Zanzibar: tutto quello che desiderate sapere

Jambo! Salve a tutti! Siamo da poco rientrati dal ns bellissimo viaggio a Zanzibar (che noi per affetto chiameremo “Zanzi”) e desideriamo darvi speriamo preziosi suggerimenti se desiderate passare una vacanza da quelle parti…., come tutti i viaggi, specialmente in ...

  • di Fabio Terreni
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Jambo! Salve a tutti! Siamo da poco rientrati dal ns bellissimo viaggio a Zanzibar (che noi per affetto chiameremo “Zanzi”) e desideriamo darvi speriamo preziosi suggerimenti se desiderate passare una vacanza da quelle parti..., come tutti i viaggi, specialmente in Africa, vi sono cose bellissime e cose molto meno belle, basta conoscerle e tutto diventa piu’ semplice! Gli argomenti trattati sono raggruppati per tipologia...

Per vs informazione noi siamo partiti in tre: il sottoscritto (Fabio) mia moglie Katia e ns figlio di 7 anni Alexej il 6 dicembre (sera) e siamo rientrati il 14.

Prima del viaggio...

La Tanzania ( e quindi anche Zanzibar) è una zona dell’Africa dove è presente in modo endemico la malaria, la febbre gialla e tante altre “brutte” malattie che trovate elencate in un qualunque libro turistico (The Lonely Planet ed. 2005 sulla Tanzania ad es.). Ovviamente non bisogna pensarci troppo altrimenti non si parte piu’. Se comunque siete suscettibili di natura e vi preoccupate normalmente...Cambiate meta, ve ne sono molte altre con minori “problemi” che purtroppo o per fortuna sono tipici delle regioni africane.

Febbre gialla: non è richiesta si proviene direttamente dall’Italia ma se volate via “continente nero”, dalla capitale o desiderate fare un safari in Tanzania, è obbligatoria! Il vaccino (come tutti i vaccini) viene fatto al reparto della propria ASL di competenza ed è a pagamento). Ricordarsi che occorre farla qualche mese (almeno 2) prima del viaggio perché necessita di un richiamo per essere efficace al 100%.

Malaria: Zanzibar, nonostante tutti i Tour operator tranquillizzino, ha continuamente casi di malaria, soprattutto bambini che non hanno i soldi per curarsi. E tutti i giorni9 dell’anno muoiono persone a causa della malaria. La malaria è trasmessa da una zanzara femmina e il tipo di malaria presente i qs regione è della peggiore specie. E’ curabile, ma il parassita che la causa potrebbe restare presente nel ns sangue per tutta la ns vita. Non vi è una cura al 100% per la malaria e in qualche raro caso e se presa tardi potrebbe essere mortale. Questo non lo dicono, ma è la pura verità.

La profilassi antimalarica non copre mai al 100% ma solo al 98%. Il che lascia qualche piccola possibilità di contrarre la malattia anche durante la profilassi, ovviamente se morsi da una zanzara infetta. Questo è poco probabile durante le stagioni secche da luglio a Novembre, mentre il rischio aumenta leggermente man mano il cima diventa piu’ umido. Da evitare assolutamente è il periodo della stagione delle grandi pioggie , da marzo a maggio, a meno che siete amanti del rischio... Durante il ns soggiorno al villaggio non vi erano zanzare ( o comunque erano molto poche...), soprattutto sulla costa era molto ventoso e probabilmente questo le allontanava, ma all’interno dal crepuscolo all’alba...Non è escluso.

La migliore difesa è munirsi di repellenti per zanzare (quelli forti per i tropici oppure prendere una cura omeopatica che genera un odore sulla ns pelle che risulta essere sgradita alle zanzare...).

Fare la profilassi o no? Molte persone al villaggio non l’hanno fatta, noi abbiamo preso il Malarone.

E’ l’ultimo ritrovato per la cura e profilassi ed è molto ben tollerato e non ha effetti collaterali rispetto al Lariam, che pare avere effetti devastanti su alcuni soggetti. L’unica differenza è il prezzo: il Lariam è mutuabile e si paga il solo costo della ricetta, il Malarone no e costa in Italia oltre 53€ a conf. Da 12 pastiglie. Un soggiorno di 7gg prevede il consumo di 15 pastiglie ( dal giorno prima di partire sino a 7gg dopo il rientro).Chi abita vicino alla Svizzera, puo’ acquistarlo nelle farmacie elvetiche a poco piu’ di 40€ a confezione con un risparmio del 25% circa

  • 101355 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social