Weekend lungo ad Istanbul

Ciao a tutti, ecco il racconto del nostro weekend a Istanbul con qualche, speriamo utile, consiglio per godersi al meglio le bellezze di questa città. Dettagli tecnici: - Volo con Myair da Bergamo – partenza venerdi e rientro lunedì (fine ...

  • di dile_82
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Ciao a tutti, ecco il racconto del nostro weekend a Istanbul con qualche, speriamo utile, consiglio per godersi al meglio le bellezze di questa città.

Dettagli tecnici: - Volo con Myair da Bergamo – partenza venerdi e rientro lunedì (fine settembre) prenotato circa 7 mesi prima per 70 € a testa - Hotel prenotato su booking – Grand Hotel Liza – doppia con colazione 135 € per 3 notti - Transfer dall’aeroporto all’hotel fornito dall’hotel per circa 15 euro a testa AR Il primo giorno siamo praticamente arrivati per cena, perché l’aereo ha avuto quasi 3 ore di ritardo e l’aeroporto dista dal centro circa un’ora. Dopo una veloce puntatina in hotel, siamo subito andati a cena nei dintorni dell’albergo (Kumklapi), ovvero la zona sul mar di marmara. L’hotel è davvero molto carino, pulito e in zona strategica. Ha una bellissima terrazza dove si fa colazione con vista moschea blu e mar di marmara. Uscendo dall’hotel a sinistra alla fine della salita si trova la fermata dell’unico tram (Beyazit) della città che permette di raggiungere tutte le zone importanti, mentre uscendo a destra si va verso il porto dove ci sono alcune viette pedonali piene di ristorantini.

Itinerario primo giorno: Gran Bazaar – Bazaar delle spezie – Moschea nuova – Topkapi Abbiamo deciso di addentrarci subito nel Gran Bazaar visto che la domenica è chiuso! Ovviamente si trova di tutto, dai gioielli, ai tappeti, all’abbigliamento contraffatto. Mi raccomando non dimenticatevi l’arte della contrattazione! Dopo circa due ore siamo finalmente riusciti ad uscire e siamo andati verso la Moschea Nuova ma abbiamo potuto vederla solo da fuori perché per tutto il 2008 è in ristrutturazione...Così siamo andati al Bazaar delle spezie, molto più piccolo del primo ma forse più coinvolgente. Infine, sempre a piedi, siamo andati al palazzo di Topkapi, dove abbiamo perso più di due ore per visitare tutto (compreso l’Harem). Itinerario secondo giorno: gita sul Bosforo – Ortakoy – Santa Sofia – Cisterna Basilica Siamo andati con il tram alla fermata Eminonu, cioè il porto per i traghetti sul bosforo e abbiamo preso quello turistico che arriva fino all’imbocco del mar Nero. Parte alle 1035 e sola andata costa 10 lire. Noi siamo scesi alla penultima fermata della parte europea, optando per il ritorno su terraferma, visto che con il traghetto avremmo dovuto aspettare dopo le 15! Con l’autobus 25E siamo arrivati ad Ortakoy per goderci il mercato della domenica e berci un cappuccino nella piazzetta principale. Assolutamente consigliato! Sempre con lo stesso autobus siamo arrivati al capolinea dell’unico tram che ci ha poi portato alla fermata Sultanhamet per le classiche visite di Istanbul: Santa Sofia e la Cisterna. La Cisterna è qualcosa di impressionante, decisamente da non perdere! Itinerario ultima mattina: Moschea Blu – Ippodromo - parte asiatica – Torre Galata – Ponte Galata Dovevamo essere in hotel per il transfer alle 1430, quindi abbiamo dedicato la mattina alle ultime visite. Prima di tutto l’Ippodromo e la Moschea blu (unica visita non a pagamento!!!) e poi la parte asiatica. La fermata del tram è Karakoy, dove parte una vietta in salita per raggiungere la torre Galata. La salita è un po’ cara (10 lire) ma il panorama li vale tutti! Il rientro lo abbiamo fatto a piedi per attraversare il ponte pieno di pescatori e goderci il mercato del pesce. Al porto ci sono un sacco di ristorantini molto spartani, dove cucinano direttamente sulla barca il pesce appena pescato! Purtroppo lo abbiamo scoperto troppo tardi e quindi non li abbiamo provati, ma dall’esterno ispiravano molto! Consigli: - Non potete non assaggiare il Kebab (pollo o agnello) avvolto nella piadina, è buonissimo! In alcuni posti ti chiedono addirittura quanti grammi di carne vuoi nel panino..- Vale la pena anche il borek, ovvero una pasta sfoglia di carne speziata ma non piccante - Una sera provate i ristoranti del porto dove cucinano direttamente i pescatori (sia al Corno d’oro che a Kumklapi) - Se avete tempo fate una gita ad Ortakoy, è davvero un paesino carino - Cambiate in lire, accettano anche gli euro ma con il cambio ci marciano e si finisce per smenarci - Non preoccupatevi se non parlate bene l’inglese, i turchi ne sapranno sicuramente meno di voi! - La cisterna è indimenticabile... - Al bazaar delle spezie chiedete di assaggiare i dolci...I cioccolatini Madlen e il dolce Baklavi (credo si scriva così) sono buonissimi! - La parte asiatica è forse la vera Istanbul, si vive di più la loro cultura al di fuori delle tratte turistiche... Se avete domande scrivete! madi7782@yahoo.It

  • 2398 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social