Capodanno ad Istanbul

Cinque giorni e mezzo di Istanbul sono appena sufficienti per apprezzare la complessità di questa città. Certamente Istanbul vale anche più di una visita, considerando sia le amenità che offre il luogo, sia la disponibilità dei suoi abitanti e non ...

  • di capoca
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Cinque giorni e mezzo di Istanbul sono appena sufficienti per apprezzare la complessità di questa città. Certamente Istanbul vale anche più di una visita, considerando sia le amenità che offre il luogo, sia la disponibilità dei suoi abitanti e non ultimo la bontà della sua cucina.

Il volo Lufthansa Milano – Istanbul ci è costato 378 € tasse incluse con scalo a Francoforte, non poco ma neppure troppo se si pensa che lo abbiamo acquistato appena tre settimane prima della partenza in un periodo di alta stagione. Fortunatamente siamo riusciti a risparmiare sull’albergo (Ayasofya Hotel, Kuçuk Ayasofya Caddesi, Demirci Resit Sok. N. 28, http://www.Ayasofyahotel.Com, info@ayasofyahotel.Com, tel: +90212 51694 46, fax: +90212 51807 00; 55 € la doppia con bagno e prima colazione – sconto del 5% se si paga in Euro), davvero carino ed in una posizione fantastica per la visita a Sultanahmet, il centro storico della città.

1° giorno Ci svegliamo all’alba per prendere l’aereo in tempo ed atterriamo ad Istanbul prima delle 13 trovando una bufera di neve che ci coglie un po’ impreparati. La fortuna ci assiste, però e dopo un paio d’ore fa capolino il sole. Iniziamo ad esplorare Sultanahmet, cominciando da una visita a Santa Sofia - sicuramente imperdibile - e continuando su Divan Yolu, la via principale del centro. Dopo cena è d’obbligo la prima visita all’hammam consigliato dalle guide e dal personale dell’albergo, il Cemberlitas (Vezirhan Caddesi n. 8, http://www.Cemberlitashamami.Com.Tr). Il trattamento è memorabile, così come il luogo sebbene i prezzi, pur inferiori a quelli praticati da strutture simili in Italia, siano elevati per lo standard locale.

2° giorno La giornata inzia con la visita al Topkapi ed al relativo harem, che ci regala una vista splendida sulla costa asiatica. La tappa successiva, la Basilica Cisterna, è uno dei monumenti maggiormente suggestivi della città ed una visita è davvero d’obbligo. Decidiamo poi di percorrere a piedi la città fino alla moschea di Sulimano, anche questa meritevole di una sosta. Le moschee sono accessibili anche dai non musulmani, a condizione però che non vi si entri durante la preghiera, che ha luogo cinque volte al giorno. Dopo una breve pausa in un bar per far fuori una notevole quantità di dolcetti locali, andiamo a vedere lo spettacolo dei Dervisci presso la stazione ferroviaria Sirkeci, prenotato il giorno precedente. Attenzione agli spettacoli offerti da agenzie turistiche inclusivi di danzatrici del ventre e di cena, che sono delle vere e proprie trappole supercostose. Cena in un locale dignitoso su Divan Yolu.

3° giorno Visitiamo subito la Moschea Blu, per poi prendere un tram in Divan Yolu e raggiungere il quartiere di Fatih, dove visitiamo l’omonima moschea, molto suggestiva, forse anche perché quasi del tutto deserta. A piedi proseguiamo a nord fino alle Mura ed alla favolosa chiesa di Chora, i cui mosaici sono fra i più bei ricordi del viaggio. Il quartiere è molto interessante e ci avventuriamo per i vicoli fino a perderci del tutto. Per fortuna che gli abitanti di Istanbul sono molto cordiali e ci indicano la via d’uscita! Arriviamo così sulla costa dove, dopo una sbirciata ad una strana chiesa in ghisa, la Chiesa dei Bulgari, prendiamo un taxi che ci porta dall’altra parte della costa, all’altezza del Castello delle Sette Mura, nel quartiere di Yedikule. Complice anche una giornata splendida, il panorama del mare che si ammira dalle mura è rilassante e ci riempie di gioia. Decidiamo di dirigerci verso Sultanahmet a piedi lungo il mare ma dopo un po’ ripieghiamo su un taxi con il quale raggiungiamo un altro hammam, il Cagaloglu (http://www.Cagalogluhamami.Com.Tr), che sconsigliamo vivamente: i prezzi sono esagerati ed il trattamento ricevuto è talmente approssimativo e scadente da rasentare la truffa. Tornati in albergo e fidatici dei suggerimenti del personale, andiamo a cena in un ristorante nella zona di Tumpaki, buono sì, ma dai prezzi non esattamente bassi

  • 15366 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social