La melavigliosa Val di Non

Alla scoperta della fioritura dei meli nella deliziosa valle trentina

  • di m.niselli
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro

Man mano che abbiamo preso quota il paesaggio è cambiato e dai meli in fiore siamo passati ai meli in bocciolo, non più bianchi ma striati di rosa. Ci ha accolti Ugo con la sua famiglia. L’agriturismo, un po’ datato, gode di una bella vista sulla valle. Gli spazi sono grandi e puliti. Ci è stato assegnato un appartamento dall’arredamento un po’ vecchio ma super efficiente, con tanto di lettino da campeggio per la nostra bimba, non potevamo chiedere altro. Il paese è servito di supermercato, pizzeria da asporto, farmacia… in pratica c’è tutto con un minimo di attenzione ai prezzi perché sono maggiorati rispetto a quelli dei paesi a valle. Noi siamo crollati alle 20.30, con la piccola Lizzie che ne aveva ancora in quanto a curiosare e ad esplorare.

9 APRILE

Lizzie ci ha svegliato alle 6, con uno dei suoi monologhi ancora in fase di lallazione. Ci siamo trascinati in Sala Colazione (pagata 10 euro extra rispetto al budget) dove ci ha accolto la moglie di Ugo con degli ottimi dolci e marmellata a base di mele, davvero buonissima. Lui ci ha spiegato come funziona la coltivazione dei meli e come sia difficile la stagione a venire per colpa della siccità: ad oggi hanno riserve di acqua per due mesi appena! Ci ha consigliato degli itinerari facili da fare con il passeggino. Noi abbiamo scelto il Viale dei Sogni. Il sentiero si prende nella parte alta di Coredo, sulla direzione dei Due Laghi. È facile e accessibile. In mezzora si arriva al primo lago, separato dal secondo da una diga, attraverso una camminata nel bosco. Il lago è molto accogliente e attrezzato per picnic con barbecue, l’acqua è azzurrissima, ideale per scattare foto ricordo con la nostra piccola. Abbiamo proseguito la camminata costeggiando il lago in senso antiorario. La passeggiata è piacevole, tutta al sole. Fra i due laghi si trova un ristorante (ai Due Laghi) dove si mangia bene e a prezzo buono, unica nota dolente la lentezza del servizio per cui conviene arrivare presto o molto tardi per evitare l’attesa. Abbiamo mangiato un ottimo cervo e guanciale di maiale all’interno di una veranda che guarda il lago, carina. Meraviglioso il ciliegio in fiore che staziona davanti al ristorante, una foto da cartolina. Nel primo pomeriggio siamo tornati a Coredo attraverso il centro di Tavon. La passeggiata ci ha consentito di attraversare colline piene di meli e ciliegi: a questa quota i meli non erano ancora in fiore come a valle mentre lo erano i ciliegi che facevano una macchia di colore splendida! Purtroppo non siamo riusciti a vedere il punto panoramico per il Monastero di San Romedio perché il sentiero era troppo scosceso per i passeggini. Siamo giunti in circa un’ora e mezza di cammino all’Agriturismo Rizzi (la sede dell’appartamento) dove ci hanno concesso gentilmente di lasciare la macchina, quindi siamo partiti alla volta del Castello di Thun, che si raggiunge in mezzora da Coredo. La camminata che abbiamo fatto è lunga 11 km. Il Castello si trova sulla via del ritorno appena prima che finisca la Val di Non. Scendendo da Mollaro ci siamo goduti la vista sulla vallata in fiore e abbiamo attraversato, anche in salita verso il Castello, campi e campi di meli bianchissimi. La stradina che sale al Castello è spettacolare, stretta e tortuosa, e il paesaggio è mozzafiato. Non si vedono altro che fiori di meli. Abbiamo lasciato la macchina al parcheggio ai piedi del Castello (1.50 euro/ora). Qui, appostato ai lati del parcheggio, c’era un venditore che ci ha offerto un ottimo succo di mela. Abbiamo optato di raggiungere il Castello attraverso la via “difficile” che è un sentiero di circa 200 m molto ghiaioso. Affrontarla con il passeggino ha richiesto uno sforzo notevole ma l’arrivo al Castello ha ripagato la fatica. La vista è stupenda e panoramica. Abbiamo camminato nei giardini del Castello che non abbiamo trovato particolarmente interessanti, rinunciando alla visita guidata al suo interno perché la bimba era stanca. Dopo un gelato al bar abbiamo deciso di fare marcia indietro e tornare alla macchina. La nostra prima vacanza con la piccola Elisabetta si è conclusa con un tramonto in Val Sugana, dove i meli erano sul punto di fiorire

Siamo già carichi per il prossimo giro!

  • 3114 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social