valencia - Valencia, Provincia di Valencia, Spagna
Durata consigliata della visita
Cinque e più giorni

« Torna all'elenco    Aggiungi la tua segnalazione »