Uzbekistan in due settimane

Alla scoperta del Lago d'Aral, delle città carovaniere e dei villaggi

  • di Anna Caimi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Anna e Simone, Viaggio in Uzbekistan dal 12 al 26 agosto 2014

RIASSUNTO DEL VIAGGIO

12 Agosto: Milano – Tashkent

13 Agosto: Tashkent – Nukus

14 Agosto: Nukus – Lago d'Aral

15 Agosto: Lago d'Aral – Nukus

16 Agosto: Nukus – Khiva

17 Agosto: Khiva – Bukhara

18 Agosto: Bukhara

19 Agosto: Bukhara

20 Agosto: Bukhara - Nurata

21 Agosto: Nurata - Sentiob

22 Agosto: Sentiob - Samarcanda

23 Agosto: Samarcanda

24 Agosto: Samarcanda

25 Agosto: Samarcanda – Tashkent

26 Agosto: Tashkent – Milano

COSTI DEI TRASPORTI (per due persone)

Tashkent – Nukus (aereo) 150 euro

Tour Lago Aral (compreso pasti, noleggio tenda) 400 euro

Nukus – Khiva (taxi) 50.000 sum

Khiva – Urgench (taxi) 39,000 sum

Urgench – Bukhara (aereo) 160 euro

Bukhara – Nurata (taxi) 90000 sum

Nurata – Sentiob (auto privata) 160000 sum

Sentiob – Samarcnda (auto privata) 130000 sum

Samarcanda – Tashkent (treno) 40 euro

PREZZI ALBERGHI (prezzi per la camera doppia)

Nukus – Jipekjoli 55 euro a notte compresa colazione

Khiva – Meros B&B 30 euro a notte compresa colazione

Bukhara – Rustam/Zuxro 50 euro a notte compresa colazione

Nurata – casa privata 40 euro a notte compresa colazione

Sentiob – casa privata 40 euro a notte compresa colazione

Samarcanda – Jahongir 35 euro a notte compresa colazione

Consigli di viaggio

Contrattare su tutto, qualsiasi prezzo proposto è gonfiato portare dollari da casa, accertandosi in banca che non siano troppo vecchi (difficile che vengano accettati), in quanto si possono cambiare e spendere con più facilità rispetto all'euro.

Girare in assoluta tranquillità per godersi al meglio il viaggio, mai riscontrato alcun pericolo fidarsi delle persone che si incontrano e non organizzare tutto da casa, spesso le cose e gli incontri che si fanno casualmente sono quelli che poi si rivelano più belli cercare dove possibile di uscire dai normali percorsi turistici

12 agosto 2014

Ci alziamo di buon mattino, con un po' di agitazione per il viaggio che ci apprestiamo ad affrontare che almeno per me è il primo in assoluto al di fuori del vecchio continente. Abbiamo comunque il tempo per ultimare i nostri bagagli e per fare i controlli dei documenti, l'unica preoccupazione che rimane è relativa a come raggiungere domani Nukus, città dalla quale partirà il tour che abbiamo già organizzato verso il lago d'Aral, dato che dista 800 km da Tashkent e che la compagnia aerea che effettua il collegamento non ci ha dato disponibilità di posti. A mezzogiorno viene a prederci la sorella di Anna che ci lascia all'entrata del terminal 1 di Malpensa, si parte! Volo Milano – Mosca 3 h circa con due ore di fuso orario rispetto alla partenza Due ore circa di stop a Mosca Volo Mosca – Tashkent 3 h e mezza circa con un'ora di fuso orario rispetto alla partenza

13 agosto 2014

Alle 4 di notte siamo a Tashkent, in una notte piuttosto fresca. Adempiamo alle complicatissime formalità doganali, che consistono nel comilare un modulo in lingua uzbeka, sul quale occorre indicare dati personali, motivo del viaggio, oggetti che si hanno con sè etc etc. Fortunatamente ne esiste anche un'unica copia in inglese, che viene lasciata in consultazione, da cui è possibile capire quali informazioni sono richieste. Usciamo dall'aereporto e ci imbattiamo in una bellissima alba asiatica. Il programma è di andare all'aereporto dei voli nazionali e cercare di raggiungere con un volo interno, la città settentrionale di Nukus. La nostra guida dell'Asia Centrale dice che l'aereporto dovrebbe essere lì attaccato, ma polizia (militja) e tassisti (rigorosamente abusivi) parlano di 5-6 km e ci chiedono 10 dollari, che a Milano sarebbero anche accettabili, ma che qui ci paiono subito spropositati. Ne offriamo quindi 5 e loro accettano subito, capiremo poi che qui i soldi hanno un valore completamente diverso da come siamo abituati

  • 12268 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social