Turchia, un viaggio oltre ogni aspettativa

Al solito nessun “programma programmato”, solo un’idea di tour in testa (anche in base ad altre esperienze lette on-line) e per il resto lasciato al caso

  • di gp&lele
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

2012. Luglio. 3 settimane. Dove andiamo? Voglio spendere poco. Tanto per cambiare… Allora dobbiamo andare fuori dall’Italia. Grecia? Croazia? Turchia?… Turchia? …. Turchia …. E Turchia sia. Al solito nessun “programma programmato”, solo un’idea di tour in testa (anche in base ad altre esperienze lette on-line) e per il resto lasciato al caso (noleggiamo un’auto? E se ci muoviamo in autobus? La benzina costa un sacco: dai vediamo e decidiamo la). Abbiamo 21giorni da poterci gestire come meglio crediamo. Pura vacanza!

Bologna-Istanbul, volo diretto Turkish Airways; in 2 ore e 30’ siamo in Turchia, guida turistica Lonely Planet alla mano (anche se devo notare che la nuova versione – soprattutto delle mappe – è decisamente poco user-friendly … stiamo seriamente pensando di cambiare “fornitore”) prendiamo subito la metro dall’aeroporto Ataturk verso Sultanahmet (bisogna scendere per poi prendere il filobus). Con 3LireTurche siamo dietro Aya Sophia e la Moschea Blu, sulle scale del nostro alberghetto prenotato tramite booking.com (Eski Hotel, che consigliamo – terrazzina all’ultimo piano che da sul Bosforo con vista incantevole e camere piccole ma accoglienti – 55€/notte).

Cinque meravigliosi giorni, gambe in spalla, abbiamo girato la città in lungo e in largo tenendoci il bazar e il mercato delle spezie per il rientro 3 settimane dopo (gli acquisti si fanno sempre all’ultimo). Quindi i classici: Aya Sofia, Moschea Blu e TopKapi, Ippodromo, Cisterna Basilica, gita sul Bosforo, Ponte e Torre di Galata sino a Piazza Taksim. Abbiamo pestato marciapiedi di Istanbul per non so quanti kilometri; vicoli fantastici, qualcuno un po’ fatiscente altri pieni di vita ma tutti con un unico denominatore: gente sorridente ed accogliente. Pochissimi italiani e questo ci fa sentire meglio, non so perché ma ci piace. Approdiamo anche sulla sponda asiatica: molto residenziale ma con un lungomare mozzafiato pieno di baretti con sedute accomodate con cuscini ed ombrelloni, stile molto asiatico. E abbiamo mangiato divinamente, senza rimpiangere neanche l’amatissima pizza (loro offrono delle meravigliose pide); mangiato per strada seduti per terra, spizzicato in osterie turistiche e non (per questi ci siamo affidati alla guida che avevamo e devo dire che ci siamo abbastanza ritrovati). Bevuto spremute di melograno, spremute di arancia (abbiamo perso quella di ciliegia che dicono essere molto particolare). Ovviamente non abbiamo potuto non fare un hammam ristoratore post-scarpinata; bagni separati per uomini e donne: ti riforniscono di ogni cosa tu possa aver bisogno quindi ci si può infilare anche senza prenotazione (noi siamo andati in quello proprio nella piazza principale del gran bazar). Hai a disposizione un piccolo armadietto da chiudere a chiave; ti consegnano slip e guanto e ti ritrovi in questo bagno turco con pedana centrale rialzata in marmo. Ci sono già diverse donne che attendono il loro turno e vale a dire essere bagnate con un secchio d’acqua non fredda dalla testa ai piedi, scrub, insaponata e scrub di nuovo. Risciacquo e bagno nella piscina. Noi avevamo pagato anche per un massaggio con olio. Trenta minuti di pura goduria (in totale 52€/testa). Ci ritroviamo all’uscita, in questo bellissimo ambiente che funge da reception, con i panni stesi fuori, e in mano un cai (la prima parola turca che abbiamo imparato: te); abbiamo bevuto quintali di te. Ottimo, forte, caldissimo. Mi ci sono drogata di te.

E’ ora di lasciare Istanbul. Prossima destinazione Cappadocia. Goreme farà da base per le varie escursioni. Quindi prenotiamo il bus notturno che dopo 12ore ci porta da Istanbul dritti a Goreme (con 30LT a testa)

  • 5761 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social