Viaggio in terra zanziberina

Ciao a tutti tpc! Eccoci ancora qua, siamo sempre Alessandra e Beppe….siamo tornati per raccontarvi del nostro ultimo viaggio, questa volta non viaggio europeo ma bensì africano, o meglio Zanziberino!!! DOMENICA 21 GENNAIO Partenza per Zanzibar Domenica 21 gennaio alle ...

  • di AlessandraVr
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ciao a tutti tpc! Eccoci ancora qua, siamo sempre Alessandra e Beppe...Siamo tornati per raccontarvi del nostro ultimo viaggio, questa volta non viaggio europeo ma bensì africano, o meglio Zanziberino!!! DOMENICA 21 GENNAIO Partenza per Zanzibar Domenica 21 gennaio alle ore 22 dall’aeroporto della nostra splendida città, Verona, con la compagnia Air Italy.

Dopo interminabili controlli eccoci pronti per partire: il boeing 757 era molto vecchiotto,servizio a bordo buono, il volo è andato molto bene e le 8 ore non sono state poi così pesanti dal momento che si viaggiava di notte! LUNEDI’ 22 GENNAIO Verso le 7, mentre stavamo a bordo a fare colazione, guardo fuori dal finestrino e sorvoliamo proprio il Kilimangiaro con la sua vetta tutta innevata...Uno spettacolo meraviglioso che merita una bella foto.

Verso le 8 arriviamo all’aeroporto di Zanzibar, l’aereo poi sarebbe ripartito per Mombasa come meta finale. Paghiamo il visto di ingresso della Tanzania 50$ (vi consiglio di pagare in $ dal momento che loro chiedono 50$ o 50 euro, quindi visto il cambio!!!) e cerchiamo poi di raggiungere le nostre valigie.

C’è una infinità di gente, dagli addetti all’aeroporto ai poliziotti, alle donne di servizio, a gente del posto ai turisti: non esiste un nastro trasportatore ma ci sono degli addetti che leggono i nomi sulle valigie e ti chiamano per recuperarle. Noi adocchiamo subito un tipo che nel giro di 5 minuti ci recupera le nostre valigie... naturalmente vuole una mancia e così lasciamo qualche dollaro.

Purtroppo mi trovo una bella sorpresa: la mia shuttle aveva il carrello spezzato a metà; cerco allora l’ufficio Lost&Found e faccio la denuncia all’addetto (parlava solo inglese e ha chiesto pure la mancia!!!). Presa da tutte queste pratiche non mi ero ancora reso conto del caldo infernale che faceva...Ci saranno stati 35 gradi con forte umidità.

Finalmente raggiungiamo il personale della Reliance, saliamo sul pulmino dopo essere stati assaliti dai locali che cercavano di chiederci delle mance e venderci l’impossibile.

Il tragitto fino al Coral Reef Resort, in località Pwani Mchangani, dura circa 1 ora, tra strade tutte sterrate e piene di buche; notiamo subito che la guida è a destra e che per strada ci sono diversi posti di blocco dove la guardia non fa altro che controllare quante persone ci sono sui pulmini.

Già qui si comincia a respirare il profumo di questa terra e già ci si rende conto che quello che si vede nei documentari qui è pura realtà: spazzatura ovunque, case fatte di paglia e fango, persone vestite di stracci, bambini nei loro vestitini tutti sporchi che corrono ai bordi delle strade a piedi nudi e salutano con le loro manine, uomini che portano carretti di legno, furgoncini pieni di gente del posto, donne che lavorano la terra e che portano dei secchi pieni d’acqua sulla testa...Bancarelle con frutta e verdura, povertà e miseria che regna sovrana...Mamma mia che tristezza!!! Arriviamo finalmente al Resort: ci aspetta un cocktail di benvenuto a base di noce di cocco fresca e cominciano le prime presentazioni del personale Reliance.

Dalla hall, che si trova in collina rispetto alla spiaggia, si possono vedere i bungalows che si sviluppano sulla collina fino giù alla spiaggia...E tra le alte piante si vede uno scorcio di mare con i suoi splendidi colori! Ci danno la chiave del nostro bungalow, il n.96 e scopriamo che si trova fronte mare...Fantastico! E’ una camera superior (in realtà si tratta di una standard che in più ha solo l’aria condizionata...E vabbè, lasciamo perdere!) abbastanza spartana con un letto a baldacchino munito di zanzariera, un tavolo con due sedie, due piccoli comodini, una specie di armadio e un bagno molto spazioso con la doccia in muratura un po’ vecchiotto e delle finestrelle piccole munite di zanzariera

  • 377 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social