Uzbekistan: il paese delle cupole turchesi

Percorrendo l'antica Via della Seta tra atmosfere da fiaba e nuove realtà

  • di airada
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

UZBEKISTAN 8-15 AGOSTO 2017

L'Uzbekistan è un paese che consiglio di visitare: un viaggio tranquillo, non eccessivamente faticoso (tranne qualche lungo trasferimento) e ancora ricco di atmosfere che richiamano l'antica via della seta. Sono sempre stata affascinata dai luminosi colori turchesi delle cupole e delle maioliche azzurre e blu che rivestono i monumenti. Anni fa ho avuto la fortuna di visitare l'Iran, che ha notevoli affinità architettoniche con questo paese: non amo i paragoni, ma devo ammettere che l'antica Persia è nel complesso più varia e intrigante dell'Uzbekistan, ma anche quest'ultimo merita sicuramente di essere visto, soprattutto per la cordialità e il calore della popolazione, nonché per la sua antica storia.

INFORMAZIONI GENERALI:

Prese elettriche: come l'Italia

Clima: ad agosto caldo intenso ma secco, qualche sera anche più fresco

Valuta: sum (1 euro 4500 sum)

Documenti: passaporto + visto. Importante compilare bene i moduli d'ingresso, che vengono distribuiti in aereo, indicando esattamente le valute e i beni preziosi introdotti nel paese (anche il proprio cell, pc ecc., specificando di seconda mano). All'uscita idem: chiaramente la somma di denaro sarà di meno per le spese fatte.

Volo: Uzbekistan Airways da Roma Fiumicino a Tashkent, circa 5 ore e mezzo. Il mio volo era in ritardo, ma la coincidenza per Urgench (circa 2 ore di viaggio) ha aspettato.

Strade: in alcune zone è possibile imbattersi in tombini aperti e scanalature vuote dei marciapiedi, abbastanza larghe, davvero pericolose.

ITINERARIO DI VIAGGIO: Khiva-Bukhara-Shakhrisabz-Samarcanda-Tashkent

HOTEL: Sono andata in Uzbekistan con un Tour Operator che ha prenotato gli alberghi.

A Khiva ho soggiornato nell'hotel Euro Asia (3 stelle), situato in pieno centro storico. E' abbastanza strano, con un grande atrio nelle cui pareti, oltre al banco della reception, spiccano le porte di alcune camere. Le altre sono al secondo piano, affacciate su uno stretto corridoio, aperto verso la sala sottostante. Anche l'arredamento interno delle stanze ha un che di tipico, assolutamente diverso dagli standard internazionali: lenzuola a righe colorate imitazione Chanel.

A Bukhara: hotel Heritage Devon Begi (4 stelle), in centro, con tende e copriletti che spiccano per lucidi tessuti dorati, di gusto orientale.

A Samarcanda: hotel Emir Han (4 stelle), in periferia, nelle cui stanze le testate dei letti sono di stoffe bluette, decisamente vistose,m e i bagni hanno mattonelle dorate che fanno pendant con i rubinetti di ottone. Purtroppo le docce sono quasi sempre nelle vasche, con odiose tendine di plastica. Anche l'arredamento della hall è esagerato e pacchiano, con abbondanti dorature e sedie fucsia e oro, in stile barocco, nei corridoi.

A Tashkent: hotel City Palce (4 stelle), molto moderno in stile internazionale.

RISTORANTI - Una raccomandazione: consiglio le solite precauzioni del viaggiatore nel bere acqua e bibite in bottiglia, niente ghiaccio e cibi cotti.

A Khiva ho pranzato in un ristorante vicino all'albergo (in pieno centro storico), l'Orient Star, un bel locale che probabilmente viene utilizzato anche per spettacoli poiché ha un grande spazio al centro e i tavoli disposti da un lato. Un menù tipico è costituito da un antipasto di assaggini offerti in piccole ciotole (legumi, barbabietole, rotolini di melanzane), accompagnati da spicchi di focaccia bianca. Segue poi una gradevole zuppa di verdure, con carne e pasta di piccolo formato e per finire patatine fritte, un rotolino di crêpe ripiena di carne e tè verde

  • 3711 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social