Sul lago Lemano tra Losanna e Montreux

In Svizzera alla ricerca dei mercatini di Natale (e non solo)

  • di Gherardo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Per la consueta uscita prima di Natale ho voluto invertire le rotte e visitare dei luoghi che per le tasche italiane sono quasi inaccessibili; ovvero la Svizzera. Per dirla tutta oltre al fatto di essere troppo cara è abitata ancora da troppa gente che vede gli italiani con disprezzo così che il capitano al termine dovrà ritenersi parzialmente soddisfatto della riuscita della vacanza stessa.

Ma partiamo con ordine.

Volo della EASYJET da Pisa per Ginevra con partenza alle ore 8,50 e acquistata a buon prezzo, circa 40 euro con un bagaglio in stiva che abbiamo condiviso e la compagnia questa volta era di 6 persone.

Per evitare un’alzataccia e partire da Sansepolcro alle 4 di mattina, siamo partiti la sera precedente dopo il turno di lavoro e cenato a Pisa in pizzeria Regginella (ottima la pizza) per poi farci un giro alla piazza dei miracoli che credevamo fosse almeno illuminata a puntino, essendo una delle sette meraviglie del mondo, e invece scopriamo la desolazione di quella magnifica piazza non valutata come dovuto.

Rientriamo nell’Hotel Athenaa due passi dal centro per alzarci alle 6,30 del mattino successivo.

Alle 7 del 2 dicembre eravamo già pronti al parcheggio riservato di MYPARKING (13 euro per 4 giorni), e in 5 minuti a piedi siamo in aeroporto. Facciamo subito check-in e colazione al primo bar.

Il volo puntualissimo con airbus A318 è quasi vuoto e nonostante questo le assistenti di volo non ci fanno cambiare il posto assegnato… già odore di svizzera.

Arriviamo a Ginevra e ci incamminiamo verso la pensilina dei treni premunendoci di biglietto ai distributori automatici che ricevono pagamenti sia franchi svizzeri che in euro, rilasciando resto in franchi.

Il viaggio verso Losanna in treno si paga 27 franchi ciascuno, altro profumino svizzero; puntualità ma anche costo del servizio.

Dopo neppure 50 minuti arriviamo a Losanna e all’uscita della stazione c’è fermata Metro con solita macchinetta per acquistare biglietti. 2,1 franchi a testa per un percorso entro la zona centrale.

2 fermate e siamo in piazza Riponne, scendiamo e con uno sguardo alla piazza in cerca di orientamento si avvicina un gentilissimo signore di chiara origine italiana al quale chiediamo dove sia Rue duMarché… Non lo sa con sicurezza ma si preoccupa di fermare un altro passante che ci indica esattamente il percorso. L’hotel di Marchè prenotato con booking non è distante e ci permettono di lasciare le valige alla reception prima di prendere la camera nel pomeriggio.

Si avvicina l’ora di pranzo e la fame si fa sentire. L’hotel nel frattempo ci ha rilasciato un comodissimo “pass” gratuito per poter viaggiare a Losanna con qualsiasi mezzo. Riprendiamo quindi la metro e in direzione opposta decidiamo di arrivare sulle sponde del lago dove sicuramente potevamo anche mangiare.

Dopo una breve passeggiata entriamo in negozi alimentari e panetterie. Acquistiamo delle piccole baghette farcite e dell’acqua pagando quasi 10/12 franchi a testa. Ritorniamo nelle panchine lungolago e sotto il tiepido sole ci fermiamo a mangiare accompagnati da innumerevoli cornacchie e passerotti che aspettano il pranzo e che a Giovanna si posano persino sulle mani per accogliere le briciole. Giovanna?... d’ora in poi presi dal ricordo del famoso cartone animato ambientato in svizzera, Giovanna sarà la nostra signorina Rottermeier

  • 2909 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social