Perù, Bolivia e nord del Cile: 18 giorni in autonomia

Due fratelli alla scoperta di un angolo di Sud America

  • di jaguar89
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

PREMESSA e CONSIGLI

L’idea di un viaggio in Sud America, e in particolare in Perù, era già da alcuni anni nella mia mente, ma un po’ per motivi economici (mi sono laureato da poco), un po’ per la logistica non semplicissima, non ero mai riuscito a portare in fondo il progetto. Quest’anno invece, entrato a lavorare e avendo mia sorella Alessandra (22 anni) raccolto con entusiasmo la mia proposta, siamo riusciti finalmente a organizzarlo. L’itinerario è partito con un’idea di massima e si è poi raffinato con il tempo, grazie agli spunti di altri racconti letti sul sito di Turisti per Caso o sulla guida Lonely Planet (LP nel seguito) del Perù, che ci ha accompagnato nel viaggio. A Dicembre 2014 l’itinerario di massima era già abbastanza definito e a Febbraio abbiamo acquistato i voli (andata su Lima e ritorno dal Cile) per 1350€ a persona con American Airlines, accettabili considerando la tratta diversa tra andata e ritorno e il periodo di Ferragosto. Abbiamo quindi successivamente deciso di aggiungere 2 voli interni per ulteriori 250€ circa a testa. Per carattere, ho preferito prenotare la quasi totalità dei pernottamenti dall’Italia (direttamente su booking.com), in modo da risparmiare qualcosa e da avere sempre un posto di rifermento il più possibile affidabile: valutate voi se siete disposti a sacrificare un po’ della vostra flessibilità per avere anche più tempo a disposizione nei luoghi visitati o meno. Il livello globale di sicurezza nelle città, anche per noi che viaggiavamo da soli, ci è sembrato meno terribile di quanto letto altrove (con la parziale esclusione di La Paz), ma certamente non è paragonabile a quello delle principali capitali europee. Infine un viaggio del genere è impegnativo, prevedendo un gran numero di spostamenti e necessitando di un certo grado di adattamento da parte di chi lo compie: noi abbiamo preferito lo zaino al trolley come bagaglio (e secondo me la scelta è stata azzeccata) e abbiamo previsto sempre un po’ di margine per poter recuperare eventuali ritardi e/o contrattempi che, come leggerete, si sono puntualmente verificati. Per il resto godetevi questi luoghi meravigliosi, abbandonatevi a questi paesaggi sconfinati e immergetevi in culture e civiltà lontanissime da quelle a cui siete abituati: il Sud America vi saprà conquistare e sorprendere!

Spesa complessiva: 3000€ a persona (2000€ di trasporti, 330€ pasti e cibo, 220€ pernottamenti, 400€ ingressi e escursioni, 50€ spese varie minori)

Cambi a Agosto 2015:

Perù: 1€ = 3,723 Nuevos Soles (SOL)

Bolivia: 1€ = 7,795 Bolivianos (BOL)

Cile: 1€ = 783,12 Pesos Cileni (CH$)

USA: 1€ = 1,139 Dollari ($)

1°giorno – Giovedì 6/08/2015 (Milano)

Il viaggio comincia con il trasferimento a Milano con l’Intercity delle 17.24 da Livorno. Il treno arriva puntuale alle 21.50 in stazione da dove prendiamo la metro verde fino a Garibaldi per andare a cena con il mio amico Lorenzo, che ci ospiterà per la notte. Mangiamo un piatto veloce a Bio.it e poi andiamo a nanna perché domani mattina abbiamo alle 6.55 l’espresso per Malpensa, preferito al bus per evitare problemi di traffico.

2° giorno – Venerdì 7/08/2015 (Volo)

Il comodo espresso di TreNord ci porta a Malpensa prima delle 8, in netto anticipo per il volo delle 10.10 per Miami. I bagagli vengono spediti direttamente a Lima. Il volo con American Airlines (10h) è piuttosto scomodo e il servizio offerto è essenziale, ma ci porta comunque puntuali a Miami alle 14.10 (-6h di fuso) per un prezzo onesto. Dopo circa 2 ore e mezzo prendiamo la coincidenza per Lima (5h) dove ad attenderci abbiamo il comodo servizio di TaxiDatum (prenotato dall’Italia) che per 20$ ci porta al nostro hotel (Casa de Baraybar, molto buono) a Miraflores (50$ la doppia) dove ci concediamo il meritato riposo

  • 129190 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. davovad
    , 6/11/2015 20:53
    Per il prossimo viaggio il mio modesto consiglio é: dedicatevi di piú a viaggiare e meno a seguire pedissequamente la Lonely Planet

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social