Meravigliosa Stoccolma

09.01.2008 Finalmente si parteeeeeeeeee!!! Questa vacanza assolutamente inaspettata ed improvvisa e’ arrivata! Che dire? Organizzata in un batter d’occhio andra’ sicuramente alla grande!!!! Siamo in cinque: Juan, Stefano, Marcella, Fulvia ed io…insomma un gruppetto ben assortito! L’idea e’ stata di ...

  • di paperstella
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

09.01.2008 Finalmente si parteeeeeeeeee!!! Questa vacanza assolutamente inaspettata ed improvvisa e’ arrivata! Che dire? Organizzata in un batter d’occhio andra’ sicuramente alla grande!!!! Siamo in cinque: Juan, Stefano, Marcella, Fulvia ed io...Insomma un gruppetto ben assortito! L’idea e’ stata di Juan, che ci ha proposto questo viaggetto in una citta’ poco conosciuta, meta non molto turistica, fredda, ma di una bellezza da togliere il fiato...

Ci troviamo a Ciampino (Ryan Air 46 euris a/r) per le 9.00, il volo e’ previsto per le 10.20, ma causa acqua ghiacciata sulle ali decolliamo con un’ora di ritardo...Non importa, la compagnia e’ ottima e poi si va in vacanza!!! Dopo 3 ore(di chiacchiere infinite di Marcy...Grazie grazie grazie!) siamo in Scandinavia, in Svezia,insomma a Stoccolma!!! Ci aspetta un bel freddino, e...Tanto buio: il sole infatti inizia a tramontare alle 15.30; Ritiriamo i bagagli, facciamo il biglietto alla macchina automatica ( 25 euro a/r) e siamo in attesa del bus. Fuori dall’aereoporto di Skavsta c’e’ un’ atmosfera surreale, e durante il viaggio in autobus verso il centro della citta’, questa mia sensazione si fa sempre piu’ forte: il cielo sembra sospeso, il freddo e’ intenso, ma sopportabile, il verde e’ ovunque, l’aria sembra di un pulito mai visto...Insomma e’ solo l’inizio di un viaggio fatto di tante sensazioni ed emozioni nuove, diverse da quelle che mi accompagnano ogni giorno a Roma.

Al Termnal City ci aspetta Juan (che e’ arrivato il giorno prima), ci fermiamo al Burghy per mangiare un panino e con 5 fermate di metro (la Tunnelbana) siamo al nostro albergo: Langholmen, una vecchia prigione ristrutturata su un isolotto pieno di verde, e’ fichissima, si dorme nelle celle!! ...Tutto questo viaggio per andare in galera????!!!! Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!! Sistemiamo le nostre cose,qualche foto al museo della prigione e via, di nuovo per la citta’! Ci dirigiamo subito a GamlaStan ( la citta’ vecchia) un isolotto nel cuore di Stoccolma e ci addentriamo nei vicoli, nelle stradine. Ammiriamo i palazzi colorati, signorili e molto accoglienti,i negozietti tipici ed i tanti localini che pero’ chiudono prestissimo, e poi gli addobbi di Natale ( nonostante sia gia’ passato!): lucine ed alberi ovunque! La cosa che desta subito la nostra attenzione, infatti, sono le finestre illuminate: ogni finestra di ogni palazzo ha 7 candele accese o un lumino o una stella...Qualunque cosa faccia luce! Danno alla citta’ un’atmosfera bellissima...Nonostante il freddo sembra di essere in un luogo caldissimo! Dopo aver camminato per un po’ sotto una pioggerellina insistente andiamo alla fermata della metro dove Juan ha appuntamento con Belinda. E’ la proprietaria del divano dove lui dormira’ per due notti (mai sentito parlare di Cough Surfing????), una ragazza simpaticissima e poliedrica. Fa la traduttrice di programmi televisivi ( in Svezia tutto cio’ che e’ straniero viene lasciato in lingua originale e tradotto con i sottotitoli svedesi ), e’ finlandese ( di una parte della Finlandia dove parlano svedese...Si tipo il trentino alto adige o la val d’aosta), con madre spagnola, parla anche inglese, italiano ed un po’ di greco...Insomma una di quelle persone che ti fanno pensare:”ma io a trent’anni cosa ho fatto della mia vita????”...Va be’ non rattristiamoci, il cammnino e’ ancora lungo! Ci dirigiamo verso un pub, dove ci sono altri cough surfer, ma dopo pochi minuti ed aver lasciato Juan con la nuova compagnia, ci dirigiamo in un locale accogliente e carino,mangiamo qualcosa, belle chiacchiere e poi di corsa a dormire: ci aspettano giorni molto intensi! 10.01.2008 Dopo una notte piu’ o meno agitata ( troppo caldo, poi troppo freddo, poi di nuovo caldo...)ci svegliamo alle 8...Per tutte le cose che dobbiamo vedere ci servirebbero almeno 50 ore al giorno! Ci fermiamo a fare colazione in un bar vicino la metro, si chiama "Frapino" e a quanto abbiamo capito e’ l’orgoglio svedese in fatto di caffe’ e affini...Infatti appena il cameriere ha capito che stava parlando con Italiani, ci ha chiesto subito cosa pensavamo del suo cappuccino! Buono si, ma nulla a che fare con il nostro!

Dopo un muffin gustoso ci incontriamo con Juan...E comincia il tormentone della vacanza: e’ il suo venticinquesimo compleanno e dopo i festeggiamenti della giornata, “Buon Compleanno a TIGO”rimarra’ come frase indelebile di queste vacanzine svedesi!!! Facciamo la Stocholm Card (con 58 euro abbiamo diritto per tre giorni a tutti i musei e trasporti gratis!) e ci dirigiamo con il mitico autobus 47 (come tutti i mezzi di trasporto puntuale e riscaldato!) all’isola di Djurdgaden dove andiamo subito a vedere il piu’ grande museo all’aperto del mondo: Skansen

  • 958 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social