Nel granaio dei Romani

Il Grand Canyon tunisino e il lago di sale visti da un elicottero che ha fatto il Vietnam, e quelli che il deserto l’attraversano davvero...

 

Syusy in "Non la solita Tunisia" accenna alla storia della Tunisia, che in effetti è antichissima: i Berberi la popolano da 6mila anni almeno. E, a proposito di Romani: non dimentichiamo che la Tunisia era la regione abitata dai Fenici e quindi dai Cartaginesi, che ai Romani hanno fatto vedere i sorci verdi. Per i Romani la Tunisia - la regione a nord del Limes Tripolitanus, cioè del confine oltre il quale “Hic sunt leones”, cioè finiva la “civiltà” - era un vero e proprio granaio. Cioè era una regione fertilissima. Che ora, viceversa, è quasi del tutto desertificata. Questi sono gli effetti del cambiamento climatico, che noi ora stiamo semplicemente accelerando con i nostri gas serra. In questa zona il centro più prestigioso è Tozeur, famosa per la sua Medina, la sua Oasi e i suoi treni. La Medina risale al 1300, è naturalmente un dedalo di viuzze con case molto belle, tutte in mattoni. Notevole è la tecnica di costruzione: i mattoni sono tutti sfalsati fra loro, per far sì di non offrire al sole una superficie piatta, bensì tutta sfaccettata. In questo modo si creano delle “scaglie di ombra” che mantengono il fresco. Anche l’Oasi, una delle più grandi della Tunisia con 200mila palme da dattero, testimonia dell’elevato grado di civiltà a cui erano arrivati da queste parti attorno al 1200: l’Oasi è irrigata da un complesso sistema di canali, ideato appunto in quell’epoca e tutt’ora funzionante. Anche i treni (quelli cantati da Battiato e da Alice) esistono, e sono i convogli che trasportavano (e lo fanno ancora oggi) i materiali estratti dalle miniere di fosfati, che saranno anche importanti per l’agricoltura, ma ora creano problemi ambientali e sindacali (con i minatori che protestano anche violentemente).

Le Oasi di Montagna

Sempre Syusy accennava anche a fiumi che non sono sempre stati disseccati. Un esempio di questo fenomeno sono le cosiddette Oasi di Montagna, cioè i villaggi di Mides, Tamerza o Chebika. Io ho visto coi miei occhi Mides, e sono rimasto impressionato. Credo che lo spettacolo di queste montagne, erose dal vento e - appunto - dall’acqua, sia degno del Grand Canyon americano: si tratta appunto di gole profonde, che cambiano colore in base al livello del sole, passando dal giallo ocra al rosso. La storia di questi villaggi è significativa: nel 1969 sono stati praticamente distrutti da... un’inondazione! In pratica è piovuto per 22 giorni, ininterrottamente. E queste bombe d’acqua, oltre che provocare dei morti, hanno spazzato via le case. Poco lontano c’è poi Chott El Jerid, un lago salato lungo 250 chilometri. Lago per modo di dire: solo in alcune stagioni è coperto da un sottile strato di acqua che evapora lasciando dei cristalli di sale che brillano sotto il sole, dando vita a fenomeni ottici incredibili. Io ho avuto la fortuna di sorvolarlo su un elicottero militare (un vecchio modello acquistato dagli USA, reduce dalla Guerra del Vietnam), ma ho avuto la sfortuna di beccare una giornata senza sole. Ma mi è bastato per rendermi conto del significato concreto della parola “deserto”...

