Stati Uniti on the road

6000 chilometri attraverso gli USA: da Chicago a Los Angeles passando per il Grand Canyon

  • di Franz53
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Era da anni che avevo in mente di fare questo giro e quest’estate, appena se n’è presentata l’occasione, non ho esitato. Ho cercato di pianificare con cura il viaggio, le soste e le tappe, cercando di evitarne di troppo lunghe. Per fare questo ho utilizzato google maps e le due guide cartacee (EZ66 e Route 66), oltre al Big Road Atlas edizione 2017. Alla fine della fiera, considerando le deviazioni, i chilometri percorsi sono stati poco più di 6 mila.

19 LUGLIO

Partenza da Pisa con volo AZ1666 per Roma. Arrivo puntuale e, considerata l’ora risicata di tempo a disposizione, grande corsa per raggiungere il gate del volo AZ628 per Chicago. Volo così così, arrivo all’aeroporto O’Hare con un caldo asfissiante e ritiro del SUV al bancone Hertz. Si tratta di una Kia Sportage, ovviamente con cambio automatico. La macchina, noleggiata dall’Italia, alla fine ci costerà in tutto (optional, tasse e sovrattassa per riconsegna in luogo diverso da quello di prelievo) circa 2 mila euro per 21 giorni. Arrivati al Gateway Inn di Oakland, un sobborgo di Chicago, classico motel americano, con tutti i suoi pregi e i suoi difetti, ci restiamo due giorni, che dedichiamo a visitare la città. Consiglio di prendere il treno dalla vicina stazione e andare fino a Union Station, da qui la città è a portata di mano.

21 LUGLIO

Pochi km prima di entrare a St. Louis, sulla sponda dell’Illinois, ci fermiamo al motel Americas Best Value, vicinissimo all’uscita 11 della I50. Camera spaziosa e ben servita da un efficiente impianto di condizionamento (indispensabile, viste le temperature). Quasi attaccato al motel c’è un diner, Denny’s, anche questo tipicamente stelle e strisce. Visita alla città ma non all’arco, chiuso, come tutta l’area circostante, per lavori. La mattina, fatta colazione nell’angusta saletta del motel, partiamo, seguendo la Route 66 che, qui, comincia ad essere sfuggente e a nascondersi attraverso i campi immensi.

22 LUGLIO

Visita a Springfield, nel Missouri. Visita al Route 66 Car Museum e al Visitor Center della stessa Route 66. Dopo aver visto i Giardini botanici, andiamo a dormire al Best Western Route 66 Railhaven. La mattina successiva, fatta colazione, ripartiamo verso ovest. La notte è stata un po’ problematica: aria condizionata con impianto rumoroso, o sauna? Questo è il problema…

23 LUGLIO

Arriviamo al Quality Inn & Suites di Oklahoma City e lasciamo i bagagli per essere più liberi. Il locale, situato in una zona periferica fra due aeroporti, anche con il navigatore non sembra facilissimo da trovare. Ben tenuto ed accogliente; lo staff cortese e disponibile. Visitiamo il Myriad Botanical Gardens e il National Cowboy and Western Heritage museum. Partenza la mattina successive dopo una colazione ottima ed abbondante.

24 LUGLIO

Arrivati ad Amarillo, andiamo a dare un’occhiata alle famose Cadillac e non ne restiamo molto colpiti. Sono una decina di macchine, private di tutti gli organi, in pratica si tratta di carrozzerie, conficcate obliquamente nel terreno. Tutti i passanti possono sbizzarrirsi a spruzzarle con vernici spray, per cui il terreno è letteralmente ricoperto di lattine vuote. A cena andiamo al Cattleman’s Steakhouse, locale caratteristico con cameriere e camerieri con tanto di cappello e stivali da cowboy, reso celebre dalla sfida di man vs food. Ambiente piuttosto kitsch ma non malvagio. Chi mangia in un’ora una bistecca di circa 2kg non paga, altrimenti il conto è 72 dollari. Notte al Quality Inn West Medical Center, un buon motel

  • 6144 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social