Turchia, meraviglia della natura

Alla scoperta di un Paese meraviglioso!

  • di cla4902
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Turchia: una parola, un’evocazione, un Paese che ha preso un significato diverso dopo il mio viaggio… Lo considero sicuramente uno dei paesi più belli al mondo.

Noi 6 abbiamo deciso di fare un tour organizzato con Lets.it (tour operator con il quale ci siamo trovati benissimo) sia perché in televisione in questo periodo si sentivano notizie di scontri, soprattutto a Istanbul e poi per evitare di noleggiare due macchine e macinare chilometri su chilometri e di conseguenza stancarci e non godere appieno del viaggio, però posso dirvi una cosa? Se avessimo avuto più di una settimana a disposizione per poterla girare senza fretta, avrei optato assolutamente per il fai da te. Per quanto riguarda la situazione a Istanbul, la nostra guida Fuat, ci ha spiegato che gli scontri si limitano solamente a piazza Taksim, non oltre, quindi se non andate proprio là, state tranquilli. La Turchia è un paese molto aperto e ormai occidentalizzato rispetto ad altri paesi di religione prevalentemente islamica. I commercianti non sono petulanti e insistenti come in Egitto (altro bellissimo paese).

Cosa mi è piaciuto di più? TUTTO!

Ma se dovessi stilare una classifica sicuramente il mio primo voto andrebbe alla Cappadocia, poi a Pamukkale e ad Efeso.

Ma procediamo con ordine, questa è la scaletta del nostro tour:

- Istanbul (2 notti)

- Bursa / Izimir (1 notte)

- Casa di Maria, Efeso/ Pamukkale e Hierapolis (1 notte)

- Konya / Cappadocia (2 notti)

- Ankara / Istanbul (1 notte)

ISTANBUL: è una città gigantesca e stupenda, ha circa 18 milioni di abitanti e 97 centri commerciali, in molte zone i negozi sono divisi per categoria, ovvero in una zona vendono solo lampadari, in un’altra solo biciclette e così via… Noi avendo solo due giorni a disposizione abbiamo visitato solo le cose principali:

Antico Ippodromo Bizantino e gli obelischi (es. colonna del serpente ecc); Moschea del Sultano Ahmet conosciuta come Moschea Blu; Palazzo Imperiale di Topkapi (residenza dei Sultani); Gran Bazar (il mercato al coperto più grande del mondo). Abbiamo anche fatto la crociera in battello sul Bosforo dove abbiamo potuto ben vedere la “divisione” di Istanbul tra il versante europeo e quello asiatico e meravigliosi palazzi affacciati sul mare.

BURSA: l’abbiamo visitata in mezza giornata, abbiamo visto la Grande Moschea, particolare per la sua fontana all’interno della moschea stessa, e la Moschea Verde, particolare per le sue maioliche per l’appunto verdi ma molto piccola e “intima”.

SMIRNE: di sera abbiamo potuto solamente fare una passeggiata sul lungomare dove ci sono diversi ristoranti e locali dove fumare il narghilè, ma per quel poco che ho visto non l’ho trovata particolarmente interessante. Il mattino successivo abbiamo visitato la Casa di Maria che è l’ultima residenza dov’è stata la Madonna prima di morire.

PAMUKKALE: come anticipavo a inizio diario, è una delle cose che mi è piaciuta di più, appena siamo arrivati mi sentivo in una fiaba. Il panorama è mozzafiato, immaginatevi cascate di acqua termale limpidissima su grandi “terrazze” bianche. Effettivamente Pamukkale significa “Castello di Cotone”, ora capisco perché… E dietro Pamukkale c’è una città intera: Hierapolis, con la sua antica piscina (stupenda con le colonne immerse nell’acqua), una collina dal quale ammirare un bellissimo tramonto, antiche tombe alla mercè di tutti ecc.

E mentre tutti i turisti ammiravano le cascate o si facevano il bagno, noi eravamo completamente soli (noi 30 del gruppo di Lets.it), sulle colline al tramonto, nient’altro che silenzio e pace

  • 4049 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social