Tunisia per Caso

HAMMAMET, TUNISI, CARTAGINE, SIDI BOU SAID E VILLAGGI BERBERI

  • di alera83
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Causa ferie inaspettate , arrivando un po’ all’ultimo in agenzia e cercando nelle offerte rimaste per agosto, io e mio marito abbiamo deciso di andare in Tunisia , un po’ per il prezzo e un po’ perché non c’eravamo mai stati. Siamo partiti il 9 agosto da Bologna con destinazione Monastir e successivo trasferimento ad Hammamet sulla costa tunisina, alloggiamo al DAR KHAYAM con trattamento all inclusive (l’hotel è un 3 stelle pulito , ma non pensate ai nostri standard).Dopo qualche giorno trascorso in relax in spiaggia a far vita di mare (l’acqua è molto bella), decidiamo di fare un paio di escursioni. La prima riguarda TUNISI , CARTAGINE E SIDI BOU SAID, la giornata non comincia bene, in quanto l’autobus non passa a prenderci, poco male una jeep ci porterà a destinazione, e precisamente a Tunisi, nella medina , la città vecchia, dove ci avventuriamo per le strade tortuose e il “souk” (attenzione perchè è molto facile perdersi) tra oggetti in pelle, oro , ceramiche , piatti lavorati ecc… , come in tutto il mondo arabo bisogna contrattare ! Dopo aver comprato qualche souvenir per noi, ci dirigiamo al Museo del Bardo, il più importante museo tunisino , in cui si trovano mosaici romani e varie statue, ora ci attende Cartagine, visiteremo i resti delle Terme di Antonino Pio , fra le più grandi del mondo. Le rovine sono immerse in un bel giardino con piante di peperoncino rosso e alberi da cui si ricava l’henne’, da qui si ha una bellissima vista sul mare , il sito è veramente gigantesco e pensare che questo è solamente il basamento… Sono circa le 12.30 mangiamo in un ristorante nella zona nuova di Tunisi, il 4 seasons, con menù turistico. Ora ci dirigiamo a SIDI BOU SAID , letteralmente SANTO PADRE FELICE , un pittoresco villaggio araboandaluso, caratterizzato da case bianche con porte e finestre azzurre, che è patrimonio dell’Unesco e conosciuta come città degli artisti. La salita che và dal parcheggio alla cittadina è molto ripida e fa un caldo infernale, verremo ripagati dalla bella vista e dai negozi di artigianato locale. Percorrendo la stradina principale , s’incontrano diversi negozietti di artigianato, (rimango colpita da un bellissimo piatto di ceramica con disegno berbero che mi porterà a casa come ricordo), e infine si arriva al porto, la vista che si ha da qui è veramente bella.

VILLAGGI BERBERI IN 4X4 Oggi 15/08 andremo alla scoperta delle tradizioni … una fantastica NISSAN PATROL ci viene a prendere davanti all'hotel , con autista di origine libica e guida parlante italiano( pensate che la ns guida ha solo 19 anni e studia all'università che tengo a precisare è gratuita per tutti i tunisini). Passiamo a prendere altre tre ragazze napoletane in un altro hotel , che saranno nostre compagne di viaggio e si parte per la ns avventura che comprenderà : visita al lago salato , the alla menta a TAKRUNA, degustazione di prodotti tipici in un villaggio berbero e infine un ultimo passaggio in una tenda di seminomadi. Lasciamo l'asfalto per lo sterrato e ben presto ci troviamo di fronte al lago salato, dove sembra veramente di vedere un miraggio ...dopo aver scattato alcune foto ci dirigiamo verso i villaggi berberi. Questi villaggi si trovano alla sommità delle colline, probabilmente per potersi difendere in caso di attacco, tutti quelli che cominciano con la lettera T sono di origine berbera. Ormai non li abita quasi più nessuno, sono rimaste poche famiglie, gustiamo un thè caldo alla menta , e proseguiamo per un altro villaggio dove entriamo in una casa e assaggiamo del pane fatto a mano in appositi forni artigianali, con del miele locale, buonissimo, ci sono diversi oggetti fatti con una pianta tipica della zona intrecciati a mano e per 5 dinari , mi porto a casa una borsetta

  • 6535 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social