Una domenica in Val d'Orcia

Due mete secondarie ma piene di fascino per chi non ha nemmeno il week end libero

  • di Orsobiancoditoscana
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 5
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Per la sua prima uscita del 2014, il gruppo di 5 pensionati in libera uscita, il primo di giugno, ha pensato di attraversare tutta la regione per andare dal suo nord ovest al sud est visitando il giardino della villa della Foce a Chianciano Terme e la ormai troppo famosa vasca della piazza di Bagno Vignoni.

Armati di macchina fotografica e poco più si sono ritrovati alle poco antelucane ore 9 presso il piazzale di partenza di Porcari, riuniti in una sola auto capiente e più che altro portante, fiduciosi nel bel tempo che con un sole dardeggiante ormai sembrava avvolgerli, sono infine partiti.

Il viaggio, tutto autostradale, è stato lungo, ma percorso, tra una facezia ed un ricordo, in modo veloce e sicuro da piede fermo e deciso pigiato sull’acceleratore, ha portato la combriccola poco prima del fatidico mezzogiorno a rifocillarsi ed abbeverarsi in un bar di Chianciano. La ricerca è stata minuziosa tanto che percorrendo il paese in largo e lungo si sono potute apprezzare le sue bellezze comodamente seduti e con l’aria condizionata a palla sparata in faccia . Un ultimo sguardo all’orizzonte e ci si è mostrata la visione dei tre laghi in un solo colpo: Chianciano, Chiusi e Trasimeno come fili azzurri tra il verde dell’ultimo scorcio di Valdichiana.

Ma dobbiamo affrettarci e non farci commuovere perché alle 12.30 inziia la visita guidata del giardino della villa della Foce.

Qui, ora è d’obbligo una piccola nota storica che prendo dal depliant che ci viene consegnato alla congercerie della villa e che ci leggiamo nell’attesa che tutti abbiano pagato il poco economico guiderdone di dieci preziosi eurini.

Così recita:

La Villa di La Foce (in affitto per matrimoni, celebrazioni, eventi e riunioni di famiglia) fu costruita nel tardo XV secolo come ostello per pellegrini e mercanti in viaggio lungo questa strada trafficata. Nel 1924 fu abitata da Antonio e Iris Origo e diventò fattoria piena di vita e attività agrarie.

Quando Antonio e Iris Origo acquistarono la tenuta di La Foce chiamarono l'architetto inglese Cecil Pinsent per ristrutturare gli edifici principali e creare un ampio giardino. Pinsent (1884-1963) si era stabilito a Firenze da giovane, lavorando tra l’altro alla Villa Medici di Fiesole (acquistata nel 1910 dalla madre di Iris) e alla Villa I Tatti di Bernard Berenson.

Il dialogo tra edifici, giardino e natura pone La Foce al centro di una testimonianza storica dell’evoluzione architettonico-culturale della Toscana. Il giardino viene realizzato in quattro fasi, tra il 1925 e il 1939. Un giardino formale all’italiana, diviso in geometriche 'stanze' da siepi di bosso, si stende dalla casa verso la val d’Orcia e il monte Amiata. Pendii terrazzati salgono dolcemente su per il colle, dove ciliegi, pini e cipressi crescono tra ginestra selvatica, timo e rosmarino, e un lungo viale di cipressi porta ad una statua di pietra del XVII secolo. Un sentiero di travertino sotto un pergolato di glicine arriva al bosco e collega il giardino con il cimitero di famiglia, considerato una delle migliori creazioni di Pinsent.

Avete letto?... una faticaccia!

Bel giardino con panorami su tutta la Valdorcia, Radicofani, l’Amiata e la più famosa immagine della valle che compare in ogni cartolina con la piccola strada che a brevi tornanti punteggiati da stenti cipressi sale sul colle opposto alla villa. Ma non bisogna fare troppa poesia perché bisogna prenotare al volo gli ultimi posti al vicino ristorante : il Dopolavoro della foce. Questo è stato il punto di ristoro dei lavoranti che costruivano la villa ed il giardino ai tempi degli Origo

  • 6246 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social