Tunisia tra città storiche e deserti

Viaggio on the road tra città storiche, oasi nel deserto e villaggi berberi

  • di gin_gin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Io e una mia amica, avendo a disposizione 4 giorni, decidiamo di andare in Tunisia. Premetto che ho avuto molti dubbi prima di prenotare un viaggio in Tunisia, perché ovunque andavo a leggere su internet (sito della Farnesina in primis) c’è scritto di evitare di andare, ma la mia impressione è stata tutto il contrario di ciò che mi aspettavo. Avevo paura che avremmo potuto avere problemi essendo due donne, invece siamo state rispettate e trattate benissimo. Abbiamo trovato un Paese tranquillissimo, con gente disponibilissima e gentilissima. Abbiamo avuto le adeguate accortezze (come quella di non guidare da sole, ma servirci di un autista) e non abbiamo avuto il minimo problema.

Abbiamo comprato un volo Alitalia e prenotato gli hotel su Booking.

Itinerario

1 giorno Tunisi/Cartagine/Sidi Bou Said

2 giorno Tozeur

3 giorno Douz (con notte in tenda nel deserto)

4 giorno Matmata e ritorno a Tunisi in serata dove dormiamo e partenza il giorno successivo alle 9 am per Roma.

Volo Alitalia da fco a Tunisi. All’arrivo a Tunisi per prima cosa facciamo una SIM card con internet. 2 gigabyte costo 12 dinari (3 € circa al cambio attuale). Connessione veloce e immediata. Prendiamo un taxi fuori all’aeroporto e ci porta a sisi bou said, dove alloggeremo per una notte. Posati gli zaini in camera prendiamo un taxi che ci farà da guida (fantastico. Gentile, bravo e che parla italiano. ho il suo facebook se serve) e andiamo a Cartagine dove abbiamo visto tutti i siti archeologici. Il biglietto costa 10 dinari e si può accedere a tutti. Il più bello a mio parere le terme di Antonino. Anche la villa romana è molto bella. Chiediamo allo stesso tassista di portarci alla Medina di Tunisi. Qui D’obbligo salire in una delle terrazze molto caratteristiche con le famose porte con vista sulla città. Ci siamo affidate ad una guida del posto (che conosceva il nostra tassista) che in cambio di una mancia (10€) ci ha fatto girare due ore nelle viette e terrazze della Medina. Poi siamo andate Sidi Bou Said, dove abbiamo dormito. è una cittadina bianca e turchese, molto suggestiva che merita la visita.

Il mattino seguente ci viene a prendere l’autista (una persona fantastica e bravissima) prenotato dall’Italia attraverso un tour operator tunisino, che ci accompagnerà per il resto del viaggio e ci porta a Tozeur (circa 6 ore di macchina), dove visitiamo delle oasi, tra cui il magnifico set di guerre stellari e vediamo tramonto dalle dune del deserto del Sahara. Abbiamo la fortuna di vedere anche un gruppo di dromedari in fila indiana.

Il mattino seguente alle 8 partiamo per Douz e ci fermiamo al Chott El Jerid, un lago salato a una mezzora da Tozeur. In base all’ora del giorno in cui si va e alla temperatura è diverso. Io sono andata la mattina. Bello da vedere, ma giusto una decina di minuti. Dopo la sosta e qualche foto andiamo a Douz, dove facciamo un giro con quad tra le dune del deserto e poi ci viene a prendere una 4x4 che ci porterà al campo dove dormiremo. Posto molto suggestivo, a 3 ore di macchine dalle porte del deserto. Questo campo è gestito da una coppia di tunisini molto raffinati e le tende sono molto chic e curatissime. Non c’è corrente nelle tende e la doccia è predisposta attraverso bacinelle e al posto delle luci ci sono delle candele. Questo rende ancora più bello il tutto! La cena è fantastica. Potrete mangiare ottima cucina preparata dai beduini ed ammirarli quando cucinano. Strabiliante vedere e mangiare un loro particolare pane che fanno nella sabbia!

Non c’è niente di più rilassante che soggiornare nel deserto, guardare le stelle la notte e dormire in tenda nel silenzio più assoluto!

La mattina dopo, dopo una splendida colazione, siamo tornate a Douz, dove ci aspettava il nostro autista, che ci ha portate a Matmata, un villaggio berbero con case scavate nelle rocce. Abbiamo visitato la casa di una famiglia e pranzato in un hotel sottoterra. Poi siamo tornate a Tunisi dove abbiamo preso il volo di rientro in Italia

Ci è dispiaciuto lasciare questo Paese splendido, che ci ha lasciato una sensazione stupenda dentro.

  • 748 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social