In Thailandia tra isole, templi e città

Tanti consigli per trovare la spiaggia giusta e le dritte per muoversi in città e visitare i templi del nord

  • di Saretta080
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

THAILANDIA: le isole del golfo e i templi del nord - agosto 2017

La nostra quarta volta in Thailandia non ci ha delusi, nonostante il turismo di massa sempre più incalzante abbiamo ritrovato in molti luoghi la stessa atmosfera che ci aveva conquistati anni fa.

Abbiamo voluto associare alla parte di mare un tour del nord, oltre ad un immancabile passaggio a Bangkok, in modo da rendere il viaggio più completo.

In 3 settimane il nostro itinerario ha toccato le seguenti tappe:

Isole del golfo - Koh Phangan, Koh Tao, Koh Nang Yuan, Koh Samui

Tour del nord - Chiang Mai, Sukhothai

Bangkok

KOH PHANGAN: 1 agosto - 4 agosto

Abbiamo raggiunto Koh Phangan con un volo Bangkok Airways da Bangkok a Koh Samui, dove abbiamo preso il traghetto che fa la spola da un'isola all'altra quasi ogni ora; sbarcati al porto di Thong Sala ci hanno caricati su un fuoristrada destinazione Thong Nai Pan Yai, la spiaggia che abbiamo scelto per il nostro soggiorno.

Muoversi in Thailandia è logisticamente semplice, in quanto ogni spostamento può essere stabilito e pagato in loco, senza bisogno di effettuare alcuna prenotazione.

Al contrario, per quanto riguarda le sistemazioni, è necessario prenotare con largo anticipo (soprattutto nel mese di agosto): noi abbiamo affittato una tipica casa thai immersa nella lussureggiante vegetazione, la Longtail Sea View House, all'interno del Longtail Beach Resort.

Per spostarsi sull'isola è fondamentale affittare uno scooter, a meno che non si voglia rimanere confinati nella propria spiaggia.

Le spiagge

Koh Phangan è conosciuta anche per essere la location dell'Half e Full Moon Party, che si svolgono ogni 15 giorni e portano sull'isola orde di giovani scatenati. A meno che non si sia alla ricerca di questo genere di turismo, sconsiglio di soggiornare ad Haad Rin Beach, ma di scegliere spiagge più tranquille: Thong Nai Pan è una di queste.

Thong Nai Pan è una distesa di sabbia bianca e fine come il borotalco, affacciata su una laguna verde e costeggiata da palme e piante sotto alle quali trovare riparo dal sole cocente, un perfetto scenario esotico. La spiaggia è suddivisa in due, Thong Nai Pai Yai - dove si trova la nostra casa - è maggiormente frequentata da backpackers e offre sistemazioni più low budget; Thong Nai Pai Noi al contrario è più fighetta, con resort decisamente di alto livello.

Haad Than Sadet e Haad Khuat (Bottle Beach) sono due spiagge più intime e isolate, con sistemazioni piuttosto spartane ma affacciate su una laguna di un brillante verde smeraldo. Le colorate longtail boats ancorate a riva contribuiscono a creare un panorama da cartolina.

Ciò che rende Bottle Beach ancora più appetibile - per gli amanti dell'off road - è l'avventuroso sterrato da percorrere in scooter per raggiungerla, caratterizzato da crepacci e discese da brivido nel mezzo della giungla.

Ao Chaloklum (Coral Bay) è un piccolo angolo di paradiso. Rispetto alle altre insenature dall'acqua un po' torbida, a Coral Bay la laguna è assolutamente cristallina e i colori di un azzurro intenso. L'assenza di strutture affacciate sulla spiaggia rendono questa baia ancora più attraente.

Molte guide turistiche consigliano di recarsi a fare snorkeling a Koh Ma; nonostante il discreto snorkeling, la spiaggia è da bocciare. L'affollamento è impressionante e l'enorme resort alle spalle annulla purtroppo la tipica atmosfera thailandese rendendo questo luogo decisamente anonimo

  • 4002 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social