Umbria, attraverso i luoghi francescani

Breve tour sulle orme di San Francesco, visitando Assisi, Spello, Foligno, Trevi, Bevagna, Montefalco e l'abbazia di Sassovivo

  • di steber
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

GIOVEDì 8 DICEMBRE: SPELLO

Arriviamo davanti ad una delle porte del borgo medievale di Spello in tarda mattinata, nonostante sia dicembre, il cielo è terso ed un timido sole prova a scaldarci. Già dall’uscita della superstrada è possibile godere di una meravigliosa panoramica della cittadina, arroccata sopra una collina ai piedi del monte Subasio. In questo luogo pare che il tempo si sia fermato. L’architettura degli edifici, eccellentemente consertati, e del manto stradale rendono l’atmosfera unica. E’ piacevole perdersi tra questi caratteristici e stretti i vicoli, vagando senza meta con il naso all’insù.

Prendiamo possesso della nostra camera all’hotel Palazzo Bocci, un antico edificio nobiliare in pieno centro storico, davanti al Duomo. La hall affrescata al piano nobile strabilia. La camera è spaziosa, peccato per il mobilio vecchio e decisamente non in linea per un hotel 4 stelle. Personale gentile e buona la colazione.

Entriamo in Duomo per ammirare l’attrazione principale del borgo, la cappella Baglioni, pregevole opera di Pinturicchio. Gli affreschi hanno come tema le storie di Maria e dell'infanzia di Gesù. Gli affreschi sono sublimi, restiamo diverso tempo ad ammirare la perfezione dei particolari dipinti con tanta maestria. Nella volta sono raffigurate quattro sibille sedute su troni e affiancate da targhe con profezie sulla venuta di Cristo.

Raggiugiamo la cima del paese, dalla quale è possibile godere di un bel panorama sulla vallata sottostante. Pranziamo all’osteria del Buchetto, un piccolo e caratteristico locale con cucina tipica. Ottimi piatti, personale professionale e cortese.

La seconda attrazione di Spello è la porta Venere, una delle sei porte urbiche, di arte romana risalente al I secolo d.c., così chiamata per la vicinanza con un tempio dedicato alla dea della bellezza.

In serata ci spostiamo a Foligno, dove nella piazza del Duomo, ammiriamo un favoloso albero di Natale illuminato. Abbiamo prenotato per cena al ristorante Cuore Piccante tramite The Fork. Il locale è vuoto, siamo gli unici avventori, nonostante non ci siamo altri tavoli da servire i cibi arrivano freddi e la tagliata è dura. Inoltre, il vino ci viene fatto pagare due euro in più rispetto al menu e la convenzione con The Fork non viene rispettata.

VENERDì 9 DICEMBRE: BEVAGNA, MONTEFALCO, ABBAZIA di SASSOVIVO, BASTIA UMBRA

Il paese di Bevagna, a ragion veduta, è inserito nella lista dei borghi più belli d’Italia e tra le Bandiere Arancioni. Le attrazioni principali di Bevagna sono le riproduzioni fedeli delle antiche botteghe: carta, zecca, seta e vetro. Visitiamo con interesse l’antica cartiera, dove viene creata la carta utilizzando le autentiche procedure medioevali, utilizzando come materia prima gli stracci.

Interessante l’antico teatro romano (attenzione alla guida, vi ubriacherà di nozioni), dove all’interno sono state create delle case, tuttora abitate. Palazzo dei Consoli, risalente al 1270, è una struttura caratterizzata da un'ampia scalinata esterna. Attualmente ospita un teatro al livello superiore. Piazza Silvestri è tra le più importanti piazze medioevali della regione, un vero capolavoro, dove trova naturale collocazione la Chiesa di S. Michele, costruita verso la fine del XII secolo. La monumentale facciata è di stile romanico. Il campanile a forma di cuspide è stato realizzato successivamente

  • 2494 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social