Douz, la Porta del Deserto

Eppure ci sono dei turisti più coraggiosi di noi, che il deserto lo attraversano: mentre giravo l’inizio della puntata ho incontrato una carovana di dromedari, con sopra tende, materassi e turisti tedeschi. Era un trekking di una settimana attraverso il deserto. Li ho invidiati, almeno un po’. Ero a Douz, la città detta appunto “La Porta del Deserto”, perché da qui partivano le carovane che una volta erano solo di commercianti, e ora quasi solo di turisti. A Douz però è rimasto il Mercato del Giovedì, che ancora mantiene intatto il suo sapore e il suo valore “antropologico”. Molte cose sono cambiate: per esempio ci sono merci che arrivano dalla Cina e molte cose dozzinali in plastica, segno che la globalizzazione ormai non ha confini. Un’altra novità è che oggi ci possono andare a comprare e addirittura a vender anche le donne (fino a poco tempo fa il mercato era riservato agli uomini). Mi ha accompagnato un personaggio assolutamente unico per la sua competenza: Marino Zecchini, antropologo, esperto del deserto, che qui vive da 40 anni. E mi ha fatto da guida nelle varie zone in cui è diviso il deserto: c’è il sûq essay, cioè il mercato degli animali, dove ormai di dromedari (usati quasi solo per portare i turisti) non ce n’è più, ma in compenso ci sono moltissime capre, pecore e asini. Poi c’è il sûq al hubûb, il mercato delle spezie, che da sempre vengono da lontano, trasportate un tempo dalle carovane e ora dai camion. Ma qui l’utilizzo dei prodotti naturali, delle erbe e delle spezie, per mangiare e per curarsi, è ancora realtà. Sûq ruba fika, il mercato della roba vecchia, invece ha la particolarità che il suo nome deriva da una parola... siciliana. Qui si tocca con mano il passaggio in atto fra un’agricoltura tradizionale e un’altra più tecnologica: accanto ad antichi strumenti (come la ghirba per l’acqua fatta di pelle di animale), accanto ai pezzi per fare la tenda beduina, agli attrezzi per la pastorizia e la tosatura degli animali, alle trappole e ai ferri per la caccia, agli utensili agricoli per la coltura del palmeto, etc, si trovano anche le taniche di plastica. In conclusione: francamente la Tunisia mi ha sorpreso. È un viaggio interessantissimo, in un Paese apparentemente diverso e in realtà molto vicino a noi, in tutti i sensi, dove le contraddizioni ultime che coinvolgono il Medio Oriente si possono vedere e toccare, ma in un’atmosfera rilassata e rassicurante.

Parole chiave
  • 778 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nina5
    , 26/10/2014 00:45
    La Tunisia è stato il primo Paese del Nord Africa che ho visitato. Amo molto l'Oriente, ed in attesa di poter un giorno toccare suoli dell'Estremo Oriente cercai un compromesso con le mie finanze e decisi per la Tunisia, sudando 7 camicie per convincere una mia amica.
    Sia prima della partenza che dopo,,,negli anni a venire ed ancora oggi...non ho mai incontrato una sola persona che ha manifestato entusiasmo per quei posti. Io, invece, conservo un bellissimo ricordo di quella vacanza durata 15gg. Il resort presso cui soggiornavo era ad Hammamet ma mi sono spostata molto: Port el Kantaoui, Madhia e la famosa escursione del Tour delle Oasi. Son trascorsi ormai 8 anni da quella estate e ricordo tutto nitidamente e con estremo piacere. Quando arrivammo a Douz, salii titubante sul cammello per la prima volta in vita mia e per la prima volta i miei occhi vedevano il deserto! Era quasi il tramonto e forse avrò assunto un'aria così da bambina ...da Alice nel Paese delle meraviglie che il cammelliere si inchinò, mi fece aprire il palmo della mano e lasciò scorrere tra le mie dita quella sabbia così sottile , morbida e calda. L'emozione che provai, il nodo alla gola che mi venne e gli occhi che pungevano perchè avevo voglia di piangere...credetemi...sono ricordi rimasti vivissimi nella mia mente. La notte soggiornammo nell'hotel che si trova lì a Douz, a mezzanotte ero in piscina a fare un bagno caldo e sulla mia testa uno spettacolare cielo stellato. Ancora oggi guardo con stupore e senza riuscire a capire perchè tutti coloro che sono stati in Tunisia storcono il naso ..e taluni addirittura dicono "mai più"...!!!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social