Valencia, città dell'arte e della scienza

La nostra vacanza tra cultura, mare e divertimento

  • di Simona Argento
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

A giugno 2015, per la prima volta, tocchiamo territorio spagnolo visitando Barcellona e da lì la nostra scelta di organizzare il nostro successivo viaggio, sempre in Spagna verso la città di Valencia. Con questi 2 viaggi la Spagna ha toccato i nostri cuori.

Per motivi lavorativi organizziamo il viaggio a Settembre e posso dire che e’ stata un’ottima scelta nonostante il gran caldo. Diversamente dagli altri viaggi questa volta scegliamo di prenotare un’appartamento per avere maggiori comodità.La scelta è ricaduta su Appartament Plaza Picasso, in zona Campanar. La posizione della struttura è risultata molto vantaggiosa sia perchè è ben servita dai mezzi pubblici e dalla metrò e sia perchè ci si può spostare verso i punti d’ interesse senza percorrere grandi distanze. Dall’Italia abbiamo prenotato i biglietti per l’oceanografico, la città della scienza e Bioparc in modo da evitare le code.

Alle ore 8:45 decolliamo da Orio al serio, direzione Valencia! Atterriamo in perfetto orario dopo circa 2 ore e da li inizia la nostra vacanza dirigendoci verso la fermata della metro sottostante l’ aeroporto.

L’appartamento si rivela molto più grande ti quanto ci aspettavamo,molto pulito e con tutte le stoviglie necessarie. A breve distanza dal nostro alloggio ci sono ben 2 centri commerciali forniti di tutto. In serata facciamo una passeggiata alla scoperta del centro storico e ceniamo in uno dei tanti locali pieni di gente.

Venerdì 2 settembre

Abbiamo organizzato la giornata del venerdì alla scoperta della Città. Dal nostro appartamento raggiungiamo il centro ciudad attraverso una passeggiata nel Jardines del Turia, grande parco urbano costruito sull’antico letto del fiume Turia che attraversa la città di Valencia. A me personalmente è piaciuto tantissimo perchè è un’area ricreativa per i giovani, comprende molti campi sportivi, molte attrazioni per i bambini... molto frequentato da gente di tutte l’età che fanno jogging e lunghe passeggiate in bici.

La prima tappa è stata la visita della Torre de Serranos. Se si visita durante la settimana il costo del biglietto è di 2 euro, mentre l’ ingresso è gratuito il sabato e nei giorni festivi. Dalle sue terrazze si ha una vista della città a 360 gradi. Tra le tante stradine raggiungiamo Plaza de la Virgen. Questa è una piazza molto bella, circondata da alcuni locali sul lato destro mentre alla sua sinistra si trova la Basilica della Virgen imponente e caratteristica al suo interno. Nella stessa piazza troviamo anche la “Fuente de Rio Turia”che è una fontana con getto d’acqua molto utilizzata per i selfie e per rinfrescarsi. Su piazza de la Reina si trova la Cattedrale di Valencia,che può essere vista solo acquistando il biglietto. Viste le alte temperature ci siamo concessi una Horchata, bevanda tipica Valenciana che io non ho tanto gradito. In questa prima giornata diamo già sfogo alla ricerca dei pensierini da portare via, non potevano non mancare le Nacchere e la calamita di Valencia. Proseguiamo con la visita alla Lonja della seta edificio di fronte al Mercato Centrale.L’ingresso alla Lonja costa solo 2 euro.. io consiglio di acquistare a 3 euro l’audioguida che spiega sia l’interno che l’esterno della struttura nei minimi particolari.Ci abbiamo impiegato circa 1 ora con l’audioguida e siamo rimasti davvero contenti della scelta

  • 8374 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social