Pistoia, Prato e Ville dei Medici

Breve tour di un angolo insolito di Toscana: Pistoia, Prato, Villa Ambra a Poggio di Caiano e Villa La Petraia a Sesto Fiorentino

  • di steber
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 5
    Spesa: Fino a 500 euro
 

DOMENICA 30 OTTOBRE 2016 - PISTOIA

Per il ponte del primo novembre decidiamo di visitare una zona della Toscana meno conosciuta e forse più autentica, Pistoia, Prato e due Ville dei Medici. Queste attrazioni devono competere con “macchine” turistiche come Firenze, Siena e Pisa e generalmente i turisti tendono a non visitarle, ma i veri avventurieri non finiscono mai di cercare preziosi tesori nascosti agli itinerari di massa, avendo spesso ragione. Intraprendo questa vacanza insieme al gruppo di Avventure di un Giorno. Per partecipare alle iniziative di questo gruppo di amici e nuovi amici basta iscriversi alla pagina facebook del gruppo e presentarsi nel luogo stabilito per il meeting. Non sono previsti costi di partecipazione. Oggi il punto d’incontro è nella piazza principale di Pistoia davanti alla Cattedrale. Arriviamo in auto a Pistoia in tarda mattinata e prendiamo possesso dell’appartamento della gentilissima Sara “a due passi dal centro” prenotato con AirB&B. Locale pulito, vicino al centro, ottimo rapporto qualità/prezzo. In pochi minuti raggiungiamo, a piedi, la piazza principale, visitando rapidamente la chiesa di S. Paolo e di S. Giovanni Fuorcivitas, dove iniziamo ad apprezzare il romanico Pistoiese. Una brevissima visita alla Cassa di Risparmio adiacente, egregio esempio di Liberty e con il naso all’insù seguiamo la torre della Cattedrale, che ci dà il benvenuto nel medioevo.

Piazza Duomo è il centro nevralgico della città, considerata dalle guide, a ragion veduta, una delle piazze più belle d’Italia. La peculiarità del luogo è di racchiudere al suo interno i tre i poteri dello Stato: il potere religioso (Cattedrale), il potere legislativo (Tribunale), e il potere temporale (Comune). Tutti gli edifici svolgono ancora la loro funzione originale e sono visitabili gratuitamente all’interno, nelle zone consentite. Entriamo nel palazzo del Comune, dove possiamo ammirare la graziosa sala del Consiglio comunale.

La piazza è incantevole, restiamo seduti a contemplare gli edifici, scandendone i particolari con occhi famelici. Se i passanti non fossero abbigliati con vestiti moderni parrebbe di essere stati catapultanti in pieno medioevo, un salto indietro nel tempo di 600 anni! In questo luogo che trasuda storia da ogni pietra si resta incantati dalla perfezione architettonica degli edifici presenti.

In attesa dell’apertura delle attrazioni, sosta pranzo al bar Vecchia Praga, in piazza della Sala. La giornata è primaverile, quindi decidiamo di sederci all’esterno, accarezzati da luminosi raggi solari. Il servizio e lento e i panini sono solo accettabili, non lo consiglio.

Alle 15.00 in punto (orario d’apertura pomeridiano), entriamo nel Battistero, dove è presente una meravigliosa fonte battesimale. L’incantevole Battistero romanico in marmo bianco e serpentino verde, una perfetta “parure” con la Cattedrale, svolge la funzione di biglietteria per la salita alla torre della Cattedrale (costo singolo 7 euro). Formiamo con altri turisti un gruppo da 8 e otteniamo la riduzione a 4.50 euro a persona.

Mentre aspettiamo l’orario della visita guidata sulla sommità del campanile, visitiamo l’imponente cattedrale. L’interno racchiude un prezioso tesoro: l’ altare argenteo di San Jacopo, fatto costruire per custodire una reliquia di San Giacomo, Patrono di Pistoia. Pistoia era una delle mete di sosta dei pellegrini che intraprendevano il Cammino di Santiago di Compostela e si fermavano in città per ammirare la reliquia del Santo

  • 5223 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social