Una Pasqua (invernale) in Svizzera… e Liechtenstein

Visita a Zurigo, Lucerna, Chur e... Vaduz

  • di Libra
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Quest’anno per la Pasqua non ci va proprio di stare a casa, così con un amico decidiamo di organizzare un viaggio molto fai da te, deve essere un posto però non molto lontano in modo da arrivare a destinazione in auto. Avendo visitato già diversi posti da poter raggiungere in maniera fattibile con auto, vado ad esclusione, opto alla fine per una nazione a noi vicina: la Svizzera! Ero già stato in Svizzera anni fa, ma questa volta vado ben oltre il “vicino” Canton Ticino.

Partiamo con un tempo grigio e freddo, nonostante siamo ormai ad aprile. In realtà il tempo non ci lascerà scampo per tutto il giorno della partenza. Pioggia abbondante e vento, tutto il giorno! Partiamo da Ferrara alle 4 30 del mattino, vogliamo cercare di non beccare traffico e di ottimizzare i tempi per godere al meglio più tempo e possibile. Partenza ad orario strategico e superiamo il confine verso le 7 40. Non becchiamo traffico. Subito poco dopo il confine ci fermiamo a una stazione di servizio dove a un bancomat facciamo un prelievo per avere dei franchi svizzeri. Fino al 15 gennaio un euro valeva il 20% in più della moneta elvetica, poi la crisi ha costretto la Banca Nazionale a liberare il cambio e ora fra le due divise c'è parità. Con conseguenze immediate...

Va detto subito che, come molti immaginano già, la Svizzera è davvero cara! Una serie di statistiche pubblicate dall'Unione Europea ha mostrato che la Svizzera è il terzo paese più caro in Europa dopo Norvegia e Islanda. L'alimentazione rimane particolarmente cara in Svizzera, quindi attenzione a dove e cosa mangiate. Va anche detto che le retribuzioni tengono in considerazione il costo della vita. Un inchiesta effettuata dalla banca UBS in 71 città del mondo ha mostrato che il numero di ore necessarie per guadagnare una somma sufficiente per acquistare una pagnotta e un hamburger in Svizzera è inferiore a quello di molti altri paesi. Le spese per l'alloggio rimangono invece cospicue e una grossa maggioranza della popolazione abita in affitto. La Svizzera ha il più basso numero di proprietari in Europa: nel 2000 solo il 34,6% degli alloggi erano di proprietà di chi li abitava. Le tasse sono relativamente basse, se confrontate a quelle dei paesi confinanti. Gli Svizzeri spendono però molto in assicurazioni, tra cui l'assicurazione malattia obbligatoria che da sola è pari a più del 5,6% delle spese. Un ulteriore 5% viene speso in assicurazioni private: più cose si possiedono, più si vuole, o si deve, assicurare.

Purtroppo non vediamo fiorito o tanto verde come ci aspettavamo, ma il tempo come dicevo non è stato clemente, per cui anche il verde e la fioritura primaverile è molto in ritardo. Il paesaggio sembra ancora quasi pienamente invernale sotto certi aspetti. In alto c'è ancora della neve. E non poca...

La prima nostra tappa sarà la regione di Lucerna e il Lago dei Quattro Cantoni, per molti il vero cuore della Svizzera. L’atmosfera è perfetta. Un panorama leggendario sulle montagne, un lago splendido, hotel prestigiosi e un’agenda culturale di alto livello. Ma anche infrastrutture perfette che svolgono la loro funzione da tempo. Voglia di modernità, di tradizione o di qualcosa di insolito? Qui diciamo che ci si adatta a tutte le esigenze. Il Lago dei Quattro Cantoni, circondato da celebri destinazioni di escursioni in montagna, è il lago svizzero che offre la maggiore grande diversità di paesaggio. Esso ricorda un po’ un paesaggio da fiordo, ma si caratterizza per il mite clima lacustre

  • 14166 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social