Turchia in auto con la famiglia

Inizio: 10 luglio 2007, Fine: 26 luglio 2007 Tappe: Istanbul, Cappadocia, Costa Egea Partecipanti: Edo (41), Laura (40 ma non li dimostra), Marco (13), Luca (9) Mezzi di trasporto: Aereo, auto a noleggio, nave, piedi 10-07-2007 Partenza Comincio dalla composizione ...

  • di us01234
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Inizio: 10 luglio 2007, Fine: 26 luglio 2007 Tappe: Istanbul, Cappadocia, Costa Egea Partecipanti: Edo (41), Laura (40 ma non li dimostra), Marco (13), Luca (9) Mezzi di trasporto: Aereo, auto a noleggio, nave, piedi 10-07-2007 Partenza Comincio dalla composizione dell'equipaggio: io (Edo), mia moglie Laura e due figli: Marco (13 anni cestista-lettore), Luca (9 anni calciatore-calciatore) Partiamo da Malpensa con i biglietti elettronici prenotati con Expedia senza problemi. La prima ansia sui documenti è passata: basta la carta d'identità (di ansie ne ho qualcuna ...). In Turchia, poi, non si paga più il visto di 10€ all'ingresso.

Arrivati ad Istanbul prendiamo un taxi (per il quale non sono riuscito a contrattare il prezzo. Il tassista non parlava per niente, nemmeno il turco) per l'albergo prenotato, come tutti i prossimi, da un'agenzia di viaggi prima della partenza.

Breve sosta in albergo e poi fuori a mangiare il nostro primo kebab arrotolato (Dürüm) gustato in un parco con attorno decine di gatti 'elemosinanti'.

Abbiamo solo parte del pomeriggio e siamo un po' stanchi per la levataccia mattutina quindi optiamo per la sola visita alla Moschea Blu (Sultanahmet Camii).

Nel parco la vista spazia sui due monumenti più famosi di Istanbul: Aya Sofia e Moschea Blu. Lo spettacolo è strepitoso.

Non entriamo subito nella moschea perché c'è la preghiera e così ascoltiamo il muezzin intonare dagli altoparlanti sui minareti le preghiere di rito. Marco & Luca sono alla prima esperienza in un paese musulmano.

Finalmente si entra: via le scarpe (ci sono dei pacchettini in plastica monouso dove metterle), Laura ha un foulard ma non glielo fanno indossare, io e figliame entriamo con le bermuda. Nessun problema (a Padova mi hanno fatto più storie).

L'interno è imponente ma, secondo me, il meglio la Moschea Blu lo dà all'esterno.

Finita la visita e scansati i venditori di cartoline torniamo in albergo a fare un sonnellino rigenerante in albergo.

A cena siamo andati in un ristorante che avevamo visto nel pomeriggio, sempre nei paraggi della Moschea Blu. Tutti soddisfatti dei vari yogurt, sigara bore?i (sfoglie con formaggio), calamari fritti e Köfte (polpette alla griglia buonissime). Dopo due tè offerti siamo tornati in albergo. Ottima giornata.

11-07-2007 Istanbul (Aya Sofya, Cisterna Basilica, Süleymaniye Camii, Gran Bazar, Bazar delle spezie, Torre di Galata) Sveglia con calma e colazione in albergo: al mattino non sono molto connesso con il mondo quindi, niente esperimenti. Caffelatte e brioches. Marco si rivelerà, invece, un abbinatore di gusti inimitabile, anzi, da non imitare. Negli ultimi giorni la colazione prevedeva, insieme, wurstel di pollo e anguria!.

Abbiamo visitato Aya Sofya (ingresso 10 YTL a testa). Interno maestoso ma, sinceramente, non entusiasmante. La cosa per me più interessante sono state le mescolanze architettoniche tra cristianesimo e islam. Vedere in un unico edificio un mosaico di Gesù Cristo ed i medaglioni islamici con scritte verso Allah non mi era mai capitato.

La visita non richiede molto tempo.

Abbiamo poi visto la Cisterna Basilica (Yerebatan Saray?). Una costruzione originale. Un ambiente sotterraneo con una selva di colonne con in acqua carpe grandi come gatti.

Prima della visita ci eravamo fermati nel parco ed abbiamo chiacchierato un po' di calcio con il nostro vicino di panca. Quando, poi, si è rivelato un procacciatore di clienti per un negozio di tappeti e noi abbiamo rifiutato ha accettato il nostro rifiuto e ci ha anche dato istruzioni per raggiungere il Gran Bazar. Una brava persona

  • 8461 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social