Tour della costa Tunisia

Tunisia 5-8 gennaio 2006 …Ancora io e Luca, ancora un last second ed ancora un viaggio da ricordare!!!! Tour della costa tunisina, 1000 km in 2 giorni alla scoperta di una fetta di mondo tanto vicina al nostro paese eppure ...

  • di Conan_Cleopatra
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Tunisia 5-8 gennaio 2006 ...Ancora io e Luca, ancora un last second ed ancora un viaggio da ricordare!!!! Tour della costa tunisina, 1000 km in 2 giorni alla scoperta di una fetta di mondo tanto vicina al nostro paese eppure così lontana... Volo Tunisair da Roma, 1 ora circa per atterrare all’aeroporto di Monastir, dove è previsto il primo pernottamento. Le luci basse, le poltrone in velluto e il clima sereno e rilassante dell’hotel Miramar ci danno il benvenuto, il tempo di sistemarci e pronti per andare a dormire nella grandissima ed accogliente stanza arredata in stile tipicamente tunisino.

Al mattino, di buon ora, dopo una colazione modesta ed insoddisfacente, partiamo alla volta di El Jem.

Prima tappa obbligatoria all’anfiteatro romano, dichiarato dall’UNESCO patrimonio dell’umanità, da cui salendo sull’ultimo livello delle gradinate si può ammirare sia l’interno del “colosseo” in tutto il suo splendore, sia la città araba con la sua tipica architettura. Il tempo di goderci il trionfo remoto di una Roma imperiale e di nuovo in autobus da cui cerchiamo di non perderci nessuno scorcio di vita quotidiana, dalla vendita dei montoni sulle strade a quella illegale di benzina, dalle caratteristiche macellerie agli interminabili uliveti.

Proseguendo verso sud cominciano a cambiare i paesaggi e i colori, il verde lascia spazio sempre più al marrone ed ecco davanti a noi la visione del deserto roccioso ed emozionanti e illimitati paesaggi lunari...Intorno il nulla, soltanto il rincorrersi di colline aride, ora a destra ora a sinistra.

Per il pranzo (meglio però non parlare del cibo) ci fermiamo a Matmata dove visitiamo una casa troglodita raggiungibile tramite un cunicolo stretto e profondo, dentro semplici suppellettili ornano la fresca caverna. Il silenzio e la tranquillità di questo posto ci trasportano in un mondo surreale, il caos e la freneticità sembrano distanti anni luce, il susseguirsi di ambientazioni e di panorami ci conducono a Douz, cittadina alle porte del deserto.

Come da programma arriviamo alle dune del GRANDE SAHARA tramite caratteristica e puzzolente dromedariata .Il tramonto, i colori e il mistero che caratterizzano il deserto ci ammaliano anche se il freddo comincia a farsi sentire.

Non potevamo certo rimanere indifferente alla rosea sabbia e a luoghi che nel nostro immagianario avevamo sempre ritenuto lontani e fantastici e che fin da bambini avevano stimolato i nostri sogni! Trascorriamo la seconda notte di tour all’hotel Sahara Douz tra i suoi arredi da 1000 e una notte, i profumi di incenso e gli affascinanti e misteriosi uomini del Sahara.

In serata ci concediamo una boccata di narghilé nel caratteristico bar stile arabo tra le sue essenze e odori di thè.

Dopo la fredda notte e l’alzataccia alle 5.30 del mattino un immenso spettacolo si apre ai nostri occhi, il lago salato di Chott el Jerid, una distesa di cristalli di sale, di paludi e fanghi si alternano a pozzi d’acqua, qui gli sguardi si perdono e il cielo sembra più vicino mentre il sole riflesso ci acceca,a rovinare l’incanto le capanne di palme che ospitano i venditori delle rose del deserto.

Attraversiamo la strada lunga e dritta ( sembra un lunghissimo ponte su un mare di nulla...Un nulla però pieno di fascino) costeggiando la catena montuosa per giungere a Tozeur; la visita all’oasi in calesse ci ha lasciato indifferenti e quasi delusi ma il giro in città tra i suoi negozietti e gli edifici in mattoncino ci hanno entusiasmato.Purtroppo il tempo da dedicare a questa attraente cittadina è stato poco ma abbiamo cercato di far nostro ogni minimo particolare

  • 1222 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social