La Tunisia che non ti aspetti

Una vacanza tutto relax in un villaggio diventa un modo per scoprire un paese e delle bellezze archeologiche uniche e meravigliose

  • di cozzapatata
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Tutto è partito con: "Amore, quest'anno sono proprio stanca, andiamo a riposarci in un bel villaggio all inclusive e sbattimenti zero!". E così è stato fatto. Abbiamo effettivamente prenotato un soggiorno di due settimane in un villaggio a Tabarka, piccola cittadina a 10 km dal confine algerino, famosa per un festival internazionale di musica jazz, che si tiene tra luglio e agosto. Cittadina, che, al nostro arrivo, scopriamo essere stata quasi completamente abbandonata dal turismo di massa (causa crisi economica, fallimento di grandi tour operator e incertezza politica).

Non sono però qui a raccontarvi delle nostre giornate passate a mollo (o almeno ci provavamo!) in un tratto particolarmente vivace del Mare Nostrum. Voglio raccontarvi delle perle che ho avuto la fortuna di ammirare.

La prima è la fortezza genovese, costruita a metà del XVI secolo dalla famiglia Lomellini, che si staglia sulla costa e il cui faro sancisce la fine del digiuno diurno durante il mese di Ramadan. La fortezza è oggi occupata dall'esercito tunisino e non è consentita la visita (è comunque possibile avvicinarsi fino alla porta d'ingresso).

Perla di immensa bellezza è il sito archeologico di Dougga (o Thugga), dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1997. Una città romana come ne sono sopravvissute poche (si pensi che ad oggi ne è stato portato alla luce solo il 30%). Tra gli edifici quasi perfettamente conservati: il teatro, il tempio di Mercurio, il Campidoglio, il foro, una rosa dei venti perfettamente conservata. E ancora, il mercato degli schiavi, le ville dei ricchi cittadini e le case delle prostitute, nonché le terme ed i vespasiani. E mentre ti aggiri incredula e stupefatta tra colonne che da secoli sfidano le forze della natura e confermano la loro supremazia, tu, unico visitatore della giornata, sembri quasi avvistare gli antichi abitanti del luogo impegnati nelle loro attività quotidiane. Due ore e mezza di bus da Tabarka, tra tornanti improbabili e villaggi reali, che ti fanno presto dimenticare la levataccia (dopo le 10 di mattina il caldo ed il sole diventano difficilmente sopportabili) e la guida assurda degli autisti locali.

Meritano una visita anche Tunisi ed i suoi più celebri sobborghi, Cartagine e Sidi Bou Said. A Tunisi è imperdibile il Museo del Bardo: antica residenza ufficiale dei bey husseiniti, è anche uno dei palazzi più belli del paese. La nostra visita è stata incentrata prevalentemente sui mosaici di epoca romana e paleocristiana, autentici tesori di valore inestimabile. Non può mancare ovviamente un "giro shopping" alla medina e al souk: profumi, colori e sapori che si annideranno nella vostra anima.

Ricordo ancora quando studiavo le guerre puniche e ricordo la famigerata scelta di Scipione Emiliano di distrugge definitivamente Cartagine... ma Cartagine, come la sua eterna nemica Roma, non può morire. Ed ecco emergere dal verde della macchia mediterranea i resti della seconda Cartagine, voluta da Cesare: a dominare la scena, le colonne delle terme di Antonino Pio, simbolo della ricchezza e del benessere di una città che pare immortale. Abbandonati al loro destino i porti punici.

Già che si è in zona, potete fare un breve salto anche a Sidi Bou Said, piccolo borgo arroccato sulla scogliera, che presenta i tipici tratti dei villaggi greci: finestre blu, muri bianchi e bouganvillee rosa.

  • 1669 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social