Turchia fai da te

Vicina e lontana, esotica e accessibile, asiatica ed europea, la Turchia è un condensato di ossimori che stimola l’immaginazione

  • di vevvolina87
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ciao a tutti! È la prima volta che mi cimento nello scrivere un diario di viaggio e i motivi sono vari: innanzitutto mi piacerebbe essere utile ad altre persone come altri lo sono stati per me durante l’organizzazione di questo meraviglioso viaggio fatto nelle ultime due settimane di settembre e poi perché sarebbe un’emozione immensa poterlo rileggere sul magazine dei TPC che esce una volta al mese in edicola ed al quale sono ormai da anni abbonata!

Vicina e lontana, esotica ed accessibile, asiatica ed europea, la Turchia è un condensato di ossimori che stimola l’immaginazione. Entrano così nel caleidoscopio della grande città minareti e moschee, chiese bizantine, sinagoghe sefardite e hamam, palazzi moderni, grattacieli e case di legno colorato. Benché sia difficile prescindere dalla capitale, la Turchia non è solo Istanbul: anche un seguito di tesori storici ed archeologici frutto di sovrapposizioni millenarie di popoli. Così, l’archeologia ed i monumenti dell’arte greca, bizantina, ottomana, armena punteggiano molte possibili “rotte” di visita. Senza dimenticare il favoloso mare che la circonda.

Innanzitutto è bene fornire alcune informazioni generali del paese che andrete a visitare; passeremo poi a valutare come, quando e cosa fissare/prenotare e poi racconterò il nostro indimenticabile tour.

I mesi migliori per viaggiare in Turchia sono maggio giugno e settembre ottobre (in questi mesi segnalo 19/05 festa della gioventù e dello sport, 22-26/09 festa del sacrificio, 29/10 festa della repubblica).

L’assistenza sanitaria in Turchia non è garantita dalla TEAM: per questo conviene stipulare un’assicurazione privata che copra le spese mediche, i medicinali, l’eventuale ricovero e il rimpatrio.

Conviene cambiare il denaro appena giunti in aeroporto o ci si può rivolgere alle banche cittadine, in albergo o comunque prelevare denaro contante agli sportelli bancomat.

Per visitare le moschee e gli altri luoghi sacri musulmani bisogna togliere le scarpe prima di entrare e vestire in maniera adeguata, con gambe e braccia coperte (le donne devono coprirsi anche il capo). L’ingresso in genere è gratuito e vietato durante i momenti di preghiera.

L’ospitalità è un valore imposto dalla religione islamica: è una consuetudine essere invitati a prendere un tè.

Il nostro viaggio (i prezzi tra () saranno per 2):

1° GIORNO

Partenza in data 13/09 da Firenze SMN con Frecciarossa direzione Bologna (26€), navetta fino all’aeroporto di Bologna (12€) e aereo della Pegasus Airlines Bologna-Izmir (239,97€). Arriviamo in tarda serata ad Izmir dopo un volo tranquillo, stanchi, usciamo dall’aeroporto in cerca del nostro hotel prenotato su booking.com per quella sola notte e..il mondo!! Decine di persone tassisti parenti amici tutti ad aspettare qualcuno, sembrava di essere nel centro di un formicolaio, nonostante l’ora tarda. Ci attiviamo con le nostre guide cartacee ma soprattutto le nostre mappe offline su smartphone ma nonostante tutto non riusciamo a capire come arrivare alla nostra camera che, da quanto diceva il sito dell’albergo, si trovava a tre minuti a piedi dall'aeroporto. Esausti e confusi decidiamo di chiedere a qualcuno, ma in che lingua? L’italiano non lo conoscono, l’inglese lo arrangiano, i gesti!! I gesti ci hanno portati in dieci minuti ad essere distesi in una bellissima camera di un favoloso e comodo hotel a pochissimi passi dall’aeroporto.

Non starò a ripeterlo per tutto il diario, ma i turchi sono delle persone disponibilissime che cercano in qualsiasi modo di aiutare il turista. Andate tranquilli. Ovviamente sempre con il rispetto per una cultura ed una religione diverse dalle nostre.

Recensione e descrizione servizi (75€, pernottamento+colazione) su http://www.tripadvisor.it/ShowUserReviews-g298006-d2160043-r232053656-Orty_Airport_Hotel-Izmir_Izmir_Province_Turkish_Aegean_Coast.html#CHECK_RATES_CONT

2° GIORNO

L’indomani ci alziamo belli pimpanti e in un inglese arrangiato riusciamo a farci stampare dallo staff dell’hotel una cartina per arrivare, con la macchina presa a noleggio (200€ circa senza contare la benzina) su http://www.rentalcars.com/ e ritirata all’aeroporto tramite AVIS (ottimo servizio sia call-center in Italia che in loco), ad Efeso

  • 7774 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social