Montagne argentee ed avventure purpuree

Arriviamo vicini a Stoccolma con Ryanair... Noleggiamo un auto ...e via, verso nord ovest. Abbiamo 600 km da trascorrere in foreste senza confini. Esse cingono la strada come una alta coperta e sorvegliano il nostro cammino, come se fossimo intrusi. ...

  • di flyvan
    pubblicato il
  • Partenza il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Arriviamo vicini a Stoccolma con Ryanair... Noleggiamo un auto ...E via, verso nord ovest.

Abbiamo 600 km da trascorrere in foreste senza confini. Esse cingono la strada come una alta coperta e sorvegliano il nostro cammino, come se fossimo intrusi. Strade fatte da rettilinei infiniti e pallide curve, sempre senza neanche l'ombra del traffico. Ogni tanto la foresta si schiude per dare posto a piccoli villaggi, composti da poche case, che costellano piccoli laghi come gemme dimenticate. Subito dopo, gli alberi si richiudono fino al bordo della strada, lasciando quella sensazione di ... Ricordo dimenticato. I km si susseguono vorticosamente, mentre a noi sembrava di non muoverci neppure... Stavamo solo attenti che qualche animale non sbucasse improvvisamente sulla strada...

Ci avviciniamo alla contea di Härjedalen, definita dagli svedesi "il posto dimenticato da Dio" , nella regione dello Jämtland, e la vegetazione comincia già a combiare ... Piano piano si sostituiscono le essenze che costituiscono queste ricchie foreste: betulle, pino silvestro, abete rosso varietà nordica (rami più corti che lo fan sembrare una fiamma) e tutto acquisisce una tonalità ancor più selvaggia.

Facciamo ingresso nella conte Härjedalen e subito dopo una fermata obbligatoria... "greggi" di renne attraversano e sostano placidamente sulla strada. Capiterà per tre volte... Qui ci sono 45000 renne su 13000 km2 , e solo 11000 persone, il che la rende la regione meno densamente abitata di Svezia con i suoi 0,8 abitanti per km2, contro la media di 21/km2 ... È 4 volte più facile incontrare renne che uomini !! Oltre alle renne, qui si trovano molti alci, orsi, ghiottoni, lupi, linci, pernici artiche, volpi artiche, gallo cedrone/forcello, daini, cervi, e il preistorico bue muschiato... E molte altri che non enuncio.

Cominciano ad imporsi sulla pianura... Le montagne argentee chiamate fjäll... Todeggianti panettoni che dominano le foreste, totalmente coperte da neve vista la bassa vegetazione della tundra... Assumono colori dall' argento al viola che si oppone al blu elettrico del cielo. Si, abbiamo notato che qui i colori sono molto diversi dal solito... Sono più puliti, puri... Metallizzati. Le montagne, man mano, guadagnano di imponenza e rigore... Non sono mai altissime...Ma non invidiano nulla alle alpi in quanto a carettere estremo. Paiono nuvole, e come tali ...Soffici ed irraggiungibili. La luce è particolarissima, pensavamo fosse buio qui, invece, anche se il sole rimane all'orizzonte, vi è luminosità in abbondanza, visto la neve che qui certo non manca.

Ci addentriamo nella contea , fatta da laghi, fiumi, foreste e montagne e ... Animali. Arriviamo ad Hede, dove si erge una montagna maestosa e tipica per la sua erosione glaciale sul fianco che le attribuisce un paesaggio tipico canadense e costituisce un famoso parco nazionale ...Sönfjallet . Qui dimorano molti orsi, difatti, è la zona più densamente abitata dall'orso bruno, di tutta Europa. E siamo solo a 15 km dalla nostra destinazione: Långå , un piccolo villaggio di 150 anime , in una valle solcata da un pescosissimo fiume: Ljusnan. Arriviamo nel bed & breakfast gestito da una piacevole famigliuola... Tutto in una chiave romantico-antica, ...Lui è italiano e ci farà da guida per le avventure.Questo sarà il nostro "campo base".

