Pryvit Kiev

Un viaggio organizzato molto in fretta rispetto ai tempi che solitamente ci prendiamo quando decidiamo di partire. Del resto, pensavamo, un long weekend sarebbe stato più che sufficiente per visitare Kiev. In realtà la capitale è molto grande, 2milioni e ...

  • di Quas1m0d0
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Fino a 500 euro

Un viaggio organizzato molto in fretta rispetto ai tempi che solitamente ci prendiamo quando decidiamo di partire.

Del resto, pensavamo, un long weekend sarebbe stato più che sufficiente per visitare Kiev.

In realtà la capitale è molto grande, 2milioni e mezzo di abitanti più un altro milione considerando l’intera regione. La stessa Ucraina è per estensione il secondo Paese europeo dopo la Russia, di poco più grande della Francia: l’avreste mai detto? Città da vedere ce ne sarebbero per un bel tour: L’viv (Leopoli), Odessa, Yalta, Chernigov, Simferopol (Sebastopoli) capoluogo della Crimea. Senza dimenticare Chernobyl che dista solo 100km da Kyiv stessa. Ci dicono comunque che tra una città e l’altra c’è ben poco, solo villaggi e strade malridotte, per cui consigliabile sarebbe avere sempre una tanica di riserva nel portabagagli; ma alle avventure siamo abituati no? ;) Formazione della zingarata: 3 (numero perfetto) : oltre al sottoscritto, Racioppissimo e Fabiov (anche se per tutto il viaggio ho continuato a chiamarlo Fra...Colpa di qualche assente?).

I voli diretti che portano a Kiev sono: Blue Panorama (da Malpensa e Fiumicino), Alitalia (da Malpensa), Gan (charter da Verona), Aerosvit (charter da Capodichino), Ukraine Airlines (da Malpensa e Fiumicino).

Tutti si attestano dai 350 euro in su (tasse incluse); noi abbiamo approfittato delle offerte vendure via web da Swiss Airlines: 258 euro, tasse incluse e scali di 50 minuti a Zurigo: un vero affare, perfetto! Altra informazione importante: fino al 31/8 ai cittadini dell’UE, oltre che di USA, Canada, Lichtenstein, Svizzera e Giappone, non è richiesto il visto alla frontiera con l’Ucraina...Altri 50 euro risparmiati! Materiale informativo a disposizione: visto che l’unica guida in commercio è quella della Lonely Placet (solo in inglese), scarichiamo dal web le tante informazioni utili tratte da siti di viaggiatori e diari di viaggio, tutte utilissime ma con una pecca: sapevamo benissimo tutto quello che c’era da vedere...Ma non come fare per arrivarvi e dove fossero locate. Pecca, questa, non da poco, visto che l’Ucraina, obiettivamente, non è ancora pronta al turismo: non tanto per le strutture ricettive (alla fine noi avevamo prenotato un appartamento nella centralissima Krasnoarmeyskaya , un trilocale per 4 giorni per un totale di circa 25 euro a testa a notte) quanto per la mancanza di tourists information points e indicazioni di qualsiasi strada, piazza, viale in caratteri latini e non cirillici. Ma il fatto di non essere ancora preda del turismo di massa potrebbe essere un bene (vedi la fine delle inflazionatissime repubbliche baltiche), e poi dopo il primo giorno eravamo ormai padroni anche del cirillico, ucraino o russo che fosse! Lo stesso inglese è scarsamente diffuso, spesso parlato male, ma ciò non ci ha impedito di contrattare nei mercatini o i taxi, che , sebbene autorizzati, quasi mai avevano il tassametro: sempre meglio stabilire il prezzo prima di salire, e che sia sempre o quasi un terzo di quello che il buon tassista chieda per primo!

1° giorno (venerdì) I monumenti di Kiev testimoniano l'antico splendore di una città che, fondata tra il V e il VI sec., fu la prima capitale della Russia. Furono gli sciti che dominavano le steppe a nord del Mar Nero, a dare inizio a secoli di dominazione politica e culturale nelle terre in cui oggi si riconosce l’Ucraina. Dopo ondate di invasioni barbariche (tra cui ostrogoti, unni e i kazari turco-iraniani), i primi che riuscirono a unificare e a controllare la zona per un lungo periodo furono gli scandinavi, noti con il nome di rus. E, alla fine del X secolo, la città divenne il centro di uno stato unitario chiamato Rus' di Kiev, che si estendeva dal Volga a ovest del Danubio e verso sud in direzione del Baltico. Fu il capo della Rus' di Kiev, Volodymyr, ad accogliere poi il cristianesimo da Costantinopoli, dando così inizio a un lungo periodo d'influenza bizantina sulla politica e sulla cultura dell'Ucraina

  • 12363 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social