Trieste e dintorni

Weekend alla scoperta delle bellezze che offrono la città e l’Altopiano Carsico

  • di Lau_J
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Visto che non abbiamo mai visitato Trieste, decidiamo di approfittare del ponte del 25 aprile per fare un giro da quelle parti.

GIORNO 1: partenza alle 6.30 da Monza, non troviamo traffico, così dopo solo una pausa per la colazione alle 10.30 siamo a Trieste. Il nostro hotel, Hotel Roma, è vicinissimo alla stazione, in un punto strategico per raggiungere il centro città comodamente a piedi. Ci avviamo subito verso il centro città a piedi. Vediamo Canal Grande, Piazza Unità d’Italia e facciamo tutta una lunga passeggiata fino al Museo Ferroviario. Ormai si è fatta ora di pranzo e mangiamo in una trattoria (l’Istriano) lì nei paraggi. Dopo un ottimo pranzo a base di pesce, saliamo a piedi sul colle di San Giusto per visitare la Basilica e il Castello, dove rapiti dal bellissimo panorama scattiamo un sacco di foto. Proseguiamo il nostro cammino e torniamo verso Canal Grande per un aperitivo. Torniamo in hotel a riposarci e per cena andiamo da Rudy, vicino all’hotel e ottimo ristorante.

GIORNO 2: oggi esploriamo i dintorni, quindi prendiamo l’auto e andiamo a Muggia, bellissimo paesino di mare. Ci incamminiamo sul lungomare e facendo tutta la lunga passeggiata arriviamo fino a San Rocco, dove c’è una maratona o qualcosa del genere. Torniamo e finiamo il giretto in centro, poi siamo tentati di restare lì per pranzo, ma dobbiamo assolutamente provare a mangiare in un’osmizza, dato che abbiamo letto ovunque che è un’esperienza da fare. Così via verso l’altopiano carsico alla ricerca della frasche. Eh sì, perché per trovare un’osmizza, bisogna cercare delle frasche appese ai cartelli stradali o ai pali e seguire le indicazioni. Ne troviamo facilmente una, con una terrazza panoramica sul golfo meravigliosa e decidiamo di fermarci. Mangiamo affettati, uova e formaggi e beviamo del buon vino. È una bellissima giornata, quindi nonostante il venticello, si riesce tranquillamente a mangiare all’aperto senza avere freddo. Seguiamo le indicazioni per la Foiba di Basovizza e la visitiamo. Inutile cercare di spiegare l’atrocità di questo posto, di cui non rimane nulla e lo stesso vale per la nostra meta successiva: la Risiera di San Sabba. Ultima meta del pomeriggio è il Castello di Miramare, che raggiungiamo dopo aver fatto almeno 3 km di lungomare. Il parco del castello è veramente bellissimo, poi era tutto fiorito, davvero suggestivo. Il nostro giro finisce qui, per il giorno dopo abbiamo un’altra meta, Padova.

Bellissimo weekend, sicuramente Trieste merita una visita. È una città molto particolare e in ogni angolo si capisce come è ed è stata per anni un crocevia di culture.

Scopri queste e altre storie su Go Live FVG! »
  • 6056 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social