Turchia tour 2006

Se, con la vittoria dell’Italia ai mondiali io e Francesca sapevamo che sarebbe stato un anno da ricordare, dopo il viaggio in Turchia (agosto 2006) abbiamo un motivo in più per pensarlo. Speriamo di riuscire a dare qualche consiglio per ...

 

Se, con la vittoria dell’Italia ai mondiali io e Francesca sapevamo che sarebbe stato un anno da ricordare, dopo il viaggio in Turchia (agosto 2006) abbiamo un motivo in più per pensarlo.

Speriamo di riuscire a dare qualche consiglio per chi intende fare lo stesso tipo di viaggio che abbiamo scelto noi.

Prima di tutto, per esperienza vissuta sulla nostra pelle (e che sudata!!) se mai vi capitasse di trovarvi all’aeroporto di Orio al Serio con la carta d’identità scaduta, sappiate che a pochi chilometri c’è il luogo della salvezza, ovvero il comune di Orio dove vi verrà rinnovata in pochi minuti (costo circa 10 €, e 3 foto...Uguali...!.). E se la sfortuna dovesse accanirsi su di voi, come ha fatto con noi, e mettervi nelle mani di un tassista che probabilmente era al suo primo giorno di lavoro (...), tenete presente che per fare le foto c’è un centro commerciale proprio vicino al comune e che quindi non è necessario buttarsi come incoscienti nel centro di Bergamo...Aiuto..Mi viene ancora male solo il pensiero... Comunque sia, dopo un inizio disastroso, siamo partite per la nostra vacanza. Certo l’impatto è stato un attimino inquietante quando siamo saliti sul pulmann e abbiamo incontrato il nostro gruppo... una folta marea di chiome bianche...Diciamo che l’età media sarà stata 50 anni! e una bella compagnia di nonni; inizio tragico ma poi si sono rivelati di grande compagnia e ci siamo fatte grandi risate. Il nostro tour è cominciato ad Istanbul, città ricca di fascino e di mistero, con le immancabili tappe di rito.

Prima fra tutte la Moschea Blu (Sultanahmat Camii): il colpo d’occhio appena scese dal pullmann è davvero incredibile. Maestosa, circondata da uno splendido giardino, risale al XVII sec. Ed è l’unica in Turchia ad avere 6 minareti; questo perché il sultano Ahmet I, non potendo eguagliare la magnificenza di Santa Sofia e della Moschea di Solimano, non trovò soluzione migliore se non quella di aggiungere 2 minareti supplementari. Secondo una leggenda il Sultano aveva detto al suo architetto di costruire una moschea con dei minareti d'oro. Trattandosi di una spesa enorme, l'architetto al posto di costruire dei minareti d'oro, costruì 6 minareti, facendo finta di aver capito male la richiesta (in turco infatti la pronuncia del numero 6 assomiglia alla pronuncia "d'oro", 6=alti e d'oro=altin).

L’interno è avvolto da flebili luci e da una serie infinite di maioliche dell’antica Nicea.

Proprio di fronte alla Mosche Blu spicca Santa Sofia (Aya Sofia), un tempo basilica, oggi adibita a museo. La basilica fatta erigere da Teodosio II, consacrata nel 413 ed incendiata nel 532. Nello stesso anno con l’imperatore Giustiniano iniziano i lavori di ricostruzione che terminano (a tempo di record) nel 537. La cupola è davvero imponente (alta 43 m e il suo diametro raggiunge i 23,5 m).. Poi abbiamo visitato il Gran Bazaar: improvvisamente ci siamo trovate catapultate in un mondo di colori, luci e profumi. Ha ingresso da 18 porte, e c’è davvero di tutto e anche se non siete grandi amanti dello shopping vale davvero la pena farci un salto; e non fatevi ingannare dalle guide quando vi dicono che durante il tour avrete modo di fare acquisti con più calma e in posti altrettanto caratteristici...I veri affari si fanno al Gran Bazar di Istanbul, garantito!! Oltre alla bellezza della merce (ciotole in ceramica decorata, bracciali, orecchini, tappeti, lampade...) c’è da gustare il rito di mercanteggiare...Battaglia ad armi pari dove vince chi ha più pazienza e tenacia; cosa che a Francesca riusciva benissimo..

  • 913 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social