La nostra Budapest

Ciao a tutti i turisti per caso! Siamo Andrea e Laura. Dopo aver visitato Praga l’anno scorso, quest’anno ci siamo fatti conquistare da un’altra capitale dell’Est: Budapest. Per la prima volta abbiamo prenotato volo ed albergo su internet e con ...

  • di A&L
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ciao a tutti i turisti per caso! Siamo Andrea e Laura.

Dopo aver visitato Praga l’anno scorso, quest’anno ci siamo fatti conquistare da un’altra capitale dell’Est: Budapest.

Per la prima volta abbiamo prenotato volo ed albergo su internet e con soli 9 giorni d’anticipo. Fantastico! Volo Sky Europe a/r per 2 persone: €350 comprensivo di assicurazione e scelta dei posti a sedere.

Hotel Charles per 6 notti con pernottamento e colazione: € 480 prenotato su booking e consigliato da altri turisti per caso. L’albergo è abbastanza centrale, si trova a Buda a soli 10 min. A piedi dal castello e 2 fermate di autobus dal centro di Pest (8, 112 ogni 5 min) con fermata di fronte all’albergo. Le camere sono spaziose e pulite, sono offerti molti servizi aggiuntivi come il cambio senza commissioni (migliore di quello dell’aeroporto e di quello praticato a Pest), consigli e prenotazioni su ristoranti, suggerimenti sui posti da visitare, cassetta di sicurezza...L’unico difetto è che essendo posizionato su una strada trafficata è un po’ rumoroso ma è sopportabile. Il ristorante collegato Janos Etterem offre colazioni abbondanti e l’abbiamo scelto anche diverse sere per la cena. Infatti, si è dimostrato abbastanza economico (i prezzi al centro di Buda sono quasi proibitivi) e di alta qualità. La prima sera è offerto uno sconto del 20% mentre successivamente è possibile avere la mezza pensione a €7 (menù fisso con zuppa, un secondo, un dolce ed una bevanda ). 30 Luglio: Arrivo a Budapest.

La nostra partenza non è stata delle più semplici perché abbiamo trovato l’aeroporto di Fiumicino nel caos. Infatti, per un calo di tensione elettrica i rulli trasportatori delle valigie non funzionavano e queste venivano accatastate davanti ai check-in, senza dimenticare l’aria condizionata che scarseggiava. Partiamo per colpa dei disservizi aeroportuali con 2 ore di ritardo ed arriviamo a Budapest alle 19. All’aeroporto troviamo subito l’airport minibus che porta direttamente in albergo e ci viene a prendere il giorno del ritorno a 3900 HUF (1€=250HUF). Abbiamo trovato questo servizio simile a quello di un taxi e ve lo consigliamo senza dubbio.

La giornata è stata assorbita totalmente dal viaggio...Uffa! 31 Luglio: Buda ed il Monte Gellert.

Compriamo una bottiglia d’acqua all’alimentari vicino ed il proprietario mi regala (Laura) una rosa bianca, è stato un fantastico benvenuto per iniziare la visita della città.

Andiamo direttamente a piedi verso il Palazzo Reale che si trova sopra una collina e saliamo su con un ascensore (100 HUF). Il Palazzo Reale, sede per diversi secoli della monarchia ungherese, è stato completamente distrutto durante la seconda guerra mondiale e successivamente ricostruito. L’enorme complesso comprende la Biblioteca Szechenyi (che troviamo chiusa), il Museo della storia di Budapest e la Galleria Nazionale Ungherese che decidiamo di visitare. L’ingresso è gratuito ed impieghiamo circa 3 ore per visitarla tutta ma ne vale la pena. L’esposizione permanente raccoglie opere d’arte ungheresi dal Medioevo al XX secolo, non siamo esperti d’arte ma ci è parsa una collezione veramente di valore.

Dopo pranzo, ci incamminiamo sul viale delle bandiere ed osserviamo il Palazzo Sandor (residenza del primo ministro) ed il Teatro di Danza Nazionale. Successivamente visitiamo il Museo Farmacia all’Aquila d’Oro (ingresso gratuito) con la ricostruzione di una farmacia del XVIII secolo. Visitiamo la Chiesa di Mathyas (650 HUF) in stile neogotico con caratteristiche tegole di vetro colato sul tetto. Passeggiamo lungo il Bastione dei Pescatori (entrata 400 HUF) realizzato in stile neoromanico dallo stesso architetto che ricostruì la Chiesa di Mathyas. Il panorama di cui si gode da qui è fantastico! A questo punto tappa obbligata è la pasticceria Ruszrum, la pasticceria preferita dalla Principessa Sissi ed ora anche da noi! Costeggiamo l’hotel Hilton e andiamo verso la chiesa di Maria Maddalena, di cui è rimasto solo una torre ed una finestra gotica sul lato opposto. Divertente! A fianco alla chiesa ci sono gli Archivi di Stato in stile neo-romanico. Ci rendiamo conto di dover ancora comprare l’abbonamento per i mezzi pubblici e quello valido per 7 gg è acquistabile solo presso le stazioni metro (3.900 HUF) e ci rechiamo quindi alla fermata Moskva ter. Dedichiamo le ultime ore del pomeriggio (sono ormai le 18!) alla cittadella ed al Monte Gellert. Per salire in alto vi consigliamo di prendere il bus 27 da Sant Utca che vi lascia a 100 metri dalla fortificazione militare costruita dagli Asburgo e al monumento alla Libertà. Da qui una discesa sotto un manto di alberi porta alla statua di San Gellert

  • 1426 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. dritangremi
    , 5/3/2011 09:06
    ho sentito parlare dei <a href="http://www.dentistiinalbania.com/1/dicono_di_noi_1529244.html">dentisti in ungheria</a>. Mi sapete indicare qualcuno?

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social