Il paese delle streghe

Ecco cosa succede quando si hanno due giorni liberi e si avvicina Halloween... dove andare se non nel paese delle streghe?

  • di Alexis'travel
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Lunedì mattina mi sveglio con un unico pensiero: mercoledì e giovedì non lavoro e la mia testa è talmente piena che più studio e meno apprendo. E cosa si fa in queste occasioni? Si parte! Cartina alla mano faccio una selezione dei posti più vicini in cui vorrei andare valutando per ogni destinazione tempi e costi. Ed è così che la sera mi ritrovo a prenotare per Annecy. No... Non ho sbagliato a scrivere, ma proprio mentre stavo per confermare la prenotazione mi arriva un messaggio sul cellulare: "E se andassimo a Triora?" Mi blocco. Siamo a fine ottobre, Halloween è questo weekend e Triora è il paese delle streghe. Perfetto! Passo il martedì a valutare le offerte degli hotel nei dintorni di Triora, ma alla fine opto per un hotel nel centro di Sanremo (18-20 km da Triora) per poter fare la seconda giornata al mare (che non vedo da 3 anni). Costo? Solo 40 euro in due nel centro di Sanremo! Partiamo alle 5 di mercoledì mattina e dopo 20 euro di casello e una coda infinita all'uscita dell'autostrada finalmente alle 9.45 siamo arrivati e ha inizio la nostra giornata!

Triora è un comune ligure di soli 350 abitanti. E' considerato uno dei più bei borghi medievali d'Italia e in effetti è veramente caratteristico! In questo borgo, tra il 1587 e il 1589, alcune donne vennero accusate di stregoneria e di cannibalismo nei confronti dei bambini. Molte vennero uccise e altre si suicidarono. Fu il luogo principale della caccia alle streghe che venivano poi spedite al carcere genovese.

Passiamo la mattinata a curiosare e passeggiare per le piccole vie deserte e ad accompagnarci una nebbiolina che crea un'atmosfera tetra perfetta per questo luogo, ancor più con Halloween alle porte! Visitiamo la Cabotina, dove la leggenda racconta che si svolgessero i convegni notturni delle streghe. Si narra che in questi luoghi le streghe portassero i bambini in fasce e se li lanciassero da un albero all'altro per poi mangiarseli.

Per pranzo decidiamo di spostarci a Verdeggia dove, grazie ai consigli di una di voi, decidiamo di provare i funghi: le bruschette con i funghi più buoni che io abbia mai mangiato! Per non parlare delle tagliatelle al pesto! Tutto rigorosamente fatto in casa! Il ristorante è piccolino, ma molto carino! Il proprietario gentilissimo! Il nome è "Ritrovo degli amici". Nel pomeriggio ritorniamo a Triora e visitiamo il Museo Etnografico e della Stregoneria che al mattino era chiuso. Quest'ultimo è strutturato su tre piani, dove al primo troviamo alcune sale dedicate al territorio e alla storia locale, al secondo la Sezione Etnografica in cui viene descritta la vita nei campi e la cucina e infine al terzo, situato nei sotterranei, troviamo tutta la parte dedicata alla stregoneria: i documenti dei processi, la ricostruzione della prigionia e un giardinetto con le miniature del borgo e un simpatico parcheggio per le scope delle streghe.

Usciti dal museo intorno alle 16.30, decidiamo di andare verso Sanremo per fare il check-in all'hotel, ma prima una tappa in panetteria per assaggiare il buonissimo PANE DI TRIORA! Un pane fatto con farina di grano saraceno e crusca, cotto nel forno sopra ad una foglia di castagno. Per chi volesse visitare il borgo e fermarsi per la notte sono presenti tre B&B: "La Tana delle Volpi", "La Grande Foresta" e "La Stregatta". Noi ci avviamo verso Sanremo dove abbiamo prenotato al "Lolli Palace Hotel" un comodissimo e bellissimo hotel nel centro prenotato alle 4 del mattino e pagato solo 40 euro grazie al nostro sito di fiducia, Booking

  • 3692 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social