Andorra e Midi-Pirenei

Un viaggio per riscoprire la fede a Lourdes e per visitare Andorra, la capitale più alta d'Europa, in mezzo ai Pirenei

  • di Pasqualino Serafino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Cari tpc, sono qui a raccontarvi come io e mia moglie abbiamo deciso di approfittare del ponte d'Ognissanti per un viaggio tra i Pirenei ancora senza neve facendo base a Tolosa

1 novembre

Partiamo con volo Ryanair Napoli Tolosa (70 euro a/r a persona) nel pomeriggio e alle 19 atterriamo all'aeroporto Blagnac. Pernottiamo all'Ibis budget hotel (53 euro a notte più tassa di soggiorno che in Francia si paga) a 15 minuti di camminata a piedi dall'aeroporto. Vi consiglio di mangiare al "Grille Courtpaille", ristorante a 4 minuti a piedi dall'hotel di proprietà Ibis che vi applicherà lo sconto del 10%.

2 novembre

Ci svegliamo di buon mattino per ritirare all'aeroporto l'auto noleggiata da casa con Hertz (170 euro per 3 giorni compresa di polizza supercover). Ci chiedono di scegliere tra la panda e la citroen c1 e noi da buoni italiani optiamo per l'auto di casa Fiat con cui ci troveremo davvero bene. Partiamo verso Lourdes, meta di pellegrinaggio di milioni di cattolici e posto che io non avevo mai visto. Due ore di comoda autostrada portano all'Hotel Croix de Nordistes (60 euro a notte comprensiva di cena a menu' fisso locale). Prima di incamminarci verso la Basilica, saliamo sul castello cittadino dove ha sede il museo dei Pirenei(7 euro a persona). Oltre a capire come si vive sui Pirenei e come si viveva all'epoca di Bernadette Soubirous cui la Madonna apparve l'11 febbraio del 1858, si ammira un panorama splendido sulla città e sul Santuario. Proseguiamo poi verso il cuore della città, che si apre dinanzi a noi maestoso e affascinante: il Santuario, composto da due Chiese sovrapposte l'una all'altra entrambe bellissime. Il pellegrinaggio ha come metà la grotta delle apparizioni, da dove Bernadette fece sgorgare l'acqua cui si affidano tanti fedeli e tanti malati. Le piscine sono chiuse per l'inverno sostituite da un gesto dell'acqua toccante di qualche minuto. Partecipiamo al rosario e alla processione serale.

3 novembre

Dopo aver partecipato alla messa mattutina, alle 11 ci mettiamo in marcia per Andorra. Il navigatore dice che ci vorranno 272 km da coprire in più di 4 ore! Capiremo presto il perchè: Andorra la Vella è la capitale più alta d'Europa, ma anche la più irraggiungibile. Si trova in mezzo ai Pirenei a quota 1000 metri, ma per arrivarci bisogna arrivare a Pas de la Casa a quota 1800 metri passando per il tunnel d'Envalira (costo 6 euro a tratta) che evita di superare il passo che supera i 2400 metri che d'inverno è innevato. Superato il tunnel dove c'è la dogana vuota siete già ad Andorra e potete godere dei privilegi che hanno abitanti del principato e visitatori (soprattutto francesi e spagnoli). Come prima cosa facciamo il pieno di carburante (la benzina verde costa 40 centesimi in meno che in Italia) e ci fermiamo all'ingresso del paese Pas de la Casa che è un grande centro commerciale a cielo aperto e a 1800 metri preso d'assalto a ogni ora per acquistare soprattutto alcool e sigarette, ma anche elettronica senza pagare l'iva. Dal passo alla capitale la strada è una lunga discesa ripidissima ma con strade perfette. Pernotteremo all'Hotel Cervol in centro(soli 28 euro a notte per una stanza enorme), da cui è facile a piedi raggiungere il centro dove sorge il vecchio comune di Andorra la "casa de Vall" carina dalla cui piazza si gode una vista spettacolare sui Pirenei e sulla città. Ceniamo al Mc Donald's sulla via commerciale piena di negozi e di turisti nonostante il freddo. Vale la pena per un tpc arrivare a visitare la capitale, piuttosto che accontentarsi di superare il confine per fare un conveniente shopping.

4 novembre

È sabato e dobbiamo tornare in Francia, a Tolosa. La giornata è piovosa e la dogana francese controlla a campione le auto di ritorno dal Principato. Ma soprattutto la strada per avere ad Andorra che il giorno prima abbiamo percorso quasi in solitudine è trafficatissima: km di code in salita e di frizioni bruciate che mi spingono ad invitare a non andare ad Andorra nel weekend! La giornata è davvero brutta ma il cielo si apre mentre ci avviciniamo a Tolosa; c'è un'ultima tappa che merita da sola il viaggio: Carcassonne, la città fortificata. Parcheggiamo fuori le mura gratuitamente e ci incamminiamo lungo le mura(ricostruite varie volte) del castello dove è stato girato il film "Robin Hood il principe dei ladri". La fortificazione è spettacolare e unica nel suo genere con torri e bastioni che sembrano davvero far rivivere il Medioevo. All'interno non ci sono cavalieri e dame ma negozi di souvenir e di crepes, che tanto piacciono ai bambini. Un posto meraviglioso per fare foto. Dopo un'altra ora di macchina raggiungiamo Tolosa, lasciamo l'auto all'aeroporto e con i mezzi pubblici raggiungiamo il nostro albergo in centro: Hotel Ours Blanc(49 euro a notte). Dall'aeroporto al centro avete due alternative: la navetta che vi porta per 15 euro a/r a Jean Jaures, o come fanno i tpc come noi il tram T2 per Palais de Justice e da qui la metro per Jean Jaures al costo di 6,80 euro a persona a/r

  • 410 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social