Ci introducono con molte nozioni riguardo alla natura della zona, che ha tonalità estreme nascoste sotto ogni foglia... Senza perdere di fruibilità e pace. Personalmente non pensavo che in Europa ci fossero posti così, diciamo intensi, a livello di natura e paesaggio; pensavo che certe emozioni si dovessero ricercare verso il Canada. Sopratutto la sensazione di abbandono, di ritorno al passato, alle leggi naturali ed al senso di isolamento dal mondo caotico e corrotto dallo stress. Qui si è in mezzo al nulla ... Al centro del Mondo. Ad una notte molto romantica e piena di stelle, segue una giornata di avventura... L'"oste" ci noleggia degli sci da fondo e ci porta su delle montagne dietro a Långå, addentrandoci in strade forestali totalmente bianche, al nostro passaggio seguiva un nuvolone di neve polverosa che invadeva tutta la strada. Ci rendiamo sempre più conto delle dimensioni esagerate delle foreste, e più salivamo di quota, più esse concquistavano l'orizzonte. Sulle montagne tirava un vento fortissimo e la neve scorreva come un fiume di serpenti ai nostri piedi ...Ehm ... Sci. Sembrava una spedizione polare, ed incuteva un giusto timore... Ma qui è la patria mondiale dello sci da fondo... Con più di 1000 km di tracciati desdicati al cross country sci. Lo stupore derivava non solo dal paesaggio, ma anche dal fatto che non pativamo affatto il freddo nonostante i -10 gradi che imperavano. Ci fu spiegato che è per via dell'aria secca senza umidità. La gita fu incredibile, e nonostante noi siamo dei principianti, abbiamo vissuto un´esperienza dal contesto molto estremo, e senza alcuna difficoltà, il percorso era lungo ma facile, ed in un contesto così stupefacente, i km scorrono come acqua in un fiume... . Al ritorno fu d'obbligo una sauna in una casettina tutta di legno, con una lanterna rossa appesa fuori dalla finestra che dava una atmosfera particolare col suo dondolare al vento tra i fiocchi di neve che cominciavano a cadere nell'oscurità. La sauna fu prorpio piacevole e ristoratrice... Una gran sudata a suon di ceppi di legna nella stufa... Luci soffuse ed odor di legna ed eucalipto... Vapori ed emozioni. Intanto fuori, la neve. Ceniamo con la ottima cucina tradizionale fatta in casa dalla moglie dell'oste e ci corichiamo nel campo base, abbastanza presto in visione della prossima avventura... La motoslitta. Al mattino l'oste mi fa fare un breve giro per spiegarmi piccoli ma grandi consigli sulla neve fresca, ghiaccio, come riconoscere i sentieri dedicati alla motoslitta, riconoscere i laghi ghiacciati e quali direttrici prendere. POi la moto rimane a noi... E io era la prima volta che ne guidavo una ! Avevo un navigatore, che qui non guasta. Ci hanno anche preparato una zuppa calda di mirtillo e della torta alle mele fatta in casa... Qui non puoi portare bottiglie d'acqua perchè ghiaccerebbe in breve tempo. Partiamo. Seguiamo i sentieri con le X rosse ... Arriviamo ad un nevaio pianeggiante che mi era stato mostrato e, come consigliato, mi diverto a fare accellerate ,derapate e frenate, tanto per prendere confidenza con il mezzo, che mi sorprende per la potenza ed accellerazione. Ci divertiamo un po' e via... Lungo le rotte bianche ! facciamo una trentina di kilometri ed arriviamo ad un lago immenso che pareva tanto sigillare i confini del mondo... Una torre strana si ergeva dal mezzo delle sue acque bianche ... Tutto era gelato , ma ci fu sconsigliato di andare su quel lago in particolare... Continuiamo... È davvero bellissimo... Un senso di libertà incommensurabile... Sembra di essere in un documentario sulla preistoria... Natura e origini... Il posto per filosofeggiare sulla propria esistenza

  • 594 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social