Tenerife, turistica ma interessante

Dopo Lanzarote e Fuerteventura, eccoci tra i vulcani (Teide), le montagne (Anaga), i paesaggi mozzafiato (Masca) e qualche spiaggia di un’altra isola delle Canarie

  • di Poziomka
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

VOLO

Certi voli vanno presi… al volo. E così mi sono trovata a fine maggio con due biglietti A/R da Pisa per Tenerife a novembre. Meno di 200 euro in 2! Vista la situazione in Egitto e non solo, le Canarie hanno registrato boom di prenotazioni con il conseguente aumento dei prezzi dei voli. Allora, prenderli a così poco è stato un affare. Il volo è durato 4 ore e mezza, così come scritto. E io speravo che come sempre aggiungessero i minuti fasulli in più per poter dire -signore e signori, un altro volo di Ryanair che atterra in orario. Niente da fare. In più... la partenza ritardata di 40 minuti. Al ritorno 4 ore di volo che sembravano un’eternità per via di digestione lunga e odorosa di qualche passeggero maleducato. Anche qui mezz’ora di ritardo.

AUTO

Ho prenotato con Cicar e ci siamo trovati benissimo. 80 euro per una settimana tutto incluso, senza bisogno di garanzie della carta di credito. L’ufficio si trova all’aeroporto, il ritiro di auto davanti (bisogna attraversare il parcheggio di bus ed eccoci arrivati). L’assicurazione totale è stata utile perché per la prima volta in diversi anni di viaggi ci siamo trovati con la macchina graffiata. Probabilmente qualcuno al parcheggio o dall’altra parte. La benzina costa 1,04-1,06 e vedere al distributore che con 20 euro hai più di 19 litri di benzina, riempie il cuore e... il portafoglio;-)

Le strade sono tenute bene, l’autostrada gratis collega ¾ dell’isola e ci sono lavori in corso per finirla. I parcheggi nei centri grandi sono difficili da trovare. Tante volte abbiamo girato a vuoto e alla fine abbiamo parcheggiato lontano oppure al parcheggio sotterraneo a pagamento. I segnali a volte scarseggiano, a volte sono contraddittori... segnano la svolta a destra e lì c’è divieto oppure senso unico. Noioso e inutile. A volte i segnali per le spiagge “meno” note sparivano.

PERNOTTAMENTO

Ho prenotato con www.airbnb.com 4 notti a Puerto de la Cruz e 3 a San Isidro al sud. L’idea è stata vincente perché le distanze sono notevoli alla fine. Ci siamo trovati bene.

POSTI VISITATI

Abbiamo girato tutta isola e, a differenza di Lanzarote e Fuerteventura già visitate, Tenerife è molto turistica. Non abbiamo visto nessuno dei parchi divertimento perché non ci interessava.

Puerto è una città piacevole con tanti localini, ma prevalentemente per le persone più anziane.

Icod de los Vinos – grazioso. Il famoso drago si vede perfettamente dalla terrazza/ piazza davanti alla chiesa. Diversi negozi vendono la malvasia, un vino locale.

Garachico - carine le piscine naturali. Tanti bananeti per strada.

La Laguna - sinceramente non ci ha entusiasmati, ma una passeggiata è comunque da fare.

Orotava - molto carina e ben tenuta. La Casa de los Balcones, le vie, scorci.

Masca - non abbiamo fatto il sentiero ma già arrivarci con l’auto è uno spettacolo. Bello a dir poco. Va fatto!

Taganana - anche qui il paesaggio è bellissimo. Trovarsi in un paesino bianco in cima dell’isola, non ha prezzo. Diversi ristorantini e pullman dei turisti.

Punta del Hidalgo - una piccola tranquilla città al nord, spiaggia spaziosa. Belle le onde.

Santa Cruz - solo di passaggio. Traffico, caos.

Los Gigantes - particolari, il paese pieno zeppo di costruzioni varie e di persone; c'è la possibilità di fare diverse gite con le barche.

Anaga – un altro mondo fatto di paesaggi belli e di boschi di alloro.

Sud - è un susseguirsi di alberghi, ristoranti, bar, spiagge ecc

  • 17430 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social