Pochi consigli... Ma spero utili

Io e mio marito abbiamo deciso di fare un viaggio in Sudafrica non perché ci attirasse in modo particolare, ma spinti dall'esigenza di trovare un paese fuori dai circuiti "terroristici" e dall'ovvia esclusione dei molti paesi da noi già visitati. ...

  • di Donatella Querci
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Io e mio marito abbiamo deciso di fare un viaggio in Sudafrica non perché ci attirasse in modo particolare, ma spinti dall'esigenza di trovare un paese fuori dai circuiti "terroristici" e dall'ovvia esclusione dei molti paesi da noi già visitati. Devo dire che quando eravamo ormai prossimi alla partenza ci siamo un po’ preoccupati perché, guardando sul sito del Ministero degli Esteri, abbiamo visto che sconsigliava fortemente un viaggio in Sudafrica a causa di alcuni episodi di violenza capitati a turisti anche in zone e orari cosiddetti sicuri. Ormai comunque i giochi erano fatti e siamo partiti.

Ho deciso di scrivere questi appunti di viaggio perché ritengo possano essere utili ad altri viaggiatori che, come noi, partono senza un'organizzazione alle spalle e vogliono vedere tante cose non spendendo molto ma godendo di comodità che certi paesi ti consentono in quanto i costi di permanenza sono per noi convenienti. Personalmente navigare nel sito di "Turisti per Caso" mi è stato di grande utilità.

Cosa dire del Sudafrica? E' indubbiamente un bel paese con splendidi paesaggi e spiagge bianche certo non ci ha suscitato le emozioni dei siti Atzechi o Maja di Messico e Perù però questo era ovviamente prevedibile così come, vuoi per la tipologia delle abitazioni che per la maggior parte si vedono viaggiando, vuoi per la natura del territorio delle zone che abbiamo visitato, l'impressione che si ha è più quella di un paese nord europeo che non quella che nell'immaginario si può avere dell'Africa.

Febbraio/marzo non sono i mesi maggiormente consigliati per il turismo, perché sulla costa dell'oceano indiano è stagione di piogge che condizionano negativamente le vacanze ed diminuiscono la possibilità dell'avvistamento di animali all'interno dei parchi a causa della maggiore presenza di vegetazione. Questo però è molto relativo, in parte perché ormai le stagioni hanno un andamento molto meno prevedibile e poi perché si può godere di altri vantaggi (meno turismo, meno traffico ecc.). Noi comunque abbiamo trovato sole e visto diversi animali in più, pur non prenotando nulla dall'Italia, non abbiamo quasi mai avuto problemi a trovare le sistemazioni adatte alle nostre esigenze.

Siamo partiti da Roma con un volo della Olimpyc (€ 500 circa a testa) alle 19,15 e siamo arrivati a Johannesburg alle ore 10,00 del giorno seguente. Da lì siamo andati a Pretoria ospiti di amici, i quali oltre a farci fare un giro dei dintorni ci hanno portato a Sun City, una specie del Las Vegas del Sudafrica, che non vale assolutamente nulla.

Il terzo giorno abbiamo ritirato la macchina (Tojota Tazz 1300) della Europcar che avevamo prenotato dall'Italia scegliendola per la sua convenienza rispetto alle altre compagnie di noleggio auto (circa € 33 al giorno) e siamo partiti alla volta di Sabie (Mpumalanga) impiegando circo 4 ore, ma viaggiando con tutta calma. A Sabie abbiamo dormito in un B&B situato subito all'ingresso del paese ed abbastanza confortevole al prezzo di € 33 la doppia (Wild Fig Three Guest House). Voglio precisare che tutte le sistemazioni avevano il bagno in camera. Il giorno dopo abbiamo fatto il giro della "Panoramic Route" che, con i suoi canyon e le sue bellissime vedute, ci è piaciuto molto.

Il quarto giorno siamo partiti per la costa direzione Hluhluwe attraversando lo Swaziland, pensavamo di fermarci a dormire a Mbabane invece, visto che era presto abbiamo preferito continuare e pernottare a Big Bend un paesino vicino al confine dalla parte di Lavumisa in un albergo un po’ fatiscente ma pulito (€ 27) e mangiato ad un ristorante, di cui non mi ricordo il nome, un ottimo sea-food al curry (entrambi indicati nella Lonely Planet), un suggerimento! Prendete la porzione piccola in due, perché è semplicemente esagerata anche se buonissima! Questa sosta, a parte il sea-food, potevamo anche risparmiarcela perché non c'è assolutamente niente da vedere e, essendo arrivati abbastanza presto, saremmo potuti anche andare avanti. Comunque la nostra tabella di marcia non sarebbe cambiata di molto

  • 6184 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social