Una settimana ad Hammamet

La mia dolce meta', io e le nostre rispettive socere.... Siamo partiti da Milano Malpensa l'11 settembre con un volo Tunisair. L'aereo era un po' datato infatti c'erano sedili riparati con il nastro adesivo. Dopo 2 ore circa atterriamo a ...

  • di Gianca & Memi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

La mia dolce meta', io e le nostre rispettive socere... Siamo partiti da Milano Malpensa l'11 settembre con un volo Tunisair. L'aereo era un po' datato infatti c'erano sedili riparati con il nastro adesivo.

Dopo 2 ore circa atterriamo a Monastir e prendiamo il pullman che ci portera' ad Hammamet Yasmine. Un altra ora di viaggio e finalmente arriviamo all' hotel Averroes della catena Iberostar.

L'hotel e' veramente bello, stanze spaziose e pulite, personale gentilissimo, una buona cucina internazionale e, cigliegina sulla torta, la pasta a richiesta: si scelgono gli ingredienti per il condimento che il cuoco vi preparera' al momento. La spiaggia non e' ai livelli delle spiaggie caraibiche, assomiglia piu' a quella di Rimini o Riccione. Comunque e' molto grande, non sovraffollata ed abbastanza pulita. La stessa cosa non si puo' dire per le spiaggie ubicate davanti agli alberghi a nord dell'Averroes fino al porticciolo di Hammamet Yasmine: erano sicuramente piu' piccole e sporche.

Per quanto riguarda il mare, sembra pulito sebbene durante la nostra settimana di permanenza, alcuni giorni di brutto tempo e mare agitato abbiano smosso la sabbia intorpidendo un po' l'acqua.

Sull'animazione non c'e' molto da dire... Organizzavano le solite partitelle ed i soliti spettacoli serali (dopo aver visto l'animazione del Viva Dominicus e' molto difficile giudicare positivamente qualsiasi altro gruppo di animatori). Capitolo escursioni: l'assistente Teorema proponeva diverse escursioni tra le quali il tour nel deserto di 2 o 3 giorni. Sicuramente interessante a giudicare dalle impressioni lette nei vari forum, pero' ci spiaceva utilizzare 3 giorni sui 7 del soggiorno per una simile sfacchinata considerando che lo scopo dichiarato della vacanza era di riposarci (sopratutto le suocere) . Abbiamo quindi optato per il classicissimo tour di una giornata " Tunisi Medina - Tunisi Museo del Bardo - Cartagine - Sidi Bou Said" per la modica cifra di 63 - 64 dinari a testa.

La medina di Tunisi e' affascinante, un dedalo di viuzze, gallerie e botteghe piene di suoni e odori difficili da descrivere. Il museo del Bardo e' molto interessante, pieno di mosaici ben conservati risalenti all'epoca di dominazione romana.

Della prima Cartagine rimane ben poco, quello che invece viene mostrato fa parte della citta' rifondata da Giulio Cesare sulle rovine della Cartagine punica. In particolare le rovine delle terme di Antonino.

Il paesino di Sidi Bou Said e' veramente pittoresco, sono tutte case dipinte di bianco con porte e finestre blu, abbarbiccate sulla scogliera.

Si potrebbero fare delle foto stupende se non ci fossero centinaia di altri turisti che cercano di fare altrettanto.

Tutto sommato e' stata una bella escursione sopratutto per le suocere che non avevano mai provato l'esperienza della medina e del mercanteggiare. Unico neo dell'escursione e' che si tratta di... Un escursione. Si arriva all'orario in cui arrivano tutti gli altri turisti e si visitano i posti ed i negozi e nella stessa sequenza delle altre comitive organizzate. Piccola consolazione: la nostra pullmanata non seguiva bandierine colorate e non avevamo l'etichetta sulla maglietta per riconoscerci. Non lo avremmo sopportato.

Un'altra escursione proposta per 16 dinari, dalla simpatica ragazza della Teorema era il mercato di Nabeul. Cittadina a circa 18 km da Hammamet famosa appunto per il mercato del venerdi' e per la produzione di ceramiche. Noi invece alle 8 del mattino di venerdi' abbiamo preso il primo taxi che si trovava a passare davanti all'albergo. Per 15 dinari ci ha portato tutti e 4 davanti all'ingresso del mercato di Nabeul. Dalle 8.30 alle 10.00 abbiamo girato per le bancarelle, circondati quasi esclusivamente dalla gente del posto e da pochissimi altri occidentali. Le suocere hanno fatto incetta di souvenir spuntando dei buoni prezzi

  • 8987 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social