Alla scoperta dell'Oriente in salsa Thai

Breve e tranquilla vacanza alla ricerca dell'oriente

  • di brabam
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Venerdì 13.11.14: MILANO – BANGKOK

Lascio l'auto in un parcheggio poco distante dal terminal. Faccio cena in aeroporto ma non è un granché, per 16 euro, ed ho pure avuto mal di pancia in aereo.

Per volare a Bangkok ho prenotato con Oman Air, compagnia del Sultanato dell'Oman, che ha aerei recenti e soprattutto sedili comodi. Servizio efficiente e discreto. Ho ricevuto una bibita rinfrescante ed un pasto fino a Muscat, dove ho fatto scalo per cambiare aereo. Nella seconda tratta ho ricevuto lo stesso servizio, stessa cordialità e cortesia. Faccio amicizia con Veronika, simpatica e carina hostess slovacca, che mi dà qualche suggerimento su cosa fare e vedere in Thailandia.

Arrivo a Bangkok che sono le 17.30 ora lcale (sono partito alle 22.50, bisogna contare +6 ore di fuso orario) e sono stravolto.

In aeroporto al 1° piano c'è il treno che porta fino alla congiunzione con lo Sky Train (treno sopraelevato che taglia in due la città). Con lo Sky Train (BTS) arrivo a Nana e proseguo a piedi in cerca del mio Hotel (Alt Nana – Sumkuvit Soi 4). Non lo trovo subito, è molto in fondo alla via, un po' defilato e all'interno, fatico non poco ma alla fine vengo accolto da una struttura nuova e moderna, con una camera che sembra una suite (la meno che costava) e che ha una superficie di circa 50 m2 con pavimento in teak ed una doccia che può contenere un bagno intero, tanto è grande. Tv sat, wi-fi, angolo cottura fanno da corollario.

Per un totale di 110 euro per 3 notti (4500 Bath) compresa colazione a buffet. Includono pure la navetta per spostarsi in Soi 4.

Non esiste riscaldamento perché Bangkok ha un clima subtropicale, ma esistono molti condizionatori che fanno impazzire chi, come me, non sopporta l'aria condizionata (in camera mi guardo bene dall'accenderla, tant'è che il letto è dotato di piumone... che stupidata). Faccio una doccia e mi faccio portare ad un ristorante consigliatomi, che si trova in Soi 4. Piatto con pesce, birra Thai, dessert di mango e riso dolce, 370 Bath.

Gironzolo per la via, dove ci sono tanti ladyboy, transessuali che sembrano donne, e locali di perdizione, dove il rumore e le attrazioni richiamano stormi di disperati del sesso. Il cambio della valuta è più conveniente in città, perché in aeroporto, come sempre, è più caro. Sono le 20.50, sono stanco morto, tra jet-lag e sonno perso sto morendo dal sonno.

Mi reco all'hotel, passando tra i vari centri massaggi sparsi nella via e i banchetti di venditori ambulanti di cibo, spesso maleodorante, guardo le mail, e le notizie su internet alla reception, e vado in camera.

Mi sveglio alle 02.00. Niente da fare, i bioritmi sono stravolti. Scendo in strada e compro in un negozio aperto 24h una scheda sim per telefonare a casa. Pago 50 Bath + 200 Bath di ricarica. Conviene farlo perché con la mia scheda italiana pagherei 6 euro al giorno ogniqualvolta dovessi chiamare, con un max di mezz'ora, oltre il quale viene tariffato a 2 euro al minuto.

Domenica 16.11.14: VISITA DI BANGKOK

Alle 08.00 scendo a far colazione. Tutto ottimo, un bel buffet sia continentale che all'americana. Esco alle 10.00 dopo aver prenotato online il volo da e per Phuket, con e-dreams. Esco, è caldo umido, si sta bene in maglietta e pantaloncini, con i sandali, che fanno respirare i piedi.

La gente in giro parlicchia inglese, ma spesso con un vocabolario limitato ed una pronuncia incomprensibile. Alla fine, con molta fatica si ottiene ciò che si vuole. I negozi 7-eleven sono ovunque e ci si trova di tutto

  • 9000 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social