Bodrum ed Efeso

Racconto del nostro viaggio in Turchia

  • di mariaelisa.v
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Come spesso accade nei nostri viaggi, i cambi di direzione sono dettati dal caso o da un entusiasmo che ci prende all'improvviso per una meta! Così è successo quando ci trovavamo in Grecia, sull'isola di Kos, ci sono traghetti che con un prezzo molto contenuto e un tempo irrisorio ti portano da Kos Town a Bodrum, un porto turco.

Decidiamo la mattina di imbarcarci e visitare qualche giorno la Turchia facendo una piccola deviazione dal nostro viaggio di nozze "programmato" tra le isole greche (ma questa è un'altra storia).

Come spesso accade durante brevi o lunghe soste nelle stazioni ferroviarie in quelle dei bus e durante gli imbarchi ci perdiamo tra la folla e "attacchiamo" bottone con qualche persona di passaggio...

In questo caso mentre eravamo fermi, una signora anziana con un'ottima padronanza dell'inglese, decisamente migliore della mia comincia a parlarci di lei, e si complimenta per la nostra scelta di visitare il suo paese, dopo le domande di rito, si ferma un minuto, e ci dice, io sono musulmana, vorrei parlare con voi di noi, vorrei che l'occidente conoscesse anche il lato moderato della nostra cultura, con questa premessa ci intrattiene per altri venti minuti raccontandoci cose davvero interessanti!

Ed ecco che il nostro viaggio verso la Turchia è iniziato, perché il realtà il viaggio comincia proprio quando ti confronti con culture diverse dalle tue.

Bodrum è un piccolo porto sulla costa sud della Turchia, la cosa che salta subito agli occhi sono le imbarcazioni ormeggiate, mega lusso, le bandiere indicano che appartengono a qualche greco, qualche inglese ma per la maggior parte turchi.

Il paese è davvero un gioiello, piccolino con una bellissima pavimentazione bianca, il mare con una battigia di ciottoli sembra più limpido.

I vicoli del centro sono un labirinto con centinaia di negozi che vendono articoli super tarocchi di ogni genere.

L'impressione che si ha passeggiando è che la Turchia sia un paese liberale, dove la maggior parte dei suoi abitanti è ciò che vuole.

La mattina arriva presto, decidiamo di provare un bagno turco, cominciamo a cercare e finiamo in quello che dicono sia il più antico della città... Assolutamente all'oscuro di ciò che ci aspettava entriamo!

Uomini e donne hanno aree separate, arrivo dentro e una signora davvero rude mi dice qualcosa di incomprensibile e mi consegna un telo di cotone e mi indica le scale, sono certa che mi abbia scambiato per una locale, ne sono felice.

Il bagno turco è un'esperienza davvero intima, scendendo le scale mi sono ritrovata in una sala sotterranea tutta di marmo bianchissimo, al suo interno ci sono delle fontane che hanno acqua fredda e calda, ci si deve bagnare con delle ciotole per un po'... per ammorbidire la pelle, l'acqua che cade dalle bacinelle rimbomba per tutta la stanza e dopo un po' il senso di pulito e purificazione ti avvolge, a quel punto però uscita dalla bolla mi sono resa conto che era passata quasi un'ora... per fortuna un gruppo di signore rumorose mi indica il passo successivo,il lavaggio con il sapone!

Su una panca di marmo ci si sdraia e ci si fa lavare con un panno ruvido intriso di sapone, non è piacevole, mi sono chiesta quanti altri siano stati lavati con lo stesso panno...ma ormai ci sono! Dopo una "scoticata" di interminabili minuti mi arriva una secchiata di acqua fredda, il lavaggio è finito. Nota sul bagno turco... da non perdere assolutamente, una bella sensazione e soprattutto un viaggio indietro nel tempo!

Il giorno successivo decidiamo di andare ad Efeso, città che ha sempre suscitato in me grandissima curiosità. Prenotiamo una macchina in uno dei tanti uffici turistici in città. La mattina con un discreto ritardo ci consegnano l'auto fuori la guest house, il prezzo è davvero accessibile, si parte alla volta di Efeso che si trova a circa 150 km a nord di Bodrum. Il viaggio scorre benissimo tra superstrade e piccoli paesi, ci fermiamo per un the in un posto dove probabilmente non si fermerebbe nessuno a parte i passanti locali. Vediamo una famiglia che nel piazzale di casa ha un grandissimo bollitore, un tavolo di legno e due sedie storte, accostiamo e facciamo capire che vorremmo un po' di the, la famiglia composta da madre, nonna e due bambini ci guardano curiosi e felici! Beviamo un buonissimo the nei loro meravigliosi bicchierini dedicati e ripartiamo salutando. Finalmente arriviamo ad Efeso attraversando per kilometri e kilometri montagne coltivate ad ulivi. Le rovine dell'antica città di Efeso sono considerate uno dei siti archeologici più importanti del bacino mediterraneo, le strutture sono conservate in modo eccellente e per visitarla tutta occorrono ore e si resta ogni passo sconvolti pensando alla grandiosità di quello che deve essere stata un tempo

  • 2781 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social