Zanzibar, una vacanza da non dimenticare

Io (Monica) e Paolo (mio marito) siamo tornati ormai già da una settimana da un’isola incantevole ossia Zanzibar...cosa dire partire da Milano con il piumino e 0° e arrivare a Zanzibar con 35° è una sensazione indescrivibile! Ma andiamo con ...

  • di lisk
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Io (Monica) e Paolo (mio marito) siamo tornati ormai già da una settimana da un’isola incantevole ossia Zanzibar...Cosa dire partire da Milano con il piumino e 0° e arrivare a Zanzibar con 35° è una sensazione indescrivibile! Ma andiamo con ordine...

Alcune informazioni utili per chi decide di farsi una vacanzina in questa meravigliosa isola: • non abbiamo fatto la profilassi antimalarica, l’unica nostra accortezza è stata quella di spruzzarci un abbondante dose di autan (o similari) la sera; • abbiamo portato i dollari anche perchè in molti casi 1 Euro è equiparato ad un dollaro; • munirsi di dollari di piccola taglia che vi serviranno per dare le mance (conservatene qualche pezzo per quando partirete vi serviranno in aeroporto); • vengono accettati solo dollari con la testa grande; • portatevi imodium (o similari), antibiotici intestinali e un antipiretico..Molti hanno avuto problemi di dissenteria alcuni anche con febbre molto alta; • se avete magliette, pantaloni, insomma capi di abbigliamento che non usate più portateveli potrete regalarli o barattarli con i loro prodotti di artigianato; • evitate di dare i soldi ai bambini ma regalategli caramelle, penne, quaderni; • prendete la cassetta di sicurezza e portatevi sempre con voi la chiave (ad un ragazzo hanno rubato dei soldi dalla cassetta perchè aveva lasciato la chiave in stanza, ed ovviamente in tali casi il villaggio non ne risponde) • viaggiate con un bagaglio leggero li vi serviranno solo costumi e qualche abitino per la sera; • informatevi al momento della prenotazione se la quota include anche i 50 dollari a testa per l’entrata e i 30 dollari a testa per l’uscita da Zanzibar (se così non fosse pagate in dollari altrimenti vi chiederanno 50 €) • solari a protezione molto alta (il sole qui picchia fortissimo) e un buon doposole.

Siamo partiti martedì 8 da Milano Malpensa l’orario previsto era per le 23.00 ma è stato poi posticipato (previa comunicazione, fortunatamente) alle 3.00 con la Neos.

Dopo 8 ore di volo finalmente alle 13.00 (ora locale – sono 2 ore avanti rispetto all’Italia) siamo arrivati a Zanzibar...Scesi dall’aereo siamo stati accolti da un bel sole caldissimo e da 30 e passa gradi...Per fortuna prima di scendere mi sono liberata dalle scarpe e ho messo le infradito, ma il jeans era una corazza.

Ero già pronta a cosa ci avrebbe atteso al momento della consegna dei bagagli, visto che prima di partire mi piace documentarmi leggendo un pò di racconti di viaggio pubblicati su questo sito, ma dal vivo devo dire che è davvero folcloristico...Io mi sono defilata e ho aspettato che Paolo provvedesse al recupero delle nostre valigie e nel frattempo ho avuto modo di vedere come le forze dell’ordine locale si avvicinano ai turisti chiedendo 5 dollari a valigia per evitare il controllo (ossia l’apertura della valigia)..Alcuni si accontentano anche di meno ma altri rifiutano offerte minori!! L’attesa è stata lunga e il caldo davvero insopportabile (non c’è l’aria condizionata) e chi riusciva a recuperare il bagaglio ne usciva stremato e sudatissimo..

All’uscita ci aspettava un’animatrice della Franco Rosso che ci ha indicato dove portare i bagagli (viaggiano su un camion aperto che arriva al villaggio dopo il pullman) e dove si trovavano i bus che ci avrebbero portato al villaggio (ovviamente anche qui l’aria condizionata non funzionava).

Dopo circa 45 minuti di viaggio eccoci finalmente arrivati al Kiwengua Sea Club..Il villaggio si sviluppa in verticale ossia la reception, il teatro, il ristorante Hakuna Matata (cucina tipica zanzibarina – che però non abbiamo mai sperimentato) e il ristorante principale si trovano in alto, scendendo si trovano le palazzine ad un piano immerse in una ricca e folta vegetazione alla fine della scalinata si trova la piscina (qui c’è anche un bar e un punto snack che funziona dalle 10.00 alle 18.00) e poi finalmente si arriva in spiaggia

  • 6018 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social