Lapponia svedese, a caccia dell'aurora

Quattro giorni sopra il circolo polare artico per cercare di avvistare l'aurora boreale

  • di SimonettaG
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Era da tanto tempo che cullavo il sogno di vedere l'aurora boreale ma, per un motivo o per l'altro, non ero ancora riuscita ad organizzarmi il viaggio. A novembre un'amica che viaggia molto ci dice che a cavallo del Natale e Capodanno andrà in Finlandia per vedere l'aurora. In quel periodo io non mi posso assentare dal lavoro, ma parlando con mio marito decidiamo di prenderci la prima settimana di marzo. Partono quindi le mie ricerche per organizzare il viaggio, e alla fine la scelta cade su Abisko, nella Lapponia svedese! Vi consiglio, se avete intenzione di fare un viaggio simile, di prenotare per tempo. La capienza alberghiera non è altissima, a fronte di costi a notte veramente elevati. Inoltre, ad Abisko, c'è una stazione per l'avvistamento dell'aurora, posta a 900 metri di altezza, sul monte Nuolja, che si raggiunge con una seggiovia. I biglietti per la salita sono venduti con mesi di anticipo, e quindi finiscono in fretta. Quando siamo arrivati noi, ad inizio marzo, non si trovava più nulla per tutto il mese (che era anche l'ultimo buono per l'aurora) e già sul sito si vendevano i biglietti per la prossima stagione. Per prima cosa abbiamo acquistato i biglietti aerei, su expedia, con la compagnia scandinava SAS, 700 euro, compresa assicurazione per eventuali annullamenti. Treno Kiruna-Abisko prenotato sul sito delle ferrovie svedesi, prezzo 14 euro a testa. Su booking albergo per una notte a Kiruna, 95 euro con colazione, hotel Samegarden e Abisko Guesthouse, 3 notti. All'inizio avevo prenotato una camera minuscola, con due letti a castello, senza finestra, con cucina e bagno in comune. Poi, in barba all'avarizia, l'ho cambiata con una un po' più vivibile, tripla ma sempre con letti a castello, con una finestra e un divano, ma con bagno e cucina in comune con un altro alloggio (costo circa 700 euro per tre notti). Ci aspetterà poi una bella sorpresa... Direttamente con la struttura ho poi prenotato il dog sledding (circa 120 euro a testa). Sul sito http://www.auroraskystation.com/ ho prenotato la salita con la seggiovia, costo 70 euro a testa. Non si tratta di una vacanza economica, ma per noi ne è valsa la pena. Andare fino a lì senza fare nessuna attività sarebbe decisamente sprecato! Ora cominciamo il racconto!

Mercoledì 2 marzo, si parte!

Abbiamo un volo comodo, partenza ore 12.55 da Linate e in circa due ore e trenta si arriva a Stoccolma. In aeroporto abbiamo più di cinque ore da far passare per il prossimo volo. Al ritorno avremo lo stesso tempo e decideremo di andare in città per un giretto veloce... oggi però non conosciamo ancora l'aeroporto, non sappiamo se ci saranno nuovi controlli e quanto tempo ci si impiega a spostarsi tra un terminal e l'altro e quindi facciamo qualche giretto tra i negozi e ci sediamo in un ristorante per una sorta di pranzo/cena. Ore 21.30 volo per Kiruna! In un'ora e mezza arriviamo in questo mini aeroporto... scendiamo dalle scalette dell'aereo e siamo già sulla neve! Il termometro dice meno nove gradi centigradi! Qui mi accorgo di aver fatto l'unico piccolo errore di organizzazione del nostro viaggio. Avevo visto che c'era la possibilità di prenotare già da casa un taxi per l'hotel, ma immaginavo (sbagliando) che ce ne sarebbero stati di liberi davanti all'aeroporto. In realtà erano tutti prenotati, e i vari tassisti erano dentro al ritiro bagagli con le loro lavagnette con su scritto il nome del loro passeggero. Poco male, c'è un telefono apposta per chiamare un taxi, che ci verrà a prendere in circa venti minuti. Rimaniamo solo noi e un altro ragazzo svedese che ci chiede se possiamo dividere il taxi. Per noi ovviamente nessun problema! Arriva il nostro mezzo e in circa 15 minuti arriviamo nella piccola città. Il nostro compagno è il primo che viene portato a destinazione e con nostra sorpresa ci dice che ci ha pagato lui il viaggio! Vorremmo ringraziarlo meglio ma non troviamo il modo. Arrivati in albergo, dobbiamo chiamare al telefono la proprietaria per farci dare un codice numerico per aprire la cassettina di sicurezza dove è contenuta la chiave della stanza. Raggiunto il letto, praticamente crolliamo, è mezzanotte passata!

3 marzo

Sveglia ore otto, facciamo colazione nella cucina dell'hotel. Abbiamo quello che ci serve: pane e marmellata, succo di arancia e caffè... Ovviamente ci sono anche cose salate, ma neanche le guardiamo! Andiamo a pagare la camera (attenzione, non hanno il POS!) e decidiamo di camminare fino alla stazione. In una ventina di minuti siamo sul treno che parte in orario alle 9.49 e arriverà in anticipo di un paio di minuti alla stazione di Abisko Ostra. Usciamo dalla stazione e vediamo subito le indicazione per l'Abisko guesthouse, che raggiungiamo in non più di cinque minuti a piedi (stando comunque attenti a non scivolare perchè si cammina sempre sulla neve!). Arrivati alla reception ci accoglie una simpatica ragazza, controlla la nostra prenotazione e SOPRESA! Ci fa un upgrade della camera! Così, invece di avere bagno e cucina in comune, li abbiamo privati! Decidiamo anche di prenotare per il giorno dopo un giro in motoslitta

  • 7633 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social