Turchia: un ponte fra oriente ed occidente

Siamo partiti il 6/5/08,approfittando di una offerta di Turchese viaggi a 617 euro in due , in crociando le dita :è stata un’esperienza bellissima.Avevamo Istanbul in B&B e il tour in PC ed è stata la soluzione migliore. MAR.6 Arrivati ...

  • di Grazia Pereno
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Siamo partiti il 6/5/08,approfittando di una offerta di Turchese viaggi a 617 euro in due , in crociando le dita :è stata un’esperienza bellissima.Avevamo Istanbul in B&B e il tour in PC ed è stata la soluzione migliore.

MAR.6 Arrivati ad Istanbul alle 13 in perfetto orario,siamo andati all’albergo Kaya, vicino a Sultanhamet,l comodissimo e confortevole : davanti avevamo la fermata del TRANVAY (metropolitana leggera) che è il mezzo migliore per visitare la città: il ticket costa 0,75 euro , viaggia su binari in corsie riservate e permette di non imbottigliarsi nel traffico collegando tutti i punti di interesse della città. Siamo andati ad Eminonu, vicino al ponte di Galata e abbiamo fatto la gita di 2 ore sul Bosforo ( 15 euro in due): imperdibile e indimenticabile soprattutto al tramonto. Poi abbiamo visitato il pittoresco mercato del pesce di Karakoy e il mercato delle spezie ;abbiamo cenato in un ristorantino sotto il ponte di Galata ( 13 euro in due)davanti al sole rosso che scendeva dietro la moschea di Suleyman: semplicemente fantastico. Dopo cena abbiamo visitato la Yeni Camii di notte, molto suggestiva e poi a nanna.

MER 7-Di buon mattino subito al Topkapi(5 euro a testa): per vederlo bene bisogna starci almeno 3 ore .Questa residenza da mille e una notte non è un palazzo ma piuttosto una serie di edifici sparsi in un giardino , secondo lo stile di un antico accampamento ottomano: meritano le cucine, il tesoro e soprattutto l’Harem( 5 euro a testa) che ha delle sale e degli ambienti straordinari , in uno strano ed elegantissimo connubio fra stile orientale e barocco francese: non perdetelo! All’uscita nelle bancarelle si compra un ottimo simit ,un pane a ciambella con semi di sesamo.

Poi siamo andati alla chiesa di Haghia Sophya( 5euro a testa), maestosa e grandissima,poi alla Moschea Blù imponente ed elegantissima.Sempre nei paraggi abbiamo visitato la Yerevan cisterna basilica(5 euro a testa),certamente il luogo più originale di Istanbul: si tratta di una enorme sala sotterranea sorretta da centinaia di colonne, usata nel periodo bizantino come riserva d’acqua per la città: ora è illuminata con luci colorate , c’è musica diffusa e il tutto crea un’atmosfera indimenticabile.

Ci siamo spostati poi con la solito comodissimo tranvay oltre il ponte di Galata e siamo saliti al tramonto sulla Torre Genovese :un comodo ascensore porta fino al penultimo piano e di lì una comoda scala porta al ballatoio che gira intorno alla torre, a 60 m. Da terra.: è il miglior panorama a 360° della città e viene voglia di star lì per ore! Da li abbiamo riattraversato il ponte e abbiamo visitato una delle più belle moschee della città , anche se meno famosa:la RustemPasa Camii, arricchita da splendide e preziose piastrelle blù di Iznik.

Siamo tornati a Sultanhamet e abbiamo cenato in un ristorantino del centro(12 euro in due).

Poi abbiamo fatto una passeggiata intorno alle moschee illuminate e fiabesche.

GIO 8-Al mattino siamo andati a vedere la Suleyman Camii, la più grande di tutta Istanbul , ma purtroppo è in ristrutturazione ed è solo parzialmente visitabile, poi lì vicino abbiamo fatto una full immersion nello spettacolare Gran Bazar,impedibile: una città nella città. .Lì vicino sorge la bellissima Benazyt Camii, la grande moschea dell’università .A pranzo ci siamo fatti un buon kebab sulla terrazza di un ristorantino che dava sul Bazar e sulla moschea:un ricordo spettacolare di questa indimenticabile città, che da sola merita un viaggio

  • 353 